Il belato della resistenza

Campana entrò nel locale basso e affollato. Verso il fondo tre capre smisero di ruminare tra loro e si girarono nella sua direzione. Campana sentì il loro sguardo sospettoso addosso mentre si faceva strada nella ressa, verso l’angolo dove Macchia e Zampacorta stavano aspettando.
Si posizionò accanto a loro, salutando con un cenno del capo. “Avete visto là in fondo? Che ne pensate? Collaborazionisti? Spie?” bisbigliò, accennando alle capre che ora stavano confabulando piano.
“Sssh! Non guardare dalla loro parte.” replicò Macchia “Sono entrate qui subito dopo di noi. Non mi meraviglierei ci stessero seguendo.”
“Vadano a farsi arrostire! Non ho paura di quelle come loro!” esclamò Zampacorta.
“Prudenza, niente colpi di testa. Ricordatevi, non siamo arieti.” Campana abbassò ancora la voce. “Ho saputo or ora che i lupi hanno occupato tutto il pascolo della Valle Bianca.”
“Ma è tremendo! Ci stanno cacciando da tutti i prati che sono nostri da sempre!” esclamò Zampacorta. “Cosa facciamo adesso? Quali sentieri prendiamo? Dove possiamo andare a pascolare?”
“Cosa dicono i pastori?” chiese Macchia.
“Niente, purtroppo. Sono stato tutto il giorno con le orecchie tese per captare un annuncio, una lamentela, un’iniziativa, ma…nulla. Nessuno di loro ne ha parlato.”
“Nessuno…? Ma…cosa stanno facendo?”
“Che io sappia, stanno discutendo tra loro i piani pastorali. Poi c’è tutta una diatriba se si debbano tosare o no quelle di noi che hanno avuto problemi con i parassiti, e pare che non ci si possa occupare d’altro.”
“Ma è follia! Le loro greggi sono cacciate fuori da tutti i pascoli e parlano di queste…”
“Eppure è così. Io ho provato a spiegarlo al mio pastore, ma mi ha risposto che dobbiamo assumerci responsabilità, che dobbiamo essere noi a trovare l’erba migliore, capire dove brucare al meglio, gestire le sorgenti…dobbiamo diventare pecore adulte, insomma.” Campana chinò la testa.
“Scusa, ma non mi è chiaro. Cosa c’entra con i lupi?” Zampacorta era nera di rabbia. “E, se non ci guidano, cosa stanno a fare loro?”
“A quanto pare si può essere pastori anche senza un gregge, o l’idea di cosa faccia davvero bene alle pecore”, rispose Campana.
“Dobbiamo convincerli a intervenire. Non abbiamo la forza, da soli, per scacciare i lupi, anche perché la gran parte del gregge aspetta qualcuno che li conduca. Siamo tante, e potremmo resistere se volessimo. Ma senza un pastore che ci spieghi i sentieri noi saremo disperse.”
“Andiamo dove si riuniscono, diciamoglielo! Facciamolo per gli agnelli!”  Zampacorta si voltò verso Campana. “Tu sei già stata da loro, porta anche noi!”
“Non ci torno, là. Ci sono tra loro umani che non sono pastori e ci guardano strano. Dicono che sono proprietari delle terre ed esperti di allevamento, e alcuni li hanno chiamati macellai. E’ poi c’è la puzza, insopportabile.”
“Puzza? Che puzza?”
“Quella che si spruzzano addosso. Pare che sia di gran moda, lo chiamano ‘Profumo di pecora’. Pare che glielo vendano i lupi, giù all’emporio. Ma non so proprio da dove lo prendano.” Disse Campana con un brivido.
Si guardarono con desolazione. “Come faremo? Senza guida sempre più dei nostri vanno a pascolare con le capre, oppure spariscono.”
“Meglio cento giorni da pecora che tutta la vita con le capre. Non ci rimane che sperare che alcuni dei pastori si risveglino. Oppure il Gran Pastore torni, e metta le cose a posto.”
“Ma troverà ancora un gregge, quando tornerà? Quando dividerà le sue pecore dalle altre?” Macchia si voltò brevemente verso il fondo del locale. “E noi, ci saremo ancora?”

Gregge_pecora_nera-300x225

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 29 febbraio 2016 su Entopo. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 8 commenti.

  1. I sentieri che percorriamo hanno 2000 anni. Se li seguiamo non ci perderemo. I pastori seguiranno il gregge e ritroveranno la strada. Le capre facciano quel che gli pare: capre capre capre.

  2. le leggi della natura

    Ricordiamo ai signori ovini che il gregge è artificiale invenzione dei pastori e il lupo è naturale predatore della pecora.

  3. Il Gran Pastore come sempre ha fatto manderà pastori migliori di quelli attuali, occupati a discutere della creazione di pascoli intensivi su Marte e disinteressati a quello che avviene sulla terra. Nell’attesa bisogna cercare di sopravvivere.

  4. Aldo, il Gran pastore sceglie i suoi pastori dal gregge; stringiamoci, quindi, senza dividerci.

    Ringrazio capron Malvino per averci ricordato le leggi della natura, ma si è dimenticato che difendersi dai predatori è anch’essa una legge, e lo si fa meglio se si ha il dono dell’intelligenza. Che il gregge sia una creazione dei pastori è una interesante teoria, che i branchi di animali selvatici troveranno curiosa. D’altra parte, se lui che vuol rimanere animale e capro solitario e vuole stare dalla parte dei lupi, stia: vedrà quando avranno fame.

  5. ( e mai dimenticare che i pastori grandi medi o piccoli lo fanno per puro amore; latte lana e carne non interessano affatto.

    per tacere di usi alternativi di qualche pecorella quando il pastore si sente particolarmente solo – sono di origini sarde e so quello che dico)

  6. gattorandagio

    E allora caro r&s, permettimi di citare una battuta che se non ricordo male disse Montanelli: “non c’è peggior sardo di chi non vuol sentire”

  7. la battuta originale di montanelli era “non c’è perggior sardo di chi non vuol sardine”

  1. Pingback: Il belato della resistenza | VIETATO PARLARE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: