I censori e i contestatori

Non si capisce perché certo odio sia più accettabile di un altro. Faccio un piccolo esempio: a Torino, l’altro giorno, la centralissima piazza Castello era stata concessa ad una manifestazione che si proponeva di “frocizzare l’esistente”, con annessa locandina francamente oscena, in polemica persino con l’organizzazione del Gay Pride. Erano invitati personaggi illustri. Non so come sia andata, non c’ero. Però ritengo improbabile che i partecipanti siano stati apostrofati dagli epiteti che sono stati rivolti a noi che, quella stessa sera, eravamo in una piccola piazzetta nascosta a protestare credo un po’ più silenziosamente contro la proposta di legge Zan.

E’ un poco buffo che chi proclama di essere discriminato, angariato, di lottare contro il capitale e il sistema, alla fine riceva baci, abbracci ed endorsement (si dice così?) da quello stesso capitale e sistema che dovrebbe essergli contro. Che ci voglia un cordone di robusti poliziotti in tenuta antisommossa per evitare che chi manifesta in nome dell'”ammore”porti il suo odio sul piano fisico; chi chi parla di libertà la voglia tutta per sé e niente per chi non è d’accordo. Coloro che si definiscono contestatori sono i nuovi feroci censori. Sarebbe buffo davvero, non fosse tragico.

In quella piazzetta dimessa e laterale stavamo stretti; i contestatori, quattro gatti che urlavano slogan e coretti pittoreschi come i loro abiti (o l’assenza degli stessi), stavano anch’essi assiepati, ma volontariamente. Mi dispiace un po’ che non si capisse bene quello che scandivano, i megafoni e il rimbombo lo rendevano poco intellegibile, ma qui c’è un esempio. Non ero vicino, se no avrei voluto domandare loro se “lotta dura / contro natura” voleva dire che erano antiecologici, cosa significa esattamente “Lotta anale / contro il capitale”, o che c’entrava “vita bella” con “verginella”. Ascoltandoli devo dire che facevo fatica a rimanere serio. Sembravano prese in giro, ma loro parevano convinti. I poveretti erano anche poco informati su chi avevano a che fare: continuavano a darci dei catto-fascisti, ma se fascisti c’erano io non ne conosco, e una buona percentuale dei presenti non erano neanche cattolici. In effetti, era un evangelico pentecostale a guidare il gesto; e mi domando le gentili signore color cioccolato in prima fila cosa ne pensassero di quegli epiteti. La polizia ci ha fatti uscire dall’altra parte, per sicurezza; e sempre per sicurezza abbiamo scortato una partecipante abbastanza nota e odiata alla sua auto, per evitare che qualcuno le desse lezioni pratiche di tolleranza.

La serata è andata insomma come preventivato; quando all’inizio gli oppositori  – che avevano pre-imbrattato la piazza – non si erano ancora fatti vedere un poco mi ero preoccupato. La persona che era dietro di me si chiedeva perché non ci fosse mezza Torino con noi, ma fossimo solo in quattrocento; forse perché sono cose di cui nessuno parla, le sa solo chi vuole, chi capisce, e anche tra gli oppositori alla legge non c’è unità di vedute. Forse è questo che mette più tristezza; toccare con mano come il Grande Divisore agisca e prepari i suoi trionfi, per quanto effimeri.

Può anche darmi fastidio questo o quell’atteggiamento, quel modo di vedere; ma ciò che ci attende è ben peggio. Non dubito che i poveretti che ci manifestano contro saranno buttati via non appena chi comanda avrà ottenuto ciò che vuole, e magari cadranno vittime dello stesso tipo di leggi che ora cretinamente difendono.  La legge forse passerà, come nel passato sono passate altre leggi inique, ad esempio al tempo di quel Paleocapa a cui è dedicata la piazzetta. Non sono loro che mi preoccupano, siamo noi. Forse, dopo questa legge, i sacerdoti dal pulpito non potranno più dire certe verità; ma è da non so quanto tempo che non ascolto un sermone che questa legge potrebbe censurare. Quanti sono gli insegnanti di religione che già oggi parlano chiaramente della verità del rapporto tra uomo e donna, di matrimonio indissolubile, di castità, di fedeltà, di destino? Se vogliamo avere la libertà di dire il vero, iniziamo a dire il vero e non nasconderci in piazzette laterali, come ci costringono a fare quelli che ci odiano. Far tacere i muti è inutile, e ridondante. Siamo noi i nostri peggiori censori.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 13 luglio 2020 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 11 commenti.

  1. Io ci provo, ad andare in galera; ma siccome i miei alunni non mi ascoltano per principio, e il 90% delle volte capiscono al contrario, non corro troppi rischi. In quanto ai catto-fascisti, i miei alunni cinesi, introducendo il teme dell’omosessualità, hanno garbatamente fatto presente che dalle loro parti il governo è serio, e non permette certe cose.

  2. In effetti, credo che se quei contestatori ci provassero ad andare in paesi non cristiani qualche difficoltà, per così dire, l’incontrerebbero. In quelli islamici, c’è in parecchi la pena di morte… dei comunisti, il solo che ha una legislazione stile occidentale è il Vietnam. Buon viaggio.

  3. Davide Molinari

    A parte i (blandi) contestatori che abbiamo incontrato nella piccola città di Piacenza volevo descrivere un insolito e discreto incontro che sabato mi ha edificato: è arrivato pedalando igobbito su una bicicletta che sembrava troppo piccola per lui, all’incirca 20-25 anni, tratti somatici che sembravano “latinos”, braccia e collo tatuati, capelli ai lati rasati ed in cima raccolti in un ciuffo di rasta, abbigliamento “rap” e trasandato, dalla mia infame percezione farisaica aveva tutto il necessario per essere etichettato come “tossico”. Arriva incuriosito, percorre sulla sua bicicletta 2 volte il nostro fronte, si ferma a fissare il totem e lo legge. Ci manifesta la sua approvazione alzando il pollice e riparte. A parte il mio spregevole pregiudizio iniziale non posso che rimanere edificato nel vedere dalle ultime persone che mi sarei aspettato tutto il supporto e la presa di posizione che non arriva da dove mi aspetterei

  4. Il Signore ama coglierci sbilanciati; ci butta per terra, poi ci aiuta a tornare in piedi. Credo pratichi lo judo.

  5. Sembra la scena di God is not Dead 2 dove l’avvocato cattivo sceglie una giurata con [spoiler] pensando che [spoiler] e poi si scopre che [spoiler]

  6. marzia f.rossi

    …questa è libertà?
    Ma!

  7. Ottimo articolo. Quando arrivera’ il nuovo regime sara’ divertente vedere che fine faranno gli “utili idioti” di oggi.

  8. La cosa che fa più ridere (se non facesse piangere) è la gente in mutandine e fiocco in testa intonare il coro “vergogna”…
    Siamo proprio alla fine

  9. Nutro sempre la speranza che un “utile idiota” possa sempre, col tempo, ravvedersi, e diventare un po’ più utile e un po’ meno idiota… Ma è dura!

  10. @ sircliges
    Consiglieresti quel film?
    Io ho fatto già fatica a vedere il primo.

  11. francesco.caldarazzo@libero.it

    Inviato da Libero Mail per iOS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: