La realtà dei fatti

Il 76,4% delle statistiche sono false o ingannevoli.

Quando, tanti secoli fa, gli umanisti cominciarono a mettere Dio ai bordi per esaltare l’Uomo, probabilmente non avevano capito dove si sarebbe finiti.
Dio è Verità, per definizione. L’Uomo, altrettanto per definizione, no. L’Uomo è limitato, ed è soggetto a quello che un tempo si chiamava peccato originale: il credersi Verità senza esserlo. Da questo fatto, che potrebbe sembrare astratto e lontano, un giochino da teologi, vengono in realtà tutti i nostri problemi.

Se mettiamo da parte la Verità assoluta, infatti, cadono tutte le garanzie che quello che ascoltiamo dalle altre persone sia il vero. Vuoi perché, essendo gli esseri umani finiti, la Verità tutta intera non la possiederanno mai tutta, ma solo in parte; vuoi perché, se la verità appartiene a me, perché non posso alterarla come voglio?

Lo vediamo bene; questo morbo mortale prende tutti, anche noi. Senza la verità, diventa impossibile fidarsi dell’altro. Si è ragionevolmene certi che cercherà di ingannarci per il suo tornaconto; sia politico, religioso, nostro parente. Senza la Verità assoluta, che non si ritiene più possibile, tutte le verità a partire dalle più grandi fino alle più piccole e quotidiane decadono, si sfaldano. Non c’è più una sola certezza che non sia messa in dubbio, per quanto evidente.

Se gli uomini mentono, l’unica cosa sensata sarebbe aggirarli, basarsi sulla realtà dei fatti; ma gli uomini senza verità hanno trovato il modo di corrompere pure quella che sembrava una sorgente inattaccabile, sostenendo che anche i fatti devono essere interpretati sulla base di una teoria umana. Niente è salvato da questa corruzione.

Se ogni cosa può essere menzogna, chi me lo fa fare di impegnarmi per la vita in qualsiasi cosa, dalla politica allo sposarsi? Se anche la libertà, l’amore, la giustizia ingannano, dove posso rivolgermi? Il dubbio e la sfiducia sono la normale condizione umana. Quanto sanno d’amaro.

Eppure di tanto in tanto vediamo per un instante baluginare qualcosa di vero. Qualcosa che non possiamo esserci immaginati, come un respiro di aria pulita in una torbida palude, come una fioca luce in una notte di nebbia.
E’ un’illusione, ci sussurra una voce maligna.
Ma non è più grande, non è più umano cercare quella luce, piuttosto di affondare?




Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 20 settembre 2021 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 4 commenti.

  1. Sono manipolate…
    D’altronde, colui che tutto riscrive non può dimenticarsi delle statistiche!
    Però quella fioca luce che si chiama verità si intravede anche in questa foschia miasmatica
    E poi, di quante conferme abbiamo bisogno?

  2. Quando la scorgo, continuo a goderne

  3. Ad essere sincero, più l’oscurità si allarga, più la luce che vedo prende di potenza!
    Sara che lo scuro fa risaltare il chiaro?
    🌞

  4. Lo stesso discorso si applica al bene e alla giustizia: se non esiste un Bene assoluto ma solo dei beni relativi (come tutte le cose di questo mondo) non esiste più alcun male oggettivo, nulla che non si possa fare per un bene maggiore o per un qualche obiettivo ulteriore. Nulla è più giustizia, nulla è più bene, nulla è più male: lo stesso obiettivo ulteriore diventa relativo come il bene e la vita umana che si vuole calpestare nel suo nome.

    Questo relativismo mostra che il progressismo non ha alcuna identità: qualsiasi cosa e il suo contrario può essere posta come obiettivo del “progresso”. Nella loro ottica non esiste termine oggettivo per definire il progresso, per cui dal progressismo c’è solo da perdere e nulla da guadagnare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: