Velocità di fuga

Forse qualcuno avrà notato il post di ieri. Che non c’è stato. E’ per me un avvenimento quasi unico, il mancare un post in un giorno feriale. Mi ero preso un impegno, tanti anni fa; da allora l’ho mantenuto fedelmente.
Quella di ieri è stata una mia mancanza; non avevo un articolo di riserva e ho passato la sera ad aiutare mia figlia per l’esame di maturità. Che ha superato (spero) brillantemente oggi. Quando, a notte inoltrata, abbiamo terminato, non avevo più la testa per scrivere qualcosa; tipo questo pezzo che state leggendo.

Difficile che questo genere di inconvenienti si ripeta. Oggi si chiude un’era, se ne apre un’altra.

Questi ultimi mesi sono stati abbastanza lacrime e sangue. Mia figlia ha ereditato da mia moglie la tendenza a preoccuparsi di qualsiasi cosa; da me ha ereditato invece la resistenza al sonno, per cui ha trascorso più di una notte in bianco sui libri. Con effetti deleteri su pressione e umore.
Non avrei mai pensato che un giorno avrei detto ad un mio figlio di studiare di meno. D’altra parte, non avrei neanche pensato che certe medie scolastiche potessero essere raggiunte da un essere umano sprovvisto di cervello bionico. Provo più di un lieve senso di vergogna a paragonarle con le mie dei giorni che furono. Mettiamola in positivo: ho verificato in questi giorni di ripasso furioso che ne so di più ora, di certi argomenti, che allora. Non ho dimenticato, anzi. Probabilmente a quel tempo correvo con il freno a mano tirato, o la testa forse altrove. La testa certamente altrove.

Chissà se tutta questa cultura mi servirà ancora, ora che i miei figli hanno raggiunto la velocità di fuga e prima o poi lasceranno l’orbita per altri mondi.
Forse sì; quantomeno per qualche post.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 22 giugno 2021 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. il DNA non è acqua…. :-)
    Ma è bello vedere come a volte i frutti vengano meglio e siano più dolci del ruvido tronco che li ha generati!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: