Buone intenzioni

Ho finito di vedere la serie di Netflix “Arcane”, ambientato nel mondo del gioco League of Legends. Raramente le serie o i film legati ai videogiochi valgono qualcosa; in questo caso, si potrebbe quasi parlare di capolavoro. L’animazione, tecnicamente e visivamente, è prodigiosa. Colonna sonora straordinaria; ottima regia; la trama, seppure a tratti prevedibile nei suoi sviluppi, ha una discreta dose di colpi di scena e soluzioni geniali.

Sebbene sia abbastanza facile distinguere i “buoni” dai “cattivi”, la storia è tale per cui alla fine si può giungere a provare empatia, e forse anche simpatia, per assassini psicopatici e boss mafiosi. E’ un’opera dura: si apre con primi piani di cadaveri, e scene di spessore simile non mancano nel corso della narrazione.

Il tema che scorre al di sotto della storia è “il fine giustifica i mezzi?”. E, se la risposta è sì, fino a che punto si possono spingere questi mezzi?
La risposta è complicata dal fatto che, come in altre opere, non esiste una vera autorità morale, non c’è una ragione per la pietà, non esiste qualcuno che possa davvero concedere il perdono per gli errori commessi. In altre parole, non c’è un Dio. I personaggi agiscono spinti dalla loro coscienza, o bussola interiore, e sappiamo bene noi tutti quanto questa possa essere inadeguata. I sensi di colpa possono fare letteralmente impazzire.

Così il governo della città del progresso si “dimentica” dei disgraziati nella città sotterranea al di là del fiume; i ricchi aristocratici disprezzano, ricambiati, la feccia che cerca di arrabattarsi tra i loro rifiuti. Fino a dove si può arrivare per cambiare questa situazione? Se la legge è ingiusta, usare l’illegalità diventa lecito? Un siero, una fonte di energia possono essere usati per salvare o per uccidere; uccidendo anche mentre si cerca di salvare. C’è un limite a quanto si può, si deve conoscere?

Non aspettatevi una risposta chiara. Come in altre opere recenti, c’è una quantità di buone intenzioni che vanno orribilmente storte. In un videogioco poi, come nei libri o nei film, c’è sempre qualcuno che tiene per il cattivo, e sarebbe pessimo marketing indisporlo. Quantomeno la trama spinge a pensare alle conseguenze delle azioni compiute credendosi nel giusto, per rabbia o ambizione – almeno, spinge gli spettatori più consapevoli. Ci si può anche accontentare dell’azione, del disegno, delle musiche; ma è perdersi la parte migliore.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 30 novembre 2021 su gusto e disgusto. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 5 commenti.

  1. Ok da vedere. Ma è una serie prodotta da Netflix? E se sì, quanta ideologia woke c’è? Ormai quasi ogni cosa che fa Netflix è al 10% trama e al 90% propaganda. Forse si salvano giusto i prodotti orientali

  2. xSircliges: Stranamente poca. C’è giusto un accenno al fatto che due protagoniste si piacciono, ma è sottointeso e non insistito. In compenso ci sono figure materne e paterne sorprendenti.

  3. La mia ipotesi è che calchino la mano con la propaganda soprattutto con i prodotti occidentali, mentre con quelli che nascono in oriente funziona diversamente e non si osano, per tutta una serie di motivi

  4. Arcane è USA-Francia, anche se la proprietà ultima di Riot games è cinese. E’ uscita in contemporanea anche in Cina. I disegni sono “occidentali” come stile principale. Da notare che la Cina, negli ultimi anni, si è lanciata con forza nella produzione di serie animate specie in computer graphic, anche se spesso con trame poco digeribili.

  5. Ahimè, quindi in futuro potremo scegliere solo tra storie occidentali (in cui metto anche il Giappone) che idolatrano l’individuo e serie cinesi che lo appiattiscono?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: