Tengo famiglie

Leggevo di una ricerca sui comportamenti degli italiani dove oltre il 90% degli intervistati ritiene oggi molto importante la famiglia.
Bontà sua, uno dei ricercatori asserisce che

“Poco importa che la famiglia possa essere declinata in vario modo e anche tra persone dello stesso sesso, anzi in questi quasi 40 anni proprio la famiglia ha registrato le trasformazioni più radicali e ora è accettata al di là dei suoi componenti”.

E questo torna poco, perché cosa è dunque davvero famiglia? Se la definizione cambia, come si può essere sicuri che si stia parlando lo stesso linguaggio?

C’è uno scollamento su cosa sia davvero la famiglia, qualcosa che abbiamo scolpito in ogni nostra cellula, e cosa oggi si intenda per essa. Come nota anche lo stesso ricercatore,

“Non a caso gli atteggiamenti verso l’omosessualità mostrano un tendenziale prevalere di orientamenti disponibili all’accettazione della diversità. Si tratta di un cambiamento che realizzandosi in un tempo così breve non può essere ascritto al lento e irreversibile maturare di valori di tolleranza ma piuttosto all’azione di élite che hanno ridefinito gli atteggiamenti verso le differenze e in particolare verso l’omosessualità.”

In altre parole: ci hanno ordinato di cambiare le nostre idee in base a quello che il potere voleva, e noi abbiamo ceduto. Crediamo non perché sia vero, ma perché chi dissente viene bullizzato.

Questo cambiamento di paradigma è alla superficie, ancora non ha mutato i desideri profondi del nostro cuore: anche perché non può. E’ solo una mano di vernice su qualcosa di molto più solido e antico; se non viene costantemente riverniciato, il tempo basta a scrostarlo.

Ne è un indizio la risposta alla domanda su cosa tenga unita la coppia (al di là del tipo di coppia). La maggior parte degli intervistati risponde: la fedeltà.

Eppure, quanti oggi sono disposti a promettere fedeltà eterna? Quanti preferiscono la precarietà di rapporti pronti a sciogliersi alla prima avversità? E, dato il tasso di infedeltà e promiscuità di certi tipi di relazioni, come davvero si può chiamarle famiglia?

Chissà, forse un giorno riusciremo a riallineare quello che ci dice il cuore con la vita. Forse per molti non sarà oggi; ma possiamo comunque cominciare noi.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 25 novembre 2020 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 5 commenti.

  1. Vorrei avere il tuo ottimismo.

  2. Dio è ottimista per cui dobbimo esserlo anche noi.

  3. Permettimi: Dio non è ottimista, è realista. Sa già come andrà a finire.

  4. Di fronte alla malvagità dei genitori il bambino pensa di essere lui il cattivo e di essersi meritato il trattamento, perché nella sua mente è insopportabile e inaccettabile l’idea che i genitori – a cui si affida completamente – possano essere malvagi.

    Lo Stato è una figura paterna. Di fronte alla menzogna ideologica e alla malvagità della rieducazione forzata imposta dallo Stato, il cittadino preferisce pensare di essere cattivo e di essersi meritato il trattamento, perché nella sua mente è insopportabile l’idea che lo Stato – che ha potere assoluto e da cui dipendono la legge e i “diritti” – possa essere malvagio.

  5. Ma ci ha creati liberi, ha fiducia in noi, il problema e se noi non abbiamo fiducia in lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: