Strade perdute

Ti muovi per strade che ti pare di conoscere. Ma quel palazzo non lo ricordi, e i negozi hanno tutte insegne strane. Le mappe che ti sembravano così sicure ora tacciono, non c’è più segnale, o forse anche loro non sanno dirti dove tu sia. In qualche punto hai preso la svolta sbagliata, e hai continuato ad andare avanti illudendoti di ritrovare la via. Di essere al sicuro. Che niente di male possa accaderti in quella che pensavi essere la tua città.
Ora sei circondato da gente che ti guarda con sospetto, o forse calcolo, avidità, odio. Tutte le strade che portano fuori appaiono chiuse, mentre ti rendi conto che la città non è mai stata tua, che l’idea di conoscerla era un’illusione.
E vorresti con tutte le forze tornare a quel momento in cui potevi ancora decidere; in cui potevi tornare indietro, e ritrovare ciò che ora è perduto.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 18 gennaio 2021 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: