Un’età oscura

Nei giorni scorsi abbiamo assistito vari personaggi asserire, con disgustato orrore, “non siamo più nel Medioevo”. Vanno a braccetto con il presidente messicano che ha chiesto le scuse delle Chiesa per aver distrutto i templi aztechi. Quest’ultimo probabilmente è un fervente sostenitore dei sacrifici umani che si svolgevano in quei templi circondati da tzompantli; così come i detrattori nostrani sono probabilmente nostalgici dei tempi precedenti al medioevo stesso, quando le donne erano confinate nel gineceo e i figli indesiderati o malformati lasciati morire tra i rifiuti.

Ma, povere stelle, non si può neanche dire che sia tutta colpa loro. Non quando, dopo decenni di storiografia che quell’età “oscura” ha rivalutato, ci sono libri scolastici che espongono tesi tipo quelle del libro di testo di inglese di mia figlia.
La pagina è quella del Rinascimento britannico. Dopo qualche asserzione discutibile ma accettabile, il libro se ne esce con queste parole:

“Questa cultura (greca e romana) era stata in parte soppressa dalla Chiesa Cattolica durante il Medioevo per il suo supposto paganesimo e spirito di libera indagine. Per questa ragione, molti dei risultati dei Greci in scienza, matematica, filosofia e storia naturale sono rimasti sepolti per secoli”.

Eh?

Capisco che probabilmente chi ha scritto queste righe è più un letterato che uno storico, ma mi domando se abbia mai letto Dante. L’Alighieri è uomo medioevale, eppure chi scorre la sua Commedia la trova infarcita di citazioni mitologiche classiche. Detti classici si insegnavano nelle università, che la Chiesa stessa aveva stabilito e sponsorizzava; gli umanisti sono tutti cattolici, qualcuno anche ecclesiastico; un (san) Tommaso d’Aquino, che cita Aristotele ogni tre per due, è condizionato dal paganesimo e dal rifuggire lo spirito di libera indagine? E quei testi, chi li ha salvati dalle distruzioni barbariche e dal tempo se non gli amanuensi nei conventi?
Potrei dilungarmi, ma spero abbiate colto il punto: quel testo scolastico racconta inescusabili  balle, che ahimè gli allievi devono ripetere durante le interrogazioni. Senza, spesso, nessuno che provi a mettere in dubbio la veridicità di quelle affermazioni.

Ce ne sono altre: ad esempio, più avanti si dice
“In qualche modo, il Rinascimento fu un’era di contrapposizioni, dove vecchie credenze e pratiche medioevali coesistevano con nuove idee progressiste che si potevano trovare in scienza e filosofia. Non c’è dubbio, comunque, che molti preconcetti della mente medioevale – l’idea di un destino fissato e l’idea dell’influenza benigna o maligna di stelle e pianeti, per esempio – erano reinterpretati in modi che promuovevano una nuova visione dell’uomo come un essere potenzialmente autonomo dotato di libero arbitrio, come operatore e signore della natura.”

Non potrà sfuggire a chi possegga un minimo di cultura che l’uomo medioevale senza dubbio quei preconcetti non li aveva. Quello cristiano, almeno: che l’uomo sia dotato di libero arbitrio e che non abbia un destino fissato sono dogmi cattolici, e quindi medioevali, in contrapposizione al paganesimo precedente; e gli astrologi con i loro oroscopi sono sempre stati condannati dalla Chiesa. E’ Lutero, piuttosto, che parla di predestinazione. Ma dal Medioevo siamo fuori.

Capite che disastro? E poi ci si ritrova, da adulti, a imprecare su quei retrogradi che vogliono riportare indietro il Medioevo. Magari mentre si sta davanti al campanile di Giotto, al duomo di  Orvieto o ad un altro dei tanti capolavori che quell’epoca buia ci ha lasciato e che oggi non sapremmo più replicare.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 28 marzo 2019 su gusto e disgusto. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 14 commenti.

  1. Il governo messicano dovrebbe chiedere scusa alla Chiesa per la persecuzione durante la guerra dei Cristeros; del resto il capo di stato è dello stesso partito che all’epoca compì le stragi.

  2. Si tratta di contraffazione scientificamente voluta dell’analisi storica, in assoluta continuità con la deformazione mediatica costante, finalizzata a plasmare cervelli sempre meno pensanti. Sanno di mentire ma lo fanno ben sapendo che molti (troppi) si abbeverano, senza neanche accorgersene, nei pozzi della mistificazione che vanno scavando con alacrità.

  3. “E poi ci si ritrova, da adulti, a imprecare su quei retrogradi che vogliono riportare indietro il Medioevo. Magari mentre si sta davanti al campanile di Giotto, al duomo di Orvieto o ad un altro dei tanti capolavori che quell’epoca buia ci ha lasciato e che oggi non sapremmo più replicare.”

    O magari mentre si rasenta, con la massima indifferenza, la stupenda, mirabolante cattedrale di Strasburgo (un’elegantissima sfida alla forza di gravità — altro che ponte Morandi — e al peso ancora più schiacciante della povertà) con in testa solo la vera meta del viaggio: il complesso architettonico ultra-moderno (direi persino modernista) del Parlamento europeo, che però è solo un doppione, la ruota di scorta, di quello di Bruxelles. Nel caso la plebaglia europea si dimentichi di chi è che comanda davvero, a questo mondo.

  4. Bè ma..sui libri di scienze c’è ancora la scimmietta che, pian piano, si raddrizza con la schiena e diventa Homo. C’è più ignoranza e disinformazione sui libri di testo scolastici, che su Facebook :(

  5. Non so se tratti di contraffazione; in alcuni casi sì, in altri temo solo ignoranza ideologizzata. Quello che veramente colpisce è il non sapere dare conto dei dati oggettivi, tipo quelli che ho citato, che dovrebbero comunque essere evidenti. Posso sbagliarmi, ma se vedo qualcosa che collide con quanto penso di sapere mi devo cominciare a mettere in discussione. E’ il livello minimo dell’umano.
    Chesterton diceva che il folle non è chi ha perso la ragione, ma chi ha perso tutto tranne la ragione: perché non vede la realtà, ma solo il suo ragionamento.

  6. L’interpretazione del Medioevo è sempre molto attuale.

    L’utilizzo di ‘medievale’ come insulto è probabilmente ormai così radicato che non ci si può fare niente. Tuttavia, a me sembrava che (quanto meno negli anni in cui ero studente io) la ‘rivalutazione’ (rispetto allo schematismo neoclassicista/illuminista del Medioevo come epoca buia) fosse ormai una faccenda condivisa, che metteva d’accordo storici cattolici, marxisti, moderati, post-modernisti… il testo scolastico che citi è al di là del bene e del male (l’unica consolazione è che sia scritto in inglese).

    A me sinceramente certi personaggi dietro le quinte del Congresso Mondiale della Famiglia non sembrano medievali proprio per niente – mi fanno pensare piuttosto all’inizio del secolo scorso, agli ideologhi pret-a-porter dei piccoli e grandi Cesari che costruivano il loro regno sui risentimenti e le tensioni delle faglie tettoniche europee (ieri come allora una delle più calde era quella tra Impero Russo e Impero Austro-ungarico). Non ancora i totalitarismi conclamati, ma quella fase in cui lo pseudo-tradizionalismo religioso (gente che il Medioevo, appunto, lo sognava più che conoscerlo) conviveva ancora pacificamente con estremismi più secolari.

    Uomo avvisato, mezzo salvato: vi state facendo strumentalizzare. I cattolici (questo blog incluso) hanno sempre detto che le chiese protestanti e quelle autocefale orientali per loro natura servono il potere, e adesso si fanno dettare la linea dai patriarchi e dai predicatori pentecostali.

  7. No, Quente. Il potere ci serve se fa quello che è giusto. Dovremmo servire il potere che ci è contro?

  8. cachorroquente

    Bè il potere può servire ma tipicamente tende a farsi servire.

    E a un certo punto ti rendi conto che la tua fede, per il potere, è solo un vuoto slogan (vedi il fascismo, guidato da un cinico mangiapreti, che riesuma il ‘Dio, patria e famiglia’ mazziniano); che i tuoi ‘valori non negoziabili’ sono invece oggetto di mercimonio e di letterali patti col Diavolo; che la difesa della ‘famiglia’ è strumentale alle paranoie demografiche così tipiche degli autocrati, da Caesescu a Orban.

  9. Quente, guarda che da queste parti si è adulti, e si sa bene cosa sia il potere; anzi, il cristiano ha – se permetti – una visione un poco più realistica di tanti, dato che è scritto “maledetto l’uomo che confida nell’uomo”. Ciò non toglie che esista e che si debba fare i conti con esso. Poi, è chiaro, qualcuno pensa che quelle demografiche siano paranoie strumentali di autocrati e qualcun altro può essere preoccupato che siamo ben al di sotto del tasso di sostituzione; e chi è che è più cieco?

  10. Aggiungerei che ‘siamo ben al di sotto’ del tasso di sostituzione nei paradisi sovranisti d’Italia, Ungheria, Slovacchia, Russia, Ungheria eccetera. Appena sotto o un po’ sopra negli inferni genderisti del Nord Europa.

    Forse che la famiglia ha bisogno di più benessere e più welfare, e meno retorica?

  11. Assolutamente, Quente. Quindi, perché scagliarvisi contro?

  12. Alessia o Berlicche, avete per favore un testo per approfondire la questione della scimmietta che diventa uomo?
    Grazie

  13. Cosa intendi, Carlotta? Se intendi la questione dell’evoluzionismo, puoi trovare parecchio materiale su Critica Scientifica – lo trovi nei link

  14. Sì intendevo un libro, un’indicazione bibliografica per capire se la vignetta della scimmietta che diventa uomo sia vera o falsa.
    Partirò allora dal sito Critica scientifica.
    Grazie per la risposta
    Edo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: