Identità

Un poliziotto diede di gomito all’altro. “Guarda quello”.
Un uomo stava disteso sul sedile del suo furgone. Un pezzo da museo, quel furgone. “Santo cielo, guarda quel ferrovecchio. Scommetto che non è neanche elettrico.”
“Elettrico? Quando è stato fabbricato non esistevano neanche, le auto elettriche”. Aggrottò la fronte. “Non rilevo il vit.”
“E questo è niente. Neanche il tipo dentro ha il wid”, ribatté l’altro. I due si guardarono. “O è uscito da una macchina del tempo, oppure è un illegale. Magari il furgone è rubato.”
“Rubato? Ma l’hai visto bene? E’ un rottame. No, dai retta, quella è preistoria, il vit non ce l’ha mai avuto”.
“Accosta il furgone”, disse l’altro poliziotto all’auto.
Il vecolo della polizia si affiancò silenziosamente al vecchio automezzo. Con un cenno d’intesa i due poliziotti scesero, la mano sulla fondina. Illuminarono con le torce l’interno del furgone. Un uomo, vestito con un giaccone, stava sdraiato sul sedile del guidatore, imbacuccato in una coperta. Sembrava dormisse. Uno dei poliziotti picchiettò sul vetro. L’uomo si riscosse, alzò gli occhi sorpreso, se li riparò dalla luce.
“Polizia, controllo. Scenda dal veicolo, per cortesia.”
Lentamente, goffamente, come fanno le persone appena svegliate, l’autista del furgone scese. Era male in arnese, la barba di un paio di settimane, gli occhi gonfi di sonno.
“Signore, non rilevo il suo wid”, disse il poliziotto. “Può darsi sia rotto. Può identificarsi?”
“Non è rotto. Non ho un wid”, borbottò l’uomo. Estrasse dal giaccone un vetusto portafoglio, e dal portafoglio tirò fuori una tessera. “Ecco i miei documenti”.
Uno dei due agenti con riluttanza allungò la mano e prese la tessera tra due dita guantate, come fosse qualcosa di immondo. “Romeo Kurtz”, lesse. “Lei lo sa che questo documento è scaduto da anni, vero?”
Kurtz alzò le spalle. “E’ parecchio che non scendo in città”.
“E’ al corrente che il furgone non ha un vit attivo? E’ contro la legge. Ogni veicolo circolante deve irradiare la sua identità.” Disse l’altro agente.
“Era il furgone dei miei vecchi. Lo uso poco, è vecchio, ma fa ancora quello che serve. Non ho i soldi per uno nuovo e, anche se li avessi, dalle mie parti non ci sono i cosi, i carica-come-si-chiama.”
“Anche il motore è illegale. Sarà almeno vent’anni che hanno bandito i veicoli a combustione.”
“Dalle città, non dalle mie parti.”
“Qui non siamo dalle sue parti. Ci sarà una multa da pagare. Le sarà rilasciato un permesso provvisorio di circolazione, ma deve portarlo via entro un giorno.”
“E chi riesce a muoverlo? Ho finito il gasolio. C’è una stazione di servizio qui vicino, ma non sono riuscito a farla funzionare. Sembrava rotta.”
Il poliziotto sbuffò. “Senza wid, dubito molto che riesca a fare rifornimento. Il vit identifica il veicolo, il wid la persona. Come fa la stazione a sapere che lei esiste, o che il suo veicolo esiste, se non riesce ad identificarla?”
“Ma io esisto. Sono qui”, disse Kurtz, toccandosi il petto. Martellò con le nocche la lamiera del furgone, traendone un suono sordo. “Anche lui esiste.”
“Ma per quale motivo non ha il wid? Motivi religiosi?” chiese l’agente.
“Oh, no. Non ho voglia di farmi iniettare quel coso nel cervello, tutto qui”.
“Ma non è nel cervello”, disse il poliziotto pazientemente. E’ dietro l’orecchio, e non è più grande di un granello di polvere. Certifica la sua identità, è sicuro, è efficiente.” Gesticolò verso la città. “Con il wid, basta guardare una persona per sapere come si chiama, come vuole essere chiamata, le sue preferenze, la professione, le cose che le importano. Io non conosco nessuno che non ce l’abbia. Come fa a fare tutto? Ad aprire casa, a connettersi, a fare la spesa?”
“Io vivo di quello che coltivo. Casa mia l’apro con la chiave e la maniglia, e quanto a connettermi, ne posso fare a meno.” Squadrò l’agente. “Non è che anche questo è diventato obbligatiorio?”
I due poliziotti si guardarono. “No, a dire la verità no. Ma è dato per scontato che uno ce l’abbia. Non si può fare niente, senza”.
L’uomo del furgone sbuffò. “Già, me ne sto accorgendo. Le porte dell’albergo non si sono aperte, e neanche c’era un campanello.”
“Poteva talcare all’impiegato… ma già, lei non è connesso”, disse pensoso un’agente. “Ma neanche il telefono ha?”
“No. I telefoni di oggi senza wid non si possono usare. Non sanno chi sei, non si accendono neanche.” Ancora una volta alzò le spalle. “Ne posso fare a meno”.
L’altro poliziotto corrugò la fronte. “Un attimo, sto parlando con la Centrale.”
“No, non ti ho mandato il suo wid perché non ce l’ha. Non basta lo scan DNA? Devi proprio avere un wid?”
“E che ne so come fai? Non c’è la procedura manuale?”
“Come, l’hanno tolta con l’ultimo update? Non c’è modo?”
“Va bene, ho capito. Lo portiamo lì.”
Sospirò. “Deve seguirci alla Centrale. C’è una macchina per identificarla, ma deve essere lì di persona. La usano per le wid contraffatte o illegali, sa.”
“Ma io ho un documento…”
“Ci segua, per favore, sull’auto.”
Salirono. “Alla Centrale”, disse l’agente. La macchina partì.
Stettero in silenzio per qualche minuto, mentre l’auto si destreggiava nel traffico. Poi finalmente uno degli agenti parlò. “Non si domanda perché ha potuto dormire tranquillo alla periferia di una grande città? Anche solo trent’anni fa sarebbe stato impossibile. Oggi, con il wid, il governo sa sempre in tempo reale dov’è e chi è ciascuna persona. Se qualcuno l’avesse molestata l’avremmo saputo, avremmo saputo chi era con certezza, e avremmo saputo dov’era adesso. Non c’è più criminalità, non ci sono più i reati premeditati, le rapine, i furti.” Si girò verso Kurtz. “Questa macchina si muove perché sa che sono io a dare gli ordini. La mia pistola spara solo se sono io a impugnarla. E poi salta fuori lei, senza un wid, come se fosse la cosa più normale del mondo.”
Kurtz si voltò verso di lui. “E’ davvero la cosa più normale del mondo. Siamo nati tutti senza wid.”
L’agente sbuffò. “Anche senza vestiti, se è per questo. Si chiama progresso.”
Arrivarono alla Centrale, e scesero dalla macchina. La porta non voleva saperne di aprirsi davanti a Kurtz, poiché non avendo un wid non si accorgeva di lui. Alla fine ce la fecero a farlo entrare, lo scortarono all’accettazione e lo lasciarono lì. I loro colleghi guardavano curiosi passare quell’umano muto, senza un volto, un’icona, una scritta che lo taggasse, che lo descrivesse, che spiegasse chi era e da dove veniva. Era una sensazione quasi oscena.
“Bene, è fatta”, disse un poliziotto all’altro. “Questa faccenda mi ha fatto venire il mal di testa. ”
“Scommetto che adesso vorresti essere quel tizio”, replicò il collega. “Senza un wid che dica dove sei, se stai lavorando o no, per poterti andare a svaccare da qualche parte.”
“Ssh, sei matto? Già il mese scorso mi hanno beccato per opinioni non corrette, vuoi farmi multare ancora?” Si passò le mani sulla faccia “Ma in fondo hai ragione. Sai, io penso che a quello manco gli daranno la multa. Senza vit e wid, come farebbe a pagarla? In galline?”
“Pare che alla fine poi vogliano renderlo obbligatorio, il wid, dall’anno prossimo.  Nessuno potrà più nascondersi. Non ci saranno più primitivi come quel Kurtz, finito”.
“Io ho finito il turno, invece. Ciao, ci vediamo.”
Uscì. “Ciao…”, fece per rispondergli, ma era già andato via. “Ciao… coso, accidenti, come si chiama?”

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 20 febbraio 2019 su fiaboidi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 11 commenti.

  1. Interessante la battuta sul fatto che siamo nati tutti senza vestiti, ma poi non possiamo circolare senza – si chiama progresso.

    I vestiti vennero solo dopo il peccato originale.

  2. Grande!

    “multato per opinioni non corrette”….ahia, quanto ci stiamo avvicinando…. :-(

  3. Racconto orribile, e dunque bellissimo.
    Senza retorica o esagerazioni, mi chiedo abbastanza spesso come sceglierò (finché mi sarà concesso di scegliere) di vivere il futuro, o almeno la parte che ne vedrò. E già ora molto sta fermentando.
    Senza dubbio mi orienterei su una vita alla Kurtz, ma per quanto tempo sarei in grado di sfuggire alla rete (termine non casuale) del progresso? A volte prego: Sia fatta la Tua volontà, ma – se è nei piani – lasciami andare e raggiungerTi prima che loro arrivino.

  4. @celia la penso esattamente come te… solo che o una figlia, una ragazzina e guarda un po’ in che mondo l’ho messa… io ho la speranza di “sfangarla”, lei no :-(

  5. Suppongo già sappiate che il vostro smartphone irradia la sua identità e posizione senza che voi possiate spegnerlo, e che fotocamera e microfono sono attivabili da remoto…
    E che comunque “dovete” portarvelo dietro, in questo nostro mondo.

  6. Ognuno di noi fa quel che può, nella direzione che crede giusta.
    Già questo ci rende umani, al netto delle circostanze storiche…
    … capisco la tua preoccupazione. Su questo e altri fronti, il mio più grande sollievo è sapere che la persona a me più cara non vivrà ancora a lungo (per quanto, naturalmente, le auguri che il suo “tempo breve” sia pieno e felice).
    Alla fine, nelle cose grandi come nelle piccole, qualsiasi scelta umana giunge al suo punto critico, e a noi non resta, sempre, che affidarci al Signore: qualcuno di misterioso, ma non ignoto e angoscioso.
    Un abbraccio.

  7. Più o meno ne so qualcosa, sì.
    Sono ancora alle basi.

    Una domanda, molto pratica: disattivando la geolocalizzazione sullo smartphone, immagino che la mia posizione non venga registrata sui siti e servizi internet vari (che non uso, ma questo è un altro discorso), ma venga comunque monitorata costantemente da satellite.
    E’ corretto?

    Per la fotocamera c’è almeno la possibilità di oscurarla, senza dover essere maghi del bricolage :D

  8. No, la faccenda della geolocalizzazione è un poco più complessa. Il satellite non monitora niente; sostanzialmente, ci sono almeno due modi per localizzare il telefono, il geolocalizzatore appunto molto preciso (che non trasmette dati ad un satellite ma li usa) e tramite triangolazione sia delle celle telefoniche che, eventualmente, di wifi noti. Da notare che alcune funzioni sono attive anche a telefono *spento*. In pratica, se hai uno smartphone, se non vuoi farti trovare devi mollarlo da qualche parte…

  9. Io non uso il cellulare, solo il computer fisso… come il personaggio della storia ho rinunciato al telefono mobile per cercare di non essere sempre e comunque localizzabile, ascoltabile, controllabile… e non perché ho qualcosa da nascondere… è che amo molto la libertà e sento che ce la vogliono togliere

  1. Pingback: Identità [author: Berlicche] – Le cose minime

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: