XXII – Non Credo… che sia Cattolica

“Credo nella Chiesa…cattolica…”

Così la ridicola formuletta che vi stiamo insegnando a smontare pezzo per pezzo, cari amici demoni. Vogliate notare come qui quel “cattolica” non voglia essere un nome proprio, ma un aggettivo. Vuol dire “davvero universale, di tutti quanti”. Quegli ipocriti sostengono che proprio tutti potrebbero farvi parte.

Non è vero. Noi demoni no. Vorremmo, ma non ce lo permettono. Pensate che noi, se potessimo, non parteciperemmo a qualcosa che dicono meraviglioso? Eppure non ci lasciano. Dicono che dovremmo abbandonare le nostre convinzioni e le nostre idee. Pretendono il nostro cambiamento, imponendoci il loro modo di vedere e pensare. Solo perché ci piace quello che loro definiscono il male, dovremmo essere esclusi? E perché?

Mi sembra estremamente ingiusto. Il Nemico-che-sta-lassù pretende che ci adeguiamo alla sua mentalità, vuole dettarci i criteri di esclusione e inclusione. E il multiculturalismo? L’essere aperti ad altre mentalità e ad altre posizioni? Noi siamo portatori di nuove idee, di un nuovo tipo di approccio al mondo. Siamo i profeti della modernità, anzi, la modernità stessa è opera nostra. Tutta questa storia dello svecchiare, di essere giovani e trasgressivi, da chi credete prenda origine? Siamo noi ad averla inventata. Noi siamo fantasiosi, intelligenti, propositivi. Proattivi, come dice qualcuno. Noi smontiamo i luoghi comuni e li riassembliamo perché ci siano utili.
Quindi perché, se volessimo, non potremmo stare nella Chiesa con tutti i nostri peccati di cui siamo assolutamente orgogliosi? Perché non ci possiamo entrare con tutto il nostro odio per il Nemico? Perché non potremmo impossessarci di essa e riplasmarla secondo i nostri gusti? Se veramente si dice cattolica dovrebbe permettercelo. Incoraggiarci, persino. Noi siamo le pecorelle che vogliono abolire il pastore, gli autentici rivoluzionari, i futuri padroni del gregge. Noi siamo parte del popolo, anzi, noi siamo il popolo, nella sua più alta accezione, i suoi più veri rappresentanti, quello che lo capiscono meglio di tutti. Abbiamo lavorato con gli umani e sugli umani fin dalla loro creazione, come li conosciamo noi non li conosce nessuno. Siamo noi che suggeriamo loro cosa credere, cosa desiderare…se la Chiesa è fatta per tutti gli uomini, chi meglio di noi per esserne i capi?

Eppure veniamo tenuti fuori con scuse banali. Come pretendere che ci sia, prima, la verità.
E quando educatamente osiamo proporre la nostra opinione, il nostro punto di vista differente, subito fanno un esorcismo per scacciarci. Cattolica? Bah!

Stando così le cose, se non possiamo entrare in essa e renderla nostra, dobbiamo distruggerla. Sconfessare quelle riga del Credo che la chiama aperta a tutti. Lavorare per renderla esclusiva, un club riservato a pochi scelti. Pochi e sempre meno, fino a  scomparire come merita. Noi non possiamo entrarci? Che non ci entri più nessuno.

Amici tentatori, assecondate la naturale tendenza delle bestioline umane a sentirsi superiori! A fare gruppo! Escludere antipatici e indesiderati non sarà difficile.

Per prima cosa fuori i peccatori, naturalmente. Tutti quelli che hanno difetti, problemi, colpe non possono entrare in un consesso così puro. Li si escluda. Politici? Fuori. Ladri? Fuori. Corrotti? Fuori. Mafiosi? Fuori. Razzisti? Fuori. Fuori chi ha un comportamento sessuale non corretto. Fuori chi ha peccato contro qualsiasi comandamento. Dentro ci rimangano solo i puri. Avremo compiuto così la nostra vendetta verso quelli che ci hanno seguito ed hanno pensato di potere abbandonare la nostra Chiesa, quella di Nostro Padre che sta Quaggiù. Eh no, amici dannati, qui all’Inferno il nostro programma è raccogliere, puoi chiamarti fuori ma non potrai mai lasciarci. Raccogliamo tutti, accogliamo nessuno.

Cari umani, scegliete il vostro criterio preferito per discriminare e applicatelo. Bianchi, neri, di destra, di sinistra, ricchi o poveri, di questo o quel popolo, di questa o quella nazione. Avete tutte le scuse per mandare via chi non sopportate. Fatevi la vostra Chiesa esclusiva, che sarà sicuramente migliore della vecchia. Garantiamo la nostra assistenza.

Sarebbe però sbagliato limitarsi a lavorare dal solo lato dell’istituzione. L’esclusione più forte è l’autoesclusione. Basta convincere il mortale che non potrà mai fare parte del club perché non pensi neanche di farvi domanda di ammissione, e cominci a guardarlo con odio. Gli esseri umani odiano sempre ciò dal quale si sentono esclusi.
Esclusi, perché? Perché si è commessa una colpa così grave che non si pensa possa essere perdonata.

Fate confondere loro chi pensa al bene con i  benpensanti. Che la consapevolezza del loro peccato li tenga lontani. Si pensino indegni. Non devono neanche considerare di poter essere perdonati. Non devono rendersi conto che la Chiesa è lì proprio per loro. Devono aver vergogna a parlare al dottore del loro male, pensare di poter essere guariti da esso. La vergogna, o l’esservi così affezionati da non poter pensare di abbandonarlo.

Poi ci sono gli autoesclusi di segno opposto. Coloro che non vorrebbero mai fare parte di un’organizzazione che accolga quelli come loro. Se la Chiesa è veramente per tutti allora prego, che ci vadano pure. Io non sono come la massa, dice il mortale: io mi chiamo fuori, questi hanno rovinato tutto. Se vogliono accogliere ogni persona, anche le peggiori, allora non possono essere nel giusto.

Nell’uno o nell’altro modo, questi umani cessano di essere universali. Cosa non è universale è particolare, e si sa che il diavolo è nei particolari.

Mi sono spiegato? I servi del Nemico sono così convinti che ciascuno possa trovare il suo posto nella loro organizzazione che così si fanno chiamare: cattolici. Mentre la nostra idea di universalità è che non debba esistere niente al di fuori di ciò che ci è utile e che possiamo controllare. Cosa non riusciamo a possedere deve smettere di esistere. Diventare nulla: e, si sa, il Nulla contiene il Tutto. Il Nulla siamo noi.

image_preview

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 29 settembre 2016 su Non Credo. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: