Una questione filosofica

Li augelli cantavano lieti nel nascosto giardino dove il filosofo Sallocrato intratteneva i suoi discepoli con dotte discussioni. Una statua marmorea della dea Atena Callipigia vegliava sull’erudito consesso.
Erimedonte, uno dei giovani allievi, si rivolse al Maestro.
“O Saggio Maestro, posso avere l’ardire di porre una domanda circa un dubbio che mi attanaglia?” chiese il perplesso giovinetto.
“Poni, poni”, replicò il saggio filosofo contemplando placido i piccoli cavalli che pascolavano quietamente ai margini del praticello.
“Oggi i messi annunziarono con evidente gaudio”, principiò Erimedonte, “che in una terra lontana i giudici di quelle genti avrebbero permesso ad un povero malato di farsi togliere la vita da conoscenti, senza che questi subissero ingiuria per il loro luttuoso agire.”
“Anch’io udii questa notizia”, replicò Sallocrato contemplando con sospetto una foglia di insalata.
“Molti di coloro che di tale nuova gioirono sono i medesimi teorizzanti che il non iniettarsi la sostanza detta vaccino equivarrebbe a decretarsi la morte, e sostengono i renitenti a tale pratica essere degli scellerati”, continuò Erimedonte.
“Continua”, disse il filosofo aggrottando le folte ciglia.
“Perché quindi codesti renitenti non sostengono che sì, il loro astenersi dal fluido galenico è un suicidio, e quindi meritarsi l’approvazione e il plauso di coloro che sino a pocanzi li schernivano?”
Una pausa di silenzio stupefatto seguì tali parole, poscia Sallocrato afferrò la statua della dea e si mise a percuotere lo stolto giovinetto sulla cervice.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 24 novembre 2021 su diavolerie e cattiverie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 29 commenti.

  1. Nel disegno manca la statua della dea!
    😂😂😂

  2. Salute a voi, o esimii! Lo medesimo dubbio del giovinetto apprendista silosofo perplimette me pure, poi lo riposi, ma di quando in quando ancor me lo pongo, ché se lo pongo a certi Sallocrati novelli rischio mi arrivi in testa qualcosa che non è di pongo.
    A Giacomo: la Pigiacalli s’è ritirata quatta quatta in un angolino.

  3. Cavaliere di San Michele

    Non era Venere, la Callipigia?

    Atena mai e poi mai!

  4. xCavaliere: ultimamente quello delle belle terga sembra essere anche un attributo degli scienziati e intellettuali…

  5. Forse perche’ il tipo che decide di suicidarsi fa male a se stesso e alle persone che gli vogliono bene, mentre il novaxxer fa male a tutta la comunita’? Io ho problemi di salute e sono soggetto a rischio, devo avere paura a prendere l’autobus perche’ potrei incontrare quello che si e’ fatto le sue ricerche su Facebook e ora sta spandendo virus. Complimenti, eh.

  6. Ma non eravate protetti dal vaccino?

  7. Ma finiscila. Il vaccino non e’ sicuro al 100%, ma e’ meglio di niente. Neanche la tua auto e’ sicura al 100%, ma la usi lo stesso.

  8. Appunto: nulla è sicuro al 100%, per cui cosa vuoi ancora? Cerchi una sicurezza che sai non è possibile e lasci che venga conculcata la tua libertà e quella di tutti per un’utopia che sai essere irrealizzabile?

  9. No, voglio che vi facciate quella punturina per rischiare meno quando esco di casa. Lo so che a voi piace pensare che ci siano dentro i feti abortiti, ma questa e’ solo una vostra allucinazione. Magari coinvolgesse solo voi!

  10. Colonscopia, il bersaglio della tua indignazione è errato, ha ragione Ago86: è un errore prendersela con i non vaccinati. Per le persone a rischio non è così rilevante che uno sia vaccinato o non vaccinato, per il semplice inconfutabile dato di fatto che pure i vaccinati possono veicolare il virus. Semmai dovresti prendertela con chi, vaccinato o no, non osserva nei tuoi confronti e nei confronti di altri le comuni norme di sicurezza: mascherine adeguate, adeguatamente portate, adeguata igienizzazione e adeguate distanze di sicurezza (adeguate alle condizioni di ambiente, ventilazione, clima, temperatura, umidità, durata dell’esposizione al contatto…). Il virus continua a circolare anche tra i vaccinati perché queste semplici misure di sicurezza non vengono rispettate, sia da parte di molti vaccinati che da parte di molti non vaccinati. E’ tutto qui il discorso. Tu continuerai ad essere a rischio anche se tutti si vaccineranno.

  11. …sì, lo so, dovevo scrivere se tutti si vaccinassero… l’ipotesi di una vaccinazione globale è assurda: se anche si vaccinassero tutti gli italiani, campa cavallo che si vaccina tutto il resto del mondo, il mondo gira, la gente gira, girano le varianti …

  12. Non è chiaro perché il “colon…” continui a inserire commenti dal contenuto così assurdo.
    Nessuna persona obiettiva infatti può più negare che le 2, 3, 4, … punturine non proteggono (e non proteggeranno) dal contagio ma solo dalla gravità della malattia. Il virus continua a saltare da un vaccinato o non-vaccinato all’altro, e gli unici che si prendono il rischio restano i non vaccinati. Questo lo dice la scienza e lo conferma l’evidenza.
    Certo, finché i test li facciamo fare solo agli sprovvisti di greenpass, sembrerà che il virus giri alla grande solo tra questi…

  13. Anche berlicche e’ rimasto contagiato dall’idiozia pandemica. Confonde il tentato suicidio del rifiuto vaccinale con il tentato omicidio dell’altro! E come tutti coloro che rappresentano un pericolo per la comunita’ vanno messi in condizioni di non nuocere! E a cio’ e’ preposta l’ autorita a cui tutti siamo tenuti a sottostare! Le leggi, le ordinanze vengono emanate per essere osservate e non cernite da un giudizio personale! Questa e’ anarchia, e in materia sanitaria estremamente pericolosa!

  14. Immagino sia inutile osservare come non esista alcun obbligo vaccinale di legge, per la quasi totalità della popolazione italiana.
    E come in uno Stato di diritto siano obblighi solo quelli previsti esplicitamente dalla legge e nessun altro.

    La pretesa di dover sottostare a una legge che non esiste rasenta la follia. O magari vi è già tracimata.

    “Il popolo è minorenne, la città è malata, ad altri spetta il compito di curare e di educare. A noi il dovere di reprimere! La repressione è il nostro vaccino! Repressione è civiltà!”

    Attenzione, però: il dio vaccino è un dio esigente e per nulla misericordioso.
    Lo mettete in dubbio, nei fatti, con troppa leggerezza. Sembra proprio che non vi fidiate di lui.
    Giustamente, allora, dovete prenderne ancora un altro po’…

  15. Caro Antonio, se essere vaccinato ti mette al sicuro, perché parli di tentato omicidio? Se fare il vaccino non rende sicuri, perché vuoi mettere gli altri nella stessa condizione? Se ci sono categorie di persone per cui, visti i dati, fare il vaccino è 10, 100, 1000 volte più pericoloso della malattia, perché parli di suicidio? In quest’ultimo caso io parlerei nel caso di vaccino di omicidio del consenziente. E il cerchio si chiude.
    Se poi di fronte ad un ordine o una legge irragionevole non ti prende il minimo dubbio e obbedisci ciecamente… è una tua scelta. Ma spero tu ti renda conto che questo fa di te un servo, non un uomo.

  16. In Italia finora sono morte di Covid-19 un totale di 15 persone tra i 0 ed i 9 anni, 20 persone tra i 10 ed i 19 anni, 79 persone tra i 20 ed i 29 anni e 297 persone tra i 30 ed i 39 anni. Questi dati di mortalità, obiettivamente, non sembrano giustificare l’aggressività nel voler vaccinare tutti sempre e comunque, considerando il fatto che i vaccini per il Covid-19 hanno evidenziato effetti collaterali più rilevanti rispetto a quanto mediamente avveniva con altri vaccini sviluppati in passato, in particolare per quanto riguarda proprio i giovani (vedi miocarditi, pericarditi ecc.). Sebbene gli effetti avversi al vaccino rimangano comunque estremamente rari, è anche vero che la mortalità da Covid-19 per le fasce indicate sopra è altrettanto rara. Il rapporto rischi-benefici, per queste fasce di età sembrerebbe quindi propendere a sfavore dei vaccini. Sulle fasce di età superiore ai 40 neanche mi soffermo, perchè per gli over 40, ed in misura crescente all’aumentare dell’età, il beneficio dei vaccini dati alla mano è talmente evidente, che se uno non lo riconosce, non lo fa per mancanza di argomenti ma per disonestà intellettuale. Detto questo, rimane il problema degli under 40: come mai, nonostante i dati, si continua a “ricattare” le persone perchè si vaccinino comunque? La risposta che viene generalmente data risiede nel fatto che più persone sono immunizzate e più si limita la circolazione del virus, riducendo statisticamente anche le possibilità che esso muti e diminuendo il tasso di occupazione degli ospedali (che rimane la principale preoccupazione degli enti regolatori e sappiamo che, se i morti sono pochi, non è altrettanto infrequente che gli under 40 finiscano in ospedale per Covid). Qui, gli ostili al vaccino, in genere obiettano che è provato come i vaccini stessi non proteggano dall’infezione al 100%, cosa innegabilmente vera, e quindi non avrebbe senso imporre i vaccini visto che non permetteranno mai di raggiungere l’immunità di gregge. Numerosi studi, tuttavia, hanno provato che i vaccini riducono comunque la trasmissibilità del virus, per cui farli o non farli fa una differenza. Inoltre non sono rari i casi di under 40 che magari non finiscono in ospedale o terapia intensiva, ma che riportano danni permanenti a seguito dell’infezione da Covid (il cosiddetto “long Covid”), il che suggerirebbe comunque l’utilità del vaccino. Ad ogni modo, si potrebbe obiettare che anche i vaccini comportano in taluni casi degli effetti collaterali che, pur non portando all’ospedalizzazione, sono comunque estremamente fastidiosi. Come mai allora questa insistenza? La risposta di chi in genere si oppone al vaccino è che vi siano forti interessi delle case farmaceutiche a vendere più vaccini possibili oppure che si sia colta l’occasione del Covid per sperimentare su vasta scala sociale sistemi di controllo della popolazione. Personalmente, più pragmaticamente, propendo per il fatto che l’obiettivo dei poteri forti (governi, istituzioni, imprenditori ecc.) sia quello di fare di tutto perchè il sistema non si fermi di nuovo (il lockdown ad un certo punto di diffusione del virus è l’unico modo per permettere a tutti di curarsi) e sono quindi disposti eventualmente a far correre anche un surplus di rischio ad alcune fasce di età, che avrebbero scarsissime possibilità di sviluppare forme letali di Covid-19, pur di ridurre il più possibile la circolazione del virus ed evitare appunto che tutto si blocchi di nuovo. Si tratta di una soluzione tutt’altro che ottimale (tutti vorremmo avere dei vaccini sicuri ed efficaci tendenzialmente al 100%, ma non c’è ancora stato il tempo di svilupparli) ma a mio avviso rimane la migliore sul tavolo. Buona parte degli equivoci tra vax e no-vax a mio avviso nasce dal fatto che ragiona come se fossimo in un mondo perfetto in cui si hanno sempre soluzioni semplici e sicure tra le mani, purtroppo invece il mondo è un pò più complesso di così e richiede talvolta l’adozione di soluzioni subottimali.

  17. @Enrico
    Molti dimenticano che il virus sars-cov-2 è un virus trasmissibile da una persona all’altra. Sembra ovvio ricordarlo , eppure tanto ovvio non è rispetto a chi sostiene l’inutilità o anzi la dannosità della prevenzione vaccinale per le fasce giovani della popolazione ed i minori.
    Se è infatti vero che questi corrono meno rischio dello sviluppo di una malattia seria, è vero che sono un veicolo di trasmissione verso gli altri e verso quelle fasce della popolazione più deboli.
    Questo perchè
    1) ci sono delle persone che non possono vaccinarsi
    2) ci sono delle persone che pur vaccinate non producono anticorpi. Il vaccino più efficace, il pfizer, dichiara una efficacia al 93%, il che significa che c’è un 7% della popolazione che pur vaccinato è come se non lo fosse. Parliamo, in termini numerici di più di 3 milioni di persone.
    3) ci sono delle persone che NON VOGLIONO vaccinarsi, e quindi si sommano ai milioni di cui sopra.
    Il virus si trasmette. Le eventuali reazioni avverse da vaccino, invece, non sono infettive…e non si trasmettono.
    Quindi un infetto può ammalare o addirittura involontariamente produrre la morte di molte persone. Un vaccinato NO.
    Non si può quindi mettere sullo stesso piano le probabilità di morte da COVID per un giovane, e le probabilità di morte da vaccino. Se anche fossero confrontabili matematicamente (e non lo sono , perchè anche cosi i dati danno ragione ai giovani vaccinati) non lo sono allargando il ragionamento ai veri rischi che comporta diffondere la malattia.
    Quindi, e su questo uso la tua frase :
    “il vaccino rimane la migliore soluzione sul tavolo”
    Tutto il resto , come dicono a Roma, è peggiore. E chi insiste a provare a dimostrare il contrario salta sempre qualche elemento essenziale dell’equazione corretta.

  18. MariaVT, quasi tutto quello che affermi è smentito dai dati o completamente sbagliato. Ti suggerisco di ricercare informazioni reali e non avventurarti in spiegazioni su argomenti che, mi duole dirlo, si capisce che non comprendi.

    Enrico, credo sia la terza o la quarta volta che ci riproponi la lenzuolata con la tua versione delle cose. Ti chiederei di limitarti, come specificano le regole del blog.
    La tua “ipotesi pragmatica” non regge ai fatti. Vorrei anch’io credere che i nostri governanti facciano tutto per il nostro bene, e ho concesso loro molto a lungo il beneficio del dubbio su ogni provvedimento assurdo, irragionevole o semplicemente idiota. Purtroppo ormai ciò non è più credibile. C’è gente che ha le mani lorde di sangue, e sembra che non importi loro molto.

  19. Berlicche, hai ragione sul fatto che ho abusato fin troppo della tua ospitalità; ad ogni modo io sono convinto che a guidare i nostri governanti non sia tanto il nostro bene, quanto la necessità di aumentare il PIL e non bloccare le attività economiche. Quello è il movente principale. Quanto alle mani lorde di sangue, con migliaia di morti in meno rispetto a quando non c’erano i vaccini, penso che qualche riflessione dovrebbe farla anche chi si oppone senza se e senza ma ad ogni ipotesi di vaccinazione.

  20. Enrico, se fosse il PIL non si capirebbero certi blocchi e certi annunci, tipo l’ultimo. Chi si oppone senza se e ma dovrà rendere conto, , ma chi ha stabilito politiche omicide di negazione delle cure e vaccinazioni senza senso non sono loro. E, ancora una volta, non cogli (o vuoi cogliere) il punto di questo post o degli altri. No, non è una questione medica.

  21. “MariaVT, quasi tutto quello che affermi è smentito dai dati o completamente sbagliato. Ti suggerisco di ricercare informazioni reali e non avventurarti in spiegazioni su argomenti che, mi duole dirlo, si capisce che non comprendi”

    Ma come ti permetti di dare della scema a me e ad altri MILIARDI di persone che insieme e me si stanno vaccinando sparsi per il mondo? Ma ci prendi tutti per scemi o sempliciotti o servi inconsapevoli di qualche padrone?
    “Si capisce che non comprendi?” Invece comprendo molto bene caro, e penso che abbiano compreso tutti che fuori di qui non saresti in grado di sostenere una sola delle tue ragioni, poggiate su pseudo-informazioni incontrollate ed incontrollabili, su cui ti poggi come se fossero la Bibbia , e su cui peraltro non applichi quel minimo di valutazione critica , detta “buon senso”.
    Sono proprio quelli come te, che pensano di aver capito tutto, che si fanno manovrare, perchè persi nella propria presunzione non si rendono conto di essere solo una rotellina di un ingranaggio comunicativo che alla fine serve solo a dare un po di “clic” ed un po di soldi a chi lo alimenta. Intelligentoni vittime della propria intelligenza.
    Detto questo buon monologo.

  22. MariaVT: MILIARDI di persone che come te si sono vaccinate o si stanno vaccinando, dovrebbero essere la maggioranza della popolazione terrestre. Già da quello che affermi il Covid, secondo quanto affermano anche gli esperti, dovrebbe già essere sconfitto per immunità di gregge e invece circola sempre. La colpa è della minoranza dei non vaccinati? Il “buon senso” è porre anche delle domande e avere risposte altrettanto sensate.

  23. Silvano, nel mondo si è vaccinato con dose completa il 42,7% della popolazione; anche se i vaccini per il Covid-19 fossero efficaci come i migliori vaccini sviluppati per atri virus (ma sappiamo che non lo sono), per ottenere l’immunità di gregge ci vorrebbe una percentuale ben più alta di quella attuale. Il pressapochismo di questi ragionamenti (“il vaccino non copre al 100% ed allora non ha senso farlo”, “in tanti si sono vaccinati quindi ci dovrebbe essere l’immunità di gregge” ecc.) non depone certo a favore dell’idea che ad essere contrari al vaccino siano mediamente le persone più informate e più scrupolose nell’analisi critica dei dati.

  24. MariaVT, non ti ho dato della scema. Ti ho detto che non comprendi. Non comprendere non è da scemi, capita anche ai migliori; rifiutarsi di riconoscerlo, ecco, questo è da scemi. Se vuoi i tuoi errori te li dettaglio negli imbarazzanti particolari. Ma, d’altra parte, se sei stata incapace di comprendere le due righe che ti ho rivolto, cosa che dimostra la mia assunzione, temo che sarebbe tempo sprecato.

    Enrico, come ti ho ripetuto il vaccino non è il punto. Detto questo, 1- l’immunità di gregge si ottiene nell’ovile, quindi considerare il mondo non c’entra 2- in presenza di un vaccino non immunizzante, come questo è, è impossibile ottenere l’immunità di gregge tramite esso.

    Edit: https://twitter.com/LukeDuke1268/status/1466019249604997124

  25. Berlicche hai fatto benissimo a pubblicare questo link twitter, che dimostra ancora una volta la disonestà intellettuale (o la cocciutaggine intellettiva) sia di chi produce questi grafici , sia di chi li legge ed interpreta a modo suo.

    Vado per punti, così ti aiuto capire

    Questi sono in punti diretti sul tema :
    1) Spiegaci (e spiegati) perchè si parli solo di UK e Germania , e perchè non si parla di Italia (sei italiano mi pare, Il GreenPass, Super GreenPass, zone gialle, rosse etc , sono tutte cose italiane). Forse che le statistiche italiane non si possono pubblicare perchè sarebbero migliori ? (visto che ci sei in contatto, parla con @LukeDuke1268 e fattela fare…vediamo se la pubblica!)
    2) Confrontare 2020 e 2021 senza tener conto che nel 2020 tutti i paesi (UK e Germania compresi) hanno proceduto con dei robusti lockdown totali, che hanno limitato fortemente gli impatti mortali anche in mancanza di vaccini , è disonesto.
    3) Non tener conto che nel frattempo nel 2021 è emersa una variante (la mitica Delta) molto più contagiosa della variante iniziale del virus è disonesto.
    4) Non tener conto della leggerezza con la quale questi paesi hanno ripreso la vita normale come se il vaccino fosse la panacea di tutti i mali, riaprendo fin quasi da subito nel 2021 stadi palestre teatri cinema senza mascherine o senza precauzioni, è disonesto.
    5) Non tener conto che nel 2021 i vaccini sono arrivati in modo diffuso solo a partire da marzo/aprile, e che cioè nei primi 3 mesi dell’anno le persone vaccinate erano pochissime, e si era nella stessa situazione del 2020, è disonesto.

    Quindi limitarsi a dire che in questi due paesi alla fine del 2021 i morti da covid saranno più o meno gli stessi del 2020 è DISONESTO perchè confronta periodi e situazioni molto differenti. La domanda generale è : che sarebbe successo nel 2021 senza vaccini ? E che sarebbe successo nel 2020 senza lockdown ? Siamo proprio sicuri che nel 2021, senza vaccini, ora staremmo in giro per centri commerciali col panettone in mano ? Ma andiamo avanti….

    Questi sono i punti da leggere tra le righe :
    1) sono i calo i decessi NON COVID ? Bene ..allora significa che le mitiche migliaia di morti da vaccino non esistono. Altrimenti si sarebbero notate
    2) evidenziare le vaccinazioni settimanali che senso ha ? i vaccinati del giorno prima si cumulano a quelli del giorno dopo, quindi al limite va evidenziata la crescita dei vaccinati. Poi magari per onestà andrebbe evidenziata la perdita di efficacia (dichiarata e mai nascosta ) dei vaccini, facendo una curva che riproduca la percentuale di popolazione EFFETTIVAMENTE protetta in un certo periodo. Non è facile, ma infatti sono parametri che vanno PENSATI per rappresentare la REALTA’ vera e non quella che ci fa comodo rappresentare.

    In generale i parametri di confronto tra periodi diversi sono decine e vanno tutti ponderati, altrimenti con i numeri si arriva a qualsiasi deviazione della realtà. Se in anno prendo una sola multa, e nell’anno successivo ne prendo 5, sicuramente è un dato di fatto. Ma vorrò anche valutare che magari il primo anno andavo sempre in autobus e ho fatto solo 1.000 km con la macchina, mentre invece l’anno successivo l’ho presa tutti i giorni ed ho fatto 30.000 km?

    Così come sono stati prodotti (senza tener conto delle differenze comportamentali, delle varianti del virus , della perdita di efficacia della protezione, della presenza di un folto gruppo di non vaccinati, delle differenti restrizioni adottate nei due anni ) sono grafici buoni solo per parlarci al bar davanti al grappino o all’amaro, come fanno qui da noi, che poi le mogli li devono andare a cercare.

  26. MariaVT,
    ti faccio cortesemente notare che:
    1-Cosa quel link dice o non dice sono affari di chi l’ha pubblicato, non certo miei. Io non sono in contatto con nessuno; come capita, sono incappato in dati interessanti e li ho rimandati, nella convinzione che conoscere di più possa aiutare chiunque a farsi un’idea migliore della situazione.
    2,3,4,5- Quelli sono DATI. Realtà. Poi ci puoi fare tutte le analisi che vuoi, ma non puoi negarlo. Altri l’hanno fatto, hanno cercato le cause, ti invito ad andare ad esaminare quanto hanno trovato. Demonizzarli (oltre tutto con argomenti che non reggono, neanche uno) parla solo di chiusura mentale e incapacità a confrontarsi con ciò che c’è.

    Comunque, per tua informazione,
    1- Io non sono contrario ai vaccini. Come ho scritto più e più volte, sono molto utili a breve periodo per persone sopra i 60 anni, i più a rischio, ma da evitare assolutamene per guariti e <40. Lo dicono i dati.
    2- Questo post non riguardava direttamente i vaccini, ma un certo atteggiamento che si ritrova in certe persone per cui la libertà è solo quella che pare a loro. Perciò inviterei te e gli altri di evitare di continuare a fare commenti OT – poi ammetto che anch'io ho risposto.

  1. Pingback: Una questione filosofica – l'ovvio e l'evidente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: