Non dico di no

Mentre guardavo distrattamente un telegiornale, oggi, non potevo fare a meno di pensare che la menzogna sembra trionfare ovunque. Ciò che è falso, ciò che è ingiusto si presenta certo e ammiccante. Come fosse non dico sicuro di non essere scoperto per quello che è, ma che orgogliosamente se ne faccia vanto, aspettandosi che nessuno reagisca.

Sono capitato oggi, per caso, su due citazioni di Terry Pratchett. Siamo nel libro “A me le guardie!“, e a parlare è Lord Vetinari, il pragmatico dittatore al cui confronto Machiavelli è uno stupido imbranato.

“Io credo che tu trovi la vita problematica perché pensi che ci sia gente buona e gente cattiva. Sbagli, ovviamente. C’è, solo e sempre, gente cattiva – ma alcuni di loro stanno da parti opposte.”

Anche se, come al solito, molti reagiranno con un “non è vero” a questa affermazione, io sono in fondo d’accordo. Quello che invece non credo è che necessariamente la gente cattiva debba stare dalla parte del male. Anzi, è proprio il contrario: c’è gente cattiva che sceglie di stare dalla parte del bene, perché capisce di essere cattiva, e prova a cambiare. Si chiama redenzione; e per praticarla occorre avere coscienza di quello che si è.

E qui viene la seconda citazione:
“Laggiù ci sono persone che seguirebbero qualsiasi drago, adorerebbero qualsiasi dio, ignorerebbero ogni iniquità. Tutto questo per una sorta di monotona, quotidiana cattiveria. Non l’alta, creativa ripugnanza dei grandi peccatori, ma una sorta di oscurità dell’anima prodotta in massa. Il peccato, potresti dire, senza una traccia di originalità. Accettano il male non perché dicono sì, ma perché non dicono no.”

Se il telegiornale, e di conseguenza il momento presente di cui è lo specchio deformato, è così affollato di menzogna, è perché coloro che non dicono no sembrano essere ovunque.
Forse sono consci che chi parla viene divorato: l’abbiamo visto accadere tante volte. La verità costa, se non costa non è verità, perché solo la menzogna è gratuita.
Forse sono delusi da chi sembrava far parte della gente buona, e si è rivelato essere cattivo più dei cattivi.
Forse è gente che è ingannata. Ma, permettetemi: è ingannato chi vuole farsi ingannare. Le bugie hanno gambe corte e naso lungo, dopo poco si possono riconoscere. C’è chi sceglie di non farlo vuoi per miopia, vuoi per quieto vivere, vuoi per abitudine. E l’oscurità divora ancora un pezzetto d’anima, fino a quando di luminoso rimane niente.
Non ci sono più eroi, pare raccontarti questa oscurità. Ti devi adeguare. Le tue certezze non esistono più. Non ti chiedo di dirmi di sì, ma di esser comunque positivo, moderno.
Non dirmi di no.

Sapete una cosa, cari lettori?
No.

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 21 febbraio 2019 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. NO anche da me.

    P.S. mi pare di aver letto da qualche parte che Machiavelli, quando gli diedero la possibilità di mettere in pratica una sua teoria (sul miglior modo di schierare una truppa a battaglia, se ben ricordo) abbia combinato un pasticcio sesquipedale ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: