Au secours

“Non troverò mai una ragazza da sposare” disse il giovane con il corsetto di cuoio e il mantello, sorseggiando mesto uno spritz.
Il barista corrugò le folte sopracciglia. “Ma cosa stai dicendo? Sei un principe, accidenti! Sai quante ce ne sono là fuori di principesse in tua attesa?”
Il principe ridacchiò amaramente. “Una volta, forse. Adesso i tempi sono cambiati.” Cominciò a tormentare con un dito l’ombrellino del bicchiere. L’unghia era smangiata. “Hai presente la ragazza di cui hanno parlato i telegiornali, quella che ha addentato la mela avvelenata, dentro una bara di cristallo nella foresta?”
“Eh, certo. Ho visto le foto, una gran pupa, anche se le preferisco più abbronzate. Non ti va bene? Un bacio dovrebbe…”
“Un bacio? Se va bene? Manco sono riuscito ad avvicinarmi. Una folla di nani ha minacciato di denunciarmi per molestie sessuali se avessi anche solo provato a sfiorarla. Tentata violenza carnale su persona inconscia, che è pure aggravante, e poi necrofilia e cose del genere.”
“Nani? Maschi o femmine?”
“E chi li sa distinguere? Tu oseresti chiederlo? Si rischia la galera anche per quello. Comunque sembravano abbastanza isteriche.”
“Suvvia, ci saranno bene altre principesse…”
“Oh, come no. Quell’altra addormentata nella fortezza circondata dai rovi, che dicono sia una bel pezzo di figliola. Mi sono fatto un mazzo tanto per arrivarci, mi hanno visto mentre tentavo di baciarla e mi sono beccato una querela per atti di libidine non consensuali e violenza. E questo è niente. Sai la tizia con i capelli chilometrici nella torre? Una denuncia per stalking mi ha fruttato, l’avere cercato di arrampicarmi. Anche solo sfiorare i capelli è reato. Per non parlare di quella zozzona che se andava in giro con le scarpe di cristallo e la carrozza di zucca. La matrigna ha fatto emettere dal tribunale l’ingiunzione di tenermi almeno a cinque chilometri di distanza. Sembra sia anche minorenne, se faccio tanto di ballare con lei mi becco la galera a vita.”
Il barista si grattò la testa. “Mi stai dicendo che non c’è più nessuna ragazza che vuole essere salvata da un principe?!”
Il ragazzo buttò giù l’ultimo sorso di aperitivo. “Che vuoi che ti dica. Magari ci sono anche. Sai, una ragazza tosta che sappia badare a se stessa non è che mi farebbe schifo. Ma hai presente quella della bara di cristallo? Marcirà lì, come quella addormentata nel castello. Chissà se lasceranno avvicinare qualcuno almeno alle loro mummie, o aspetteranno che siano diventate ossa. E la servetta con la mania della disco, chi la salverà dal lavoro minorile e dallo sfruttamento famigliare? Chi potrà entrare nella torre di quell’altra e portarla via, se i capelli sono il solo ascensore e guai a toccarli?”
Posò il bicchiere sul bancone. “Sai qual è il problema? Che qualcuno ha deciso che ci si può salvare da soli. Ma questo non riescono a farlo nemmeno i principi addestrati come me, figurarsi i deboli e le ragazzine, fossero pure principesse”.
Estrasse dalla tasca il portafoglio. “Mi viene il sospetto che questa storia sia stata messa in giro dai furbi, dai potenti, dai malvagi insomma, da quelli che hanno tutto l’interesse che nessuno salvi gente da loro. Perché così loro si conservano il potere.” Gettò una manciata di monete sul bancone, e fece per uscire. Sulla soglia si voltò e guardando il barista disse “Ma questa sarebbe solo una brutta favola senza lieto fine.”

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 24 ottobre 2018 su fiaboidi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 7 commenti.

  1. Eggià, dimenticavo che a te Cenerentola sta sulle scatole da sempre…!
    C’è la soluzione: il principe di tendenze omossessuali che le libera senza secondi fini!

    PS: nani maschi e femmine….ah, Terry Pratchett, quanto ci manchi! :-)

  2. Scusa so che non pubblichi più commenti contrari, ma non riesco a esimermi: il principe potrebbe sposare una contadina, o una commessa, o una dottoressa, anziché andare a baciare ragazze in coma o appendersi ai capelli di una poveretta rischiando di rimanere con lo scalpo in mano, solo perché hanno qualche quarto di nobiltà.

  3. Quente, i commenti sono come sempre liberi – blocco solo i troll. Quel “so” da dove arriva?
    Il post è volutamente paradossale. Sembra comunque, a leggere le cronache che ci arrivano dall’America soprattutto, ma anche da altre parti del mondo, che l’orientamento non sia limitato alle principesse.
    La parte importante è: ma davvero ci si riesce a salvare da soli, da qualunque cosa ci si debba salvare?

    Il post è stato ispirato, tra il resto, da questo: https://it.aleteia.org/2018/10/23/keira-knightley-contro-principesse-disney-cenerentola/

  4. Bentornato Quente! Secondo te le ragazze in coma o quelle prigioniere non è il caso di tentare di salvarle perché sono nobili?

  5. Bè tu che conosci il finale della favola sai che il principe la salva. Ma il nano sa solo che la sua amica è finita in coma, e che arriva uno sconosciuto che prova a limonarla nel suo letto in ospedale*. Mi pare normale che si inalberi, considerato che è da ogni punto di vista una molesia sessuale, senza invocare oscuri e malvagi e soprattutto senza dover insultare il suddetto povero nano per il suo aspetto. Nella fiaba di Berlicche il principe non ci fa una bellissima figura.

    Peraltro anche nella versione originale non mi risulta che il principe sappia del potere salvifico del potere del bacio. Ma altrimenti, potrebbe parlare con i nani è spiegare lo ‘stato di necessità’ di un bacio senza consenso. E’ la differenza che c’è tra infilare la lingua a una ragazza presa alla sprovvista in autobus, e fare il bocca a bocca a una che invece ha avuto un arresto cardiaco.

  6. P.S. credo che qualche commento mi finisca di default in moderazione e lì scompaia… boh.

  7. xQuente: sì, ho recuperato un tuo commento finito in spam.
    xTutti: Ogni tanto lo dico: se vi sparisce un commento, fatelo presente. A parte i troll che sono stati bannati dopo molteplici avvisi, io avverto sempre se rimuovo qualcosa. Il filtro antispam non è perfetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: