Mani rugose

Ecco, in questo istante sono venticinque anni.
Qualcuno su Twitter oggi chiedeva: “ma voi, di molto sopra i 40, all’amore ci credete ancora?”
Oh, sì. Come tutto, anche l’amore si trasforma.
Il mio corpo non è più quello di un quarto di secolo fa: meno impaziente, con il fiato più corto. I miei bordi si sono smussati, non vedo chiaramente né da lontano né da vicino; il colore dei capelli ora è argenteo. Le mani hanno macchie, e non sono più così lisce; ci sono solchi che qualcuno potrebbe chiamare rughe.
Eppure, chiaramente, sono ancora io. Dentro sono ancora io, il mio nucleo è il medesimo. Sono cambiato senza cambiare.
Se mi chiedeste se il mio amore è lo stesso di venticinque anni fa, no, direi di no. Non puoi vivere tanto tempo con una persona senza imparare; senza che il flusso dei giorni lavi via tutto ciò che c’era di ambiguo, di illusorio, di superfluo. Quindi no, non è lo stesso, come il mio corpo non è lo stesso, come il cristallo che estrai grezzo dalla roccia non è lo stesso di quando il gioielliere avrà finito di occuparsene.
Io credo ancora nell’amore perché non penso che l’amore sia qualcosa di immediato, una sensazione, che oggi c’è e domani no. Quello è ciò che viene asportato dal tempo, perché non è amore, ma la sua apparenza, il suo aspetto sfolgorante, lo strato superficiale. C’è una permanenza, che ho scelto un quarto di secolo fa per me, per lei, per i figli, per il mondo e di cui non mi pento. Ciò che sta sotto, ciò che è eterno, ciò che non ti puoi dare e forse neanche capire, ma a cui solo ti puoi appigliare quando la tempesta infuria, le luci si spengono, il male ti insidia; quello a cui hai promesso la tua fedeltà, venticinque anni fa, incidentalmente nella persona di una donna, a quello credo. Ancora, e sempre. Non l’abbandono. Non mi abbandonerà.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 26 luglio 2022 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 10 commenti.

  1. “Prometto di amarti e onorarti, nella buona e nella cattiva sorte, finché morte non ci separi”
    Che dire di più?

  2. Buon anniversario! Tanti auguri per le nozze d’argento!

  3. Auguri diavolaccio!
    Alla Berlicchessa li ho fatti stamattina, spero te li abbia girati!! ;-)

    Allora, si può davvero dire: Ne vale la pena!!!

  4. bravi. quanto al futuro, è in grembo a giove.

  5. Cavaliere di San Michele

    Auguri un pochino in ritardo…. Ma di cuore!

  6. Senza minimamente preoccuparmi di sembrare banale, formale e senza fantasia, anch’io vi porgo i migliori auguri per il vostro anniversario. Avanti così!

  7. Belle le mani rugose… Quelle resteranno sempre così. I due anelli si possono sempre lucidare.
    Auguri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: