CF

Il 3 febbraio 1949 il cardinale Jozsef Mindszenty fu portato a processo. Erano passati trentanove giorni da quando la polizia comunista l’aveva arrestato, giorni durante i quali avevano cercato di costringerlo con tutti i mezzi a firmare una falsa confessione. Botte, umiliazioni, freddo e torture psicologiche non erano bastate. Ma poche ora prima, di fronte alle minacce alla sua anziana madre, aveva ceduto. In calce alla sua firma aveva aggiunto la sigla C.F.: “Coactus feci“, l’ho fatto sotto costrizione.

Lungi da me potermi paragonare con quella luminosa figura e quelle circostanze. Ma anch’io, in calce al documento liberatorio che oggi mi si chiederà di firmare, aggiungerò la stessa sigla.

In quell’antico regime, che la storia ha giudicato, coloro che urlavano “libertà!” sono finiti come cani del potere o nelle fosse comuni. Sì, perché occorreva liberare il paese da tutti quelli che si opponevano al progetto. Qui, in apparenza, il potere ci va molto più piano. Ma provate a pensare come sarebbe stato trattato un governo che si fosse spinto a tanto per seguire una sua agenda, per reprimere un dissenso, anche solo tre anni fa. Quando gli allineati di oggi denunciavano il pericolo autoritario. Qualche personaggio ha parlato di misure necessarie per “convincere” a vaccinarsi: come fu convinto Mindszenty. Chissà tra altri tre anni dove saremo.

Come ho già scritto più volte, non sono a priori contro i vaccini, neanche questi. Ma trovatemi un medico, un virologo, un dato statistico che mi spieghi bene perché dovrei vaccinarmi adesso, a Covid già passato pochi mesi fa con sintomi leggeri, con la vita sana e la prevenzione che seguo. Quale sia la motivazione logica, da cosa dovrei proteggermi o proteggere esattamente, perché dovrei rischiare l’abbassamento immunitario e gli effetti collaterali che la letteratura e i dati reali mi avvertono dovrò subire con altissima probabilità.

E spiegatemi anche dove e come si potrà fermare questa corsa verso un mondo in cui non è ammesso fare, o pensare, in modo differente da quello imposto, un mondo di menzogna istituzionalizzata. Sì, il regime comunista era questo, e alla fine implose.
Ma tra 1949 e 1989 sono passati quarant’anni; dal 1989 ad ora, poco più di trenta.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 4 gennaio 2022 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 30 commenti.

  1. È sicuro di farlo?

  2. Dover per forza fare il vaccino quando magari si hanno ancora gli anticorpi alti a causa del covid passato e si ha uno stile di vita prudente in effetti non ha molto senso. Ma le regole devono essere fatte per coprire tutti i casi, anche quelli di chi se ne infischia delle misure preventive o ha una risposta immunitaria poco durevole. Comunque se si esce dall’ordine di idee che il vaccino covid sia un attentato alla propria salute tutta la faccenda può essere vita in maniera più rilassata. Quanto ai paragoni con i regimi totalitari mi chiedo come mai oggi si gridi alla dittatura mentre 40-50 anni fa nessuno fiatava quando ci si beccava il “punturone” al militare. All’epoca manco si sapeva cosa veniva iniettato per cui, se proprio, c’era più dittatura allora che adesso.

  3. Giacomo, come dicevo del cardinale…

    “Le regole devono essere fatte per coprire tutti i casi” mi sembra di capire che in questo caso voglia dire “non tenere conto di nessuno”. Il che è contrario ad ogni norma e consuetudine giuridica e medica. Si rischia di fare del male alle persone, ricordo. Se poi, Enrico, sei contento del siringone, la libertà è la tua.

    Comunque, vaccino fatto, per ora braccio indolenzito e mi sento un po’ tuonato (cioè come al solito).

  4. La quantità di anticorpi specifici circolanti conta poco. Ormai sappiamo che gli attuali vaccini (non convenzionali) anti-covid danno una forte risposta anticorpale a breve termine, che poi va scemando progressivamente (di qui la presunta necessità dei rinforzi). Chi invece è stato esposto al virus contraendo l’infezione sintomatica sviluppa soprattutto i linfociti T del sistema adattivo che permangono per periodi di tempo molto lunghi (forse per tutta la vita). E (ancora più sorprendente!) questo vale anche i loro “contatti” rimasti asintomatici. Tutto ciò era già stato rilevato da molti studi pubblicati già prima dell’estate scorsa (e anche da una relazione del Mario Negri).

  5. Immagino ci sia una ragione, ma non posso non scrivere che sono dispiaciuta della resa…

  6. Esatto, ci sono più studi che affermano che o guariti non devono vaccinarsi
    Cosa che comunque vale per altre malattie: se hai avuto varicella o morbillo ad esempio non ti devi vaccinare
    Ah già, ma il covid fa parte delle influenze… quindi perché non basta una dose come per l antinfluenzale?
    Tanti dubbi, tante domande senza risposte…

  7. Cavaliere di San Michele

    Inattesa fratellanza, se posso osare, di spirito. Anche io avevo deciso di firmare con tale sigla e così firmerò venerdì.

    Dio mi perdoni la mancanza di saldezza, ma il mio stipendio è troppo necessario ai miei figli.

    Due cose aggiuntive :

    Sul sito su cui prenotare è ancora scritto che “la vaccinazione è libera e volontaria”

    Un insegnante sospeso per motivi disciplinari gravi (accusa di pedofilia, violenza, ecc) ha ancora diritto a metà stipendio per non morir di fame. Io no

  8. Io ho fatto il vaccino mesi fa; ora sono positiva al Covid e rinchiusa a casa. Quando l ho fatto ho messo sulla mano la corona del Rosario. Sono molto pre conciliare…..

  9. NO ALLA DITTATURA SANITARIA. AVETE VAXXXINATO LE PEKORE ORA PROVATE A VAXXINARE HAI LUPI. NON LO BOGLIAMO KUEL VAXXINO COL MERKURIO

  10. La feccia novak… :-D

  11. Fa sempre tenerezza vedere i troll tentare.

  12. Ricattato con la perdita dello stipendio, pagato pizzo fisicamente, avallando inoltre 4 menzogne.
    La prima è che l’informazione mi abbia portato al consenso, le altre tre sono le falsità alla base della normativa stessa: prevenzione della diffusione dell’infezione (contraddicendo gli stessi fogli informativi di questi farmaci), creazione di luoghi di lavoro sicuri (bastano tampone e misure consuete), requisito per poter insegnare (ero rimasto a competenza e abilità pedagogica). Il tutto a confluire nel greenpass, certificato di obbedienza e registro dei nuovi sacramenti, pensato per essere il nostro avatar che ci permetterà di usufruire, bontà loro, dei diritti umani. “Nuova normalità” in cui serve la tessera per sedersi al bar o andare al lavoro, “immunizzati” che si ammalano, “in sicurezza” e i contagi aumentano… l’ossimoro come forma di governo.

  13. edoardo malgarida

    @Enrico. Se si guarda dal punto di vista sanitario di nota che le misure prese sono senza senso (e in altri paesi ad esempio hanno fatto diversamente). Se invece di guarda ad un altro disegno, di tipo totalitario, allora le cose prendono una loro logica. Quanto al siringone: ho fatto il militare, mi venne spiegato esattamente cosa stavano per inocularmi, ed erano vaccini per malattie con una mortalità ben più alta del covid. Inoltre solo i maschi erano soggetti a tali vaccinazioni, ed erano tutti nel pieno delle forze. Di sicuro non avevano 5 anni.

  14. Hanno per padre il diavolo.
    Omicida fin dal principio.
    Tout se tient.

  15. speriamo che il giorno del giudizio dio accetti il c.f. perché mi sa che ci proverà un sacco di gente. auguri.

    (a noi stoici precristiani hanno invece insegnato, a suo tempo, che “se in una stanza c’è fumo non è vergognoso uscire”)

  16. L’obbligo che pare ora vogliano istituire per gli over 50 è invece una misura perfettamente sensata: si esce dell’ipocrisia del consenso informato e si va ad incidere sulla fascia di popolazione maggiormente a rischio. Col vaccino, piaccia o meno, si salvano molte vite: nella mia città (e provincia) a novembre e dicembre 2020, con tutti chiusi in casa, sono morte 1.084 persone di/per/con Covid in 10 settimane; nel novembre e dicembre 2021, con tutto aperto, i morti sono scesi a 77, sempre in 10 settimane. Qui leggo di persone che sembrano quasi sentirsi in colpa per essersi fatte il vaccino, quasi fosse una cosa di cui andarsi a confessare. Davvero a volte ho l’impressione che si sia perso il senso della misura.

  17. Sono d’accordo, l’obbligo vaccinale è una misura (oppressiva) sicuramente meno ipocrita. Ma i fatti ci dicono che questi “vaccini” non riescono stroncare la circolazione del virus. Allora perché insistere?
    La risposta è ovviamente: a dicembre di quest’anno abbiamo un decimo dei morti rispetto a dicembre 2020.
    Ma io mi chiedo: sono stati i vaccini? o non è stato forse perché dai primi di dicembre circola l’Omicron (nell’80% dei campioni delle acque reflue qui in Veneto e Lombardia, 90% in Campania), e forse anche perché sta momentaneamente abbassandosi la curva delle persone potenzialmente a alto rischio (per età, patologie ecc)?

  18. Sarebbe stata non dico sensata (perché la natura del cosiddetto vaccino risulta di giorno in giorno più chiara) ma almeno comprensibile con le varianti precedenti del virus. Adesso, visti i dati, è solo ridicola e dannosa. E il resto del provvedimento è anche peggiore.
    Enrico, qualche mese fa avevamo avuto una discussione sull’argomento. Mi puoi dire, in tutta onestà, se c’è ancora uno solo dei tuoi argomenti di allora che regge?

  19. “Davvero a volte ho l’impressione che si sia perso il senso della misura.”

    Su questo, non posso che concordare.

  20. L’efficacia dei vaccini obiettivamente è deludente, almeno rispetto alle promesse mirabolanti che erano state fatte agli inizi per convincere le persone a vaccinarsi. È un dato di fatto che sono state dette tante cose rivelatesi poi sbagliate e non penso solo perché all’epoca alcune informazioni non erano disponibili. C’è questa tendenza non solo dei media ma anche di alcuni esperti, a mio avviso deleteria, di semplificare i messaggi riportando informazioni troppo ottimistiche per convincere la gente, con il piccolo effetto collaterale di essere poi smentiti dalla realtà. Quanto al dato sulle morti sicuramente incide il fatto che lo scorso anno la pandemia ha già colpito una parte delle fascia di popolazione più fragile; sulla variante omicron è vero che è meno letale, per cui abbassa il tasso di mortalità, ma in termini assoluti (numero dei morti) è da vedere quale sia il suo effetto dal momento che alza di molto il denominatore (vista l’elevatissima contagiosita); c’e poi da considerare che rispetto al 2020 quest’anno c’era la variante delta, che è sia più contagiosa che più letale. L’unico modo per fare un confronto serio e ad armi pari è guardare i dati dei non vaccinati e mi sembra che per questi i tassi di mortalità e di ricovero in terapia intensiva non siano dissimili dai numeri dello scorso anno (anzi!). Per cui è evidente che il grosso degli effetti positivi di riduzione del numero dei morti è legato ai vaccini. Che sono tutt’altro che perfetti ma ci hanno consentito di fare una vita non in lockdown senza mandare in tilt il sistema sanitario (lo scorso anno si era dovuto fermare tutto già a metà novembre).

  21. Concordo che il Parlamento dovrebbe avere la coerenza di rendere obbligatorio il vaccino. L’attuale situazione (vaccinazione ufficialmente “volontaria” ma a tutti gli effetti obbligatoria) è una ipocrisia che nasce, a mio parere, dall’opportunismo dei partiti, alimentato a sua volta dalla pattuglia di chi pretende di avere la botte piena e la moglie ubriaca (a buon intenditor poche parole).

    Piaccia o no, viviamo in una società che comporta degli obblighi con i quali non siamo d’accordo. Una buona parte del mio stipendio se ne va in imposte che vengono spese in modo inefficace e/o per finalità che disapprovo: dovrei mettere un C.F. sul modello unico?

    Quanto infine alle teorie della cospirazione, mi fanno tristezza. Ma davvero pensate che i mali del mondo siano dovuti alla cospirazione tra i rettiliani e gli illuminati, e che senza di loro le cose andrebbero molto meglio? E io, sciocchino, che credo a spiegazioni molto più banali come il peccato originale…

  22. Ma perché tutti i media accusano i 5,6 milioni scarsi di non-vaccinati di occupare addirittura l’80% dei posti letto e delle t.i.? Perché falsificare così la realtà? Per dar sempre la colpa a loro e scatenare l’odio sociale?
    Secondo la recente tabella dell’ISS del 2021-12-21:
    – i non vaccinati ospedalizzati per covid erano 5.081, ma i vaccinati ben 5.735
    – i non vaccinati in t.i per covid erano 747, ma i vaccinati 427
    – i non vaccinati deceduti per covid erano 722, i vaccinati ben 1033.

  23. Perché quando si entra nel loop della menzogna, bisogna ogni volta mentire sempre più (la fake news di regime sul “novax” coi lacci emostatici ne è esempio).
    Perchè è ormai chiaro, dopo due anni, che non interessa minimamente curare le persone; anzi.
    Perciò altri sono, evidentemente, gli scopi.

    Comunque gli ultimi dati ufficiali disponibili (bollettino ISS del 28 dicembre scorso) dicono che i non sottoposti a nessuna terapia genica erano ancora quasi sette milioni, all’11 dicembre.
    Secondo me, e non solo, sono qualcuno in più; ma teniamo pur buono questo dato.

    Poi ci sono i vaccinati per finta.
    Poi ci sono i vaccinati solo grazie al ricatto del lavoro (per esperienza personale, i più “cattivi”).
    Poi ci sono i vaccinati inizialmente spontanei, che però non ne vogliono più sapere di altre dosi di veleno.
    Poi ci sono quelli che hanno sì fatto anche la terza dose, però poi basta perché la menzogna è evidente.

    A margine, c’è tutto il resto diciamo “non covid”.
    Aumenti di luce e gas del 50%, per dire, significano la fame e il freddo per milioni di Italiani (in più a quelli che già sono in queste condizioni).
    Sempre che non siano superiori, vista la situazione geopolitica.

    La saldatura di queste componenti della società in una comunità coesa è, in tutta evidenza, da evitarsi con ogni mezzo.

  24. Questa e’ l’epoca in cui ogni cavolata, la piu’ grande possibile sarebbe meglio, trova un grandissimo credito! Ti salvi solamente perche’ sei un narratore di fanta…scienza!

  25. No! Non farlo!

    Ce la possiamo fare, continuiamo a pregare.

    Chiara

  26. Monoclonali «Un’ora di flebo e il Covid sparisce».

    Così esordisce l’articolo apparso su Avvenire del 6 dicembre 2021. L’intervistata è Evelina Tacconelli (professore ordinario di Malattie infettive e direttore della clinica di Malattie infettive dell’azienda ospedaliera universitaria di Verona, responsabile del gruppo di ricerca sulle infezioni resistenti agli antibiotici dell’università di Tübingen).
    «Una sola dose di anticorpi monoclonali… in una sola ora riduce di oltre l´80% il rischio di ricovero ospedaliero: non solo evita la malattia severa, quindi la terapia intensiva o addirittura il decesso, ma “costa infinitamente meno di un ricovero”. Eppure in Italia in alcune regioni i monoclonali non sono stati utilizzati, addirittura sono stati trasferiti in altre regioni per evitare che scadessero… Da noi basta una telefonata per ricevere la terapia e tornarsene a casa poco dopo»
    Non solo: «La notizia è che stanno arrivando anticorpi monoclonali in grado anche di fare prevenzione prima del contagio; e altri ancora potranno essere utilizzati subito dopo un possibile contagio, sempre per prevenire».

    L’intervista (che si conclude comunque col consueto e obbligatorio appello a vaccinarsi) è un’accusa seria alla pessima gestione delle cure più sicure e efficaci (e economiche).

  27. L’unione europea ha comprato 1,8 miliardi di dosi di vaccino, sono circa 4 per ogni europeo (bambini compresi):

    https://nypost.com/2021/05/08/eu-signs-deal-with-pfizer-for-up-to-1-8b-covid-vaccine-doses/

    Questo fa venire il fondato sospetto che avessero in mente fin dal principio di fare almeno 4 dosi – e quindi che tutta la retorica vaccinale è una montatura.

  28. Ago86. Il contratto energia coprire 3 anni e si sapeva da subito che servivano almeno 2 dosi, obiettivamente non vedo nulla di strano.

  29. Ma la domanda resta.
    Perché fare scorte addirittura triennali vista la nota fuga delle varianti dei coronavirus a fronte di vaccinazioni fatte in piena pandemia? Forse che agli eminenti consulenti governativi e virologi sfuggiva questo dato di letteratura scientifica noto a noi villani?

  1. Pingback: CF – l'ovvio e l'evidente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: