Ciò che rimane

Pare che in alcuni comuni spagnoli, in nome della libertà, si proibisca di esprimere liberamente la propria religione.
D’accordo, togliamo pure tutto ciò che è cristiano per rispetto agli atei. Però, per parità, poi togliamo tutto ciò che è ateo per rispetto ai cristiani.

Ero-ateo-fino-a-quando-ho-capito--io-sono-Dio-Maglie-a-manica-lunga

 

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 5 maggio 2016 su diavolerie e cattiverie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 35 commenti.

  1. gattorandagio

    E che cosa dovremmo togliere? Un ateo è per definizione un deserto totale (e che vuol desertificare). Forse l’unica cosa che ha è il suo ombelico che scambia regolarmente per il mondo intero.

  2. ” poi togliamo tutto ciò che è ateo”

    Per esempio?

  3. Appunto. Questo lo leggo come un segno di umiltà, positivo sul piano filosofico.
    Purtroppo, ciò crea qualche problema di ordine pratico in presenza di chi è portatore di simboli di vario genere, dagli inconvenienti più blandi fino ai dolori acuti, quando si è in presenza di fanatici.
    La soluzione? Fingere di essere parimenti fanatico e comportarsi di conseguenza, come se ti assalisse un animale con cui non puoi mica ragionare: devi solo cercare di essere più belva di lui, se vuoi sopravvivere.

  4. Purtroppo questo è fanatismo ateo che non può non esprimersi in tal modo mascherandosi dietro alla laicità, che è tutt’altra cosa.

  5. In nome del rispetto delle differenze, ci vogliono tutti uguali.

  6. …siete tanto carini quando fate le vittime.

    (oh, adotto la vignetta: lo slogan mi si addice e il pupazzetto mi somiglia – fin nell’abbigliamento)

  7. Omologazione culturale in nome dell’ateismo. E poi dicono che i cristiani “fanno le vittime”…Bah!

  8. Oh, r&s, magari è proprio perché siamo tanto carini che siamo tanto perseguitati.

  9. perseguitati, si.

    …ne parlavo giusto ieri al cocktail del Circolo Ufficiali con il generale Marcianò.

  10. Caro Marcoz, c’è un sacco di gente che segue la tua idea. Migliaia di cristiani uccisi per fede, centinaia di milioni perseguitati. Dove siano questi fanatici da cui ci si premunisce ammmazzandoli non si sa: saranno le vecchiette del rosario stamattina a messa.
    Quando giustifichi il male bestiale (“non puoi mica ragionare”) sei un vero esempio a tutti noi.

  11. “Dove siano questi fanatici”

    Quando ho scritto il mio intervento (che non voleva essere strettamente legato alla notizia, ma genericamente riferito all’assenza di simboli), pensavo soprattutto a certi fenomeni di matrice islamica. Perché, oltre a pensare che la reazione deve essere proporzionata alla minaccia, tendo anche a contestualizzare.

    “Quando giustifichi il male bestiale”
    Lo giustifico anche quando chi reagisce è un credente pacifico che viene perseguitato con repressione violenta da un sistema, stato o organizzazione di qualsivoglia genere.

  12. Caro Marcoz, stai contestualizzando nel contesto sbagliato. Per le contestualizzazioni islamiche accomodati nel blog del Mohammad più vicino.
    Se no uno penserebbe che usi qualsiasi scusa per giustificarti.
    E no, i cristiani il “male bestiale” non lo giustificano mai.

  13. Chiunque è libero di farsi ammazzare, se crede, cristiani compresi.

  14. E quali sarebbero questi comuni spagnoli? Puoi citarmene alcuno?

  15. Marcoz, liberi anche di amamzzare, se questo è quello che ritieni.
    Per i cristiani questo ha delle conseguenze. Per te?
    Nicoletta, Link all’interno del post

  16. Marcoz scrive: togliamo tutto ciò che è ateo. Per esempio?
    Per esempio l’assenza di riferimenti religiosi. Come cristiana, ciò turba la mia sensibilità. Si provveda, prego.

  17. Ammesso pure che sia possibile (e che abbia senso) cancellare qualunque riferimento religioso, rimarrebbero sempre gli uccellini, i fiori, il mare, le montagne, il cielo, le stelle, chiare testimonianze dell’opera del Creatore*, al cospetto dei quali i simboli e i monumenti eretti dall’uomo impallidiscono, al confronto.

    *aggiungo Bar Refaeli anche se è un pochetto giudìa

  18. Il fatto che degli atei giustifichino questa legge persecutoria (perché non può essere definita altrimenti) fa capire che ciò che li muove è solo odio per il cristiano, percepito come diverso e pericoloso.

  19. Nel caso che Ago86 si riferisse (anche) al sottoscritto, chiarisco:
    – non posso definirmi ateo in senso stretto;
    – anche se mi ritenessi tale non mi sentirei necessariamente rappresentato da altri sedicenti atei né avrei la presunzione di essere io rappresentativo della… categoria;
    – ritengo la faccenda del proibizionismo di cui sopra, se vera nei termini riportati, una emerita stronzata (“ammesso… che abbia senso”, scrivevo).

    @Berlicche
    “liberi anche di amamzzare, se questo è quello che ritieni.”
    Non ho problemi ad arrivare alle estreme conseguenze, in assenza di concrete contromisure meno lesive, per legittima difesa.
    Sono pacifico, non pacifista.

    “stai contestualizzando nel contesto sbagliato”
    Perché tu pensi solo ai luoghi, io anche ai tempi.

  20. No, Marcoz, io penso a tutti e due. Essere bestiali è sempre sbagliato, se siamo uomini.

  21. Se succede che qualcuno ti aggredisce con una mannaia perché ti vuole staccare la testa, vai a dirlo a lui*, e vediamo i risultati.

    *non che sia un gesto da escludere in maniera categorica, però lo metterei in pratica esclusivamente se coperto da un tiratore scelto che risolva la questione in maniera opportuna, nel caso il tentativo fosse – come dire – poco efficace.

  22. Oh, certo, mi difenderei. Ma “uno” significa “una persona”. Qualunque ragione abbia per cercare di staccarti la testa, è uomo.
    Se scegli di ignorarlo allora forse si possono capire le sue ragioni.

  23. “Qualunque ragione abbia per cercare di staccarti la testa, è uomo.”
    E allora?
    Se “uno” ti tratta con gentilezza, tu lo tratti con gentilezza. Se “uno” ti aggredisce come una belva, tu ti devi difendere come una belva (se non hai la possibilità di renderlo innocuo con metodi meno brutali).
    Questo vale – con tutti i rapporti del caso – sia per “uno” sia per “tanti” che facciano corpo unico.

  24. Occhio per occhio, dente per dente. Com’è umano. Com’è bestiale.
    Il cristianesimo ti dice “ama il tuo nemico, prega per chi ti fa del male”.
    Qualcosa di più che umano.

  25. Ultima citazione di Berlicche

    Teoria?

    Purtroppo caro Marcoz e compagni NO

    C’è chi lo ha fatto veramente, anche dopo l’enunciatore (e primo esecutore) della norma suddetta.

    Provaci per 24 ore anche tu che mi leggi

    Alla 25^ ora ne riparliamo su come ti sentì circa il rientro nei ranghi

  26. Scusa Berlicche ma “Occhio per occhio, dente per dente.” è davvero umano (e fu prescritto da Mosè a suo tempo: Levitico 24,19-20). Bestiale è reagire all’aggressione dando sfogo senza misura alcuna a rabbia e vendetta. Non penso che Marcoz farebbe così (ma non ci scommetterei come peraltro non scommetterei neppure su me stesso)… Comunque è vero: il Cristianesimo è qualcosa di più.

  27. Berlicche, la vendetta non c’entra niente con quello che sto dicendo.

    ““ama il tuo nemico, prega per chi ti fa del male”
    Proposito molto onorevole, ma di difficile attuazione nel momento in cui il nemico cerca di tagliarti la gola.

    Certo, Mario, per esempio il nazismo è stato abbattuto a colpi di esortazioni, rimbrotti e preghiere.

  28. Certo, Mario, per esempio il nazismo è stato abbattuto a colpi di esortazioni, rimbrotti e preghiere.

    Il che non è vero. E non è pertinente. Ama il tuo nemico e non vedo perchè configurare il nemico della tua nazione. Il tuo nemico appartiene a te (ha due occhi una bocca e due orecchie) e il nemico della tua nazione (è astratto e non ha UNA bocca ma un vociare diabolico) appartiene a Renzi e dintorni. Prega per Renzi (in forza della sua carica / san Paolo) e – per restare in argomento – prega per chi ti conosce e ti fa del male. E’ dai frutti che riconoscete l’albero. Tu non lo hai mai fatto e i frutti del pregare per il nemico li vedi al cinema (a Roma si dice “I film mentali”) anzichè assaporarli in concreto.

    Tra quel che dici tu e quel che afferma Gesù Cristo, scusami, ma non ho dubbi verso chi debbo credere.

  29. Simboli (o mancanza di simboli) – identità – gruppi – nazioni.
    È da quando sono intervenuto che parlo di “agglomerati umani”, non di singoli.
    Mica mi riferisco all vicino chiassoso o al teppista che ti riga la macchina.

    “Il che non è vero”
    Che vuol dire?

  30. “Agglomerati umani”? E che sono?
    La libertà e la scelta sono delle persone. Un po’ comodo delegare.

    Forse non ti è chiara la differenza tra combattere perché si deve e perché si vuole. Senza odio. Neanche per i nazisti. O per il teppista.

    In effetti, Eppe, “Occhi per occhio dente per dente” può non parere, ma rappresentava un grande progresso rispetto alla fase precedente. Cioè: “La tua vendetta o ritorsione sia limitata”. Pur prescrivendola. Mentre in prededenza c’era esattamente la posizione di Marcoz: ti minaccia, fallo fuori. Lui, la sua famiglia e tutti quelli come lui. Sii bestiale.

  31. Vendetta, ritorsione, odio, sterminio… E poi quello che non coglie le differenze sarei io.

    Vabbe’, buonanotte, Berlì.

  32. Sì, proprio non cogli.
    Buonanotte.

  1. Pingback: Stupidità – preghiere corte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: