Cinquant’anni di vacanza

Ascoltando il testo de “Una vita in vacanza“, il tormentone di Sanremo di quest’anno, mi veniva da pensare che sono passati proprio cinquant’anni da quel ’68 in cui ci si augurava pure la fine del sistema sì, ma per quello che erano pur tuttavia alti ideali, talmente alti da essere confusi e inconcludenti.
Così includenti da non essere veri. Ormai l’hanno capito pure i nostalgici.
Non stupisce quindi che la critica al sistema sia diventata mezzo secolo più tardi, in mezzo agli applausi, un invito a farsi i ca**i proprii, ad andare in vacanza fregandosene di tutto. Insorgiamo contro l’oppressione, andando a fumarci uno spino su una spiaggia, e che non vengano a romperci i coglioni. Neanche con quegli alti ideali che si usavano un tempo.
Almeno finché dureranno i soldi di mammà.

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 12 febbraio 2018 su gusto e disgusto. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: