Una fede scontata

Le nebbie rendevano alberi e palazzi intorno a me, che tornavo dal lavoro, fantasmi grigi nella precoce notte invernale. Fu allora che notai quella stella brillante, a mezz’altezza. Un aereo? Eppure non sembrava muoversi. Anzi, pareva fissa, e relativamente vicina. Archiviai il mistero nella mente. Fu solo dopo qualche giorno, transitando in orari meno tenebrosi, che vidi come il fantomatico lume fosse posizionato sulla cima di una specie di guglia.
Cosa poteva essere? Il pilone di un nuovo ponte? Nella zona ferveva un rinnovamento urbanistico, con svincoli e viadotti che sorgevano improvvisi su antichi prati. Eppure era strano. Un pilone così aguzzo, isolato, quasi in mezzo al niente… sembrava quasi il campanile di una chiesa, di quelle moderne che sembrano vele, raggi di sole o, mi si perdoni, cacate di giganti.

il mistero mi si è chiarito a distanza di parecchie settimane, quando ho visto in giro i manifesti del nuovo outlet. La guglia era sostanzialmente un segnale pubblicitario, come i fasci di luce lanciati verso il cielo che avevo scambiati per quelli di una discoteca o delle giostre carnevalesche. Il giorno dell’apertura il traffico era paralizzato per chilometri attorno, e sì che avevano raddoppiato le strade.

Adesso, con la bella stagione, quella guglia la vedo molto meglio.Sia di giorno che di notte. E mi interroga.
Il senso di una civiltà, a mio parere, è rivelato da ciò chegli uomini che ne fanno parte innalzano verso il cielo.
Le torri di guardia, avevano un senso. I campanili, avevano un altro senso. Monumenti? Bandiere?
Questa nostra civilizzazione innalza segni che dicono “Qui si compra e si vende”.

E la gente si dirige a frotte nella nuova chiesa. Che non promette salvezza, ma solo sconti.
Sì, sto parlando dell’outlet.

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 4 aprile 2017 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: