Il marziano allo stadio

Il marziano non arrivava da Marte. Il nome del suo mondo era decisamente più strano e impronunciabile, però ormai era uso comune chiamare così quelli della sua razza. Loro non vedevano ragione per offendersi, e i giornalisti per cambiare i titoli. Ormai la gente quasi non si voltava neanche più per strada, quando ne passava uno; si era abituata, come era accaduto per i turisti americani prima, cinesi poi. Questi marziani, statura e pelle verde a parte, non erano poi così differenti, e lasciavano mance migliori.

Marco accompagnò X’odd allo stadio. Il marziano aveva insistito, voleva comprendere meglio gli abitanti di questo pianeta. Le gare sportive lo rendevano perplesso: non ne capiva il senso. “Perché un essere dovrebbe trarre merito dall’essere più veloce o più forte?”, chiese alla sua guida mentre facevano il loro ingresso nelle tribune assolate. Marco si era trovato in difficoltà a rispondere. “Non si tratta solo di essere più forte e veloce, ma di allenamento e volontà.”
“Sì, ma poi?” Il naso, o quello che era, di X’odd vibrava.
“Poi, cosa?”
“Si sono allenati per sfruttare meglio il loro potenziale. Ma perché poi sfidarsi?” domandò il piccolo marziano.
“Per vedere chi è il migliore?” provò a suggerire Marco. X’odd lo guardò con quell’aria che aveva cominciato ad associare alla assoluta mancanza di comprensione. In ogni caso, adesso erano sugli spalti, e le gare erano in pieno svolgimento.
“Gli incarichi e i lavori vengono assegnati in base all’abilità mostrata? A quale compito vengono desinati corrono che corrono più velocemente?”
Marco si passò la mano sul mento. “Nessuno in particolare…”
X’odd si voltò verso di lui, senza dire parola, poi indicò coloro che li circondavano.
“Perché la gente sta urlando e agita quei tessuti colorati?” chiese l’extraterrestre alla sua guida.
“Sta facendo il tifo per la propria squadra”, replicò Marco.
“E perché?”
“Per incoraggiarli a vincere”, provò a rispondere il suo cicerone.
“L’esito non dovrebbe essere deciso dall’attitudine e dalle caratteristiche fisiche dei componenti delle varie squadre?” fece X’odd.
“Sì, ma è importante sostenere la propria squadra perché possa fare meglio”.
“Urlando?”
“Beh… sì”.
“Strano”. Il marziano inclinò la protuberanza a patata che era la sua testa. “Parli di propria squadra. Intendete dire che possedete quelle persone? Che sono schiavi oppure cloni, e le urla ordini?”
“Possedere… no, non in quel senso. Sono persone della nostra città. della nostra stessa nazione. Per questo vogliamo vincano”.
“Le conosci?” fece X’odd con curiosità.
“No, non direttamente…”
“Se vincono hai un guadagno?”
“No, questo no…”
“Allora non capisco, amico terrestre”.
Marco soffiò fuori il fiato. Difficile… “Quando vince qualcuno della tua nazione tu sei felice… perché è della tua nazione.”
X’odd considerò questa dichiarazione. “Ma sono terrestri anche loro, no? E non dite sempre che tutti gli esseri umani sono uguali, che gli stati e le frontiere sono entità fittizie, non esistono sessi e razze e tutti voi siete fratelli?”
Marco tossicchiò imbarazzato. “Beh, sì…”
“E allora perché non gioire chiunque di quegli esseri umani vinca?”
Marco si abbandonò sul sedile, esausto. “Sei proprio un marziano”.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 1 settembre 2021 su fiaboidi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. Ecco, quando gioca la Nazionale, io sono un marziano

  2. Beh, lo sanno tutti che alcuni sono più uguali degli altri! :-)
    Le basi, marziano, le basi!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: