Tengo famiglia

Quante volte facciamo, o non facciamo, per paura di perdere ciò che possediamo.

Stiamo zitti di fronte all’ingiustizia. Assistiamo a cattive pratiche, a crimini persino, ma ci guardiamo bene dall’intervenire. Perché sappiamo che potremmo subirne le conseguenze. Il male non ha remore a proteggersi con la violenza. Anche con la violenza silenziosa, quelle grane che ci fan venire il sangue amaro, che rovinano la vita.
Fossimo soli. Ma che accade quando siamo il sostentamento di una famiglia? Di persone che amiamo. Di piccoli innocenti, i primi ad andare di mezzo? Se il bene è difenderli, allora scambiamo il male per un bene. Per un buon fine, un fine onorevole.
Ma è pur sempre un male.

La carriera negata, addirittura perdere il lavoro. L’ostracismo dei pari. I pettegolezzi maligni, le falsità fatte apposta per screditare, o peggio. La falsa accusa.
Allora meglio tacere. Adeguarsi. Lasciar correre. Ridere alla battuta che dentro ti fa sanguinare. Magari la seconda volta un po’ meno, fino a che l’anima è tutta una cicatrice, indurita. Niente riesce più a fare male.

Accade sul lavoro. Accade in politica, dove chi non si adegua alla disciplina di partito – un altro modo per chiamare l’interesse del potente – si può sognare il posto in commissione, l’essere ricandidato. Se non si hanno altri guadagni, se della politica si è professionisti, impensabile. C’è una vita da mandare avanti. Una famiglia da mantenere.

I sacerdoti dovrebbero esser più liberi. Dovrebbero indicare il male, senza sconti. Sapendo che se hanno ucciso Cristo, con il bene fatto, per il bene fatto, chiunque può essere nel mirino.
Possono tenere botta, difendere l’ideale. Tra Cristo e il mondo, scegliere Cristo. Perché non sono ricattabili. Se importa loro più di una ipotetica carriera. Di un quieto vivere.
Eppure ancora sembra, talvolta, che il mondo per alcuni possa esigere il suo pizzo. Possa far tacere.
Pensate tenessero famiglia.

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 15 aprile 2019 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 5 commenti.

  1. pregare per tutto l’ordine sacerdotale chissa’ che li vediamo all’opera vieni Signore Gesu’ MARANATHA’

  2. Posso chiederti di specificare meglio?
    Anche se non è qualcosa di preciso o un fatto di cronaca ad averti stimolato la riflessione, a quali atteggiamenti ti riferisci? Non sono certa di aver compreso.

  3. Un lavoratore vede comportamenti abusivi di colleghi, capi, la stessa ditta. E tace: tiene famiglia. Un politico vorrebbe votare in un certo modo, e gli dicono: se vuoi che ti ricandidiamo, se vuoi essere a capo di quella commissione, devi fare come diciamo noi. E, non avendo altri entroiti, si adegua. Tiene famiglia.
    Un certo sacerdote, o addirittura un certo vescovo, si mette le mani nei capelli per certe situazioni. Ma non parla, non si espone. No, non tiene famiglia, ma in una certa maniera ha perso la speranza che possa fare la differenza, e sa, immagina, cosa succederà. Se ciò accade quando non si ha una famiglia vera, cosa accadrebbe nel caso si avessero davvero, figli, moglie che dipendono da te?

    So che sono stato vago. In una certa maniera, anch’io sto proteggendo una famiglia, delle persone reali. Come i casi che ho descritto.

  4. Ti ringrazio. Era rispetto ai sacerdoti che non sapevo tradurre i modi concreti di tirarsi indietro (forse ce ne sono diversi…).

  5. La ringrazio anch’io per il chiarimento. E comunque non smetto le preghiere, per Lei e i Suoi cari inclusi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: