Vuoto

“In principio DIO creò il mondo.
Desolazione e vuoto. Desolazione e vuoto. E tenebre erano sopra la faccia dell’abisso.
E quando vi furono uomini, nei loro vari modi lottarono in tormento alla ricerca di DIO
Ciecamente e vanamente, perché l’uomo è cosa vana, e l’uomo senza DIO è un seme nel vento, trascinato qua e là e non trova luogo dove posarsi e dove germinare.”
T.S.Eliot, da “I cori della Rocca

Quando ero bambino, ero affascinato dal vuoto tra i mondi. Il vuoto dello spazio interstellare, freddo come null’altro, pronto a risucchiarti il respiro.
Ma il vuoto non è il nulla. Il nulla è qualcosa di ancora più spaventoso del vuoto. Perché il nulla non è neanche spazio, è il niente, è l’opposto dell’esistere.
Nella Genesi Dio trae dal nulla il vuoto. Il vuoto è qualcosa, qualcosa in attesa di essere riempito.
Il nulla è assenza di significato; il vuoto è attesa di significato.

Vano significa vuoto.
Vaneggiare vuol dire parlare del vuoto, parlare a vuoto. Vanità sono le cose che sembrano essere, ma sono vuote di senso.
Il vuoto interstellare non è del tutto vuoto; è vuoto come il cielo, è vuoto come una mattina limpida. L’aria c’è, ma non si vede. Nello spazio, la materia, gli atomi sono molto più radi, distanti tra loro, ma sufficienti perché, in milioni, miliardi di anni, si possano condensare come le gocce di pioggia in nuvole, in stelle, pianeti, noi.

Noi siamo fatti di vuoto; le nostre giornate sono fatte di vuoto, quando trascorrono in-vano. La pioggia, per potere nascere, ha bisogno di un seme attorno a cui le gocce si radunano. Così forse anche gli astri: cosa sarà mai questo seme di stella?
E per noi, per potere smettere di essere vuoti, per potere smettere di essere vani e diventare qualcuno, per noi, qual è il seme?

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 13 marzo 2019 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. Buddhista!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: