Coincidenze improbabili

So da sempre che la realtà è più complessa di quanto un certo materialismo possa immaginare. Mi sono capitate troppe coincidenze, chiamiamole così, perché io riesca a liquidarle come tali.
Oh, certo, si può comunque. Come il protagonista del racconto “Piece” di Ian M. Banks, contenuto nella raccolta “The State of Art“: reagisce con impeto alla pretesa che ci siano realtà nascoste, dileggiando le religioni, solo per incappare in una coincidenza mostruosamene improbabile. Pezzo ambiguo: il guizzo del fato che descrive è solo l’esempio di un destino casuale e senza scopo o il contrappasso per avere dubitato di un cosmo più complesso della sua immaginazione?
E’ quello che mi domandavo ieri, leggendolo. Ho ripensato alle mie tante piccole profezie, e mi son detto: chissà quando ne arriverà un’altra? Ho messo il libro da parte e sono sceso a tagliare l’erba in giardino.

Spingendo la falciatrice mi sono venuti alla mente i trattori e un certo personaggio televisivo: Purdey, la protagonista femminile della serie “Gli infallibili tre” interpretata da Joanna Lumley, che in una puntata veniva insignita della decorazione di “guidatrice di trattori dell’Unione Sovietica”. Puntata che avrò visto circa quarant’anni fa per l’ultima volta. Uno degli altri protagonisti di quel telefilm era quello Steed che, con l’iconica bombetta, era stato il mattatore della serie “Agente Speciale“, “The Avengers” in originale. La partner più famosa di Steed si chiamava Emma Peel, al secolo Diana Riggs.
Oggi ho saputo che Diana Riggs è morta. Comunicandolo ad un amico, mi ha confessato che comunque preferiva Purdey…

Va bene, va bene. E’ solo una coincidenza. Come si può sostenere diversamente senza ammettere che l’Universo e il tempo siano strutturati in maniera decisamente curiosa, e che talvolta senza che io sappia perché mi capiti di sbirciare, per così dire, sotto la loro gonna?
E poi, per coincidenza, avevo proprio bisogno di un argomento per il post.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 14 settembre 2020 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 5 commenti.

  1. E’ che fa tutto parte del Piano Ineffabile…! :-) :-)

  2. “Le profezie esatte ed affidabili di… “

  3. Ricordo anche una puntata intitolata il tocco di re Mida, in cui il cattivo aveva sguinzagliato un untore portatore sano delle più bestiali malattie…Bastava toccarlo per rimanerci secchi.
    E noi eravamo più giovani.

  4. Senza dimenticare, con le coincidenze improbabili, il classico “Million-to-one- chance”! :-)

  5. …Che, come è noto, si realizza sempre. Ma di solito io mi fermo a 1 su 999846.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: