Il senno di poi

Studiando la storia, gli avvenimenti dei tempi passati, si rimane stupiti delle decisioni talvolta sciocche o disastrose di cui si legge.
Popoli e re, ministri e città hanno scelto spesso il corso di azione che li ha portati alla distruzione. Li vedi ignorare gli avvisi, licenziare o addirittura uccidere i consiglieri che li avrebbero potuti salvare. Ostinarsi nell’errore, imboccare gioiosi il sentiero da cui non sarebbero più tornati indietro.

Certe volte la fonte della disgrazia è chiaramente rintracciabile. Una ideologia fasulla, una volontà di emergere, una smania di potere che annebbia la mente.
Altre volte è più arduo. Occorre veramente calarsi nei panni di quegli abitanti di un tempo diverso dal nostro per comprendere cosa li abbia spinti a compiere quegli sbagli. Ciò che ai nostri occhi appare ovvio ed evidente, usando il senno di poi, a quegli uomini lo era molto meno. Spinti dalla convenienza personale, dalla disciplina di partito, da menefreghismo e assenza di nerbo, dalla mancanza di comprensione della gravità del momento hanno scelto male. Si sono condannati.
Mi chiedo se questi nostri antenati, a loro volta, guardando noi prendere decisioni altrettanto letali ed errate delle loro, si dispererebbero per la dabbenaggine e la cecità dei loro discendenti. Se ci guarderebbero increduli buttare via tutto quanto loro hanno costruito, a prezzo di immani fatiche e lotte, sperperando la loro eredità.

In Italia, oggi, stiamo vivendo uno di quei momenti che le generazioni future guarderanno come punti di svolta. C’è un potere, in larga parte autonominato, che sta facendo carta straccia di leggi e Costituzione che pure ha giurato di difendere. Contro gli stessi cittadini, con arroganza, con evidente menzogna. Si impone come una dittatura morbida, che non tollera dissenzienti, che per il momento si accontenta di silenziare o ignorare.
Se vincerà, però, quale sarà il suo limite? Se si tacerà ora, chi oserà parlare dopo?
Con il senno di poi, oggi sarebbe il momento giusto. Con il senno di poi andrebbe fermato ora,  facendogli capire che non può fare quello che vuole.

Ma, come ho detto, molti errori sono evidenti solo dopo. Dopo il disastro. Usando il senno che dovremmo usare adesso. Invece di poi.

skelet

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 16 febbraio 2016 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 17 commenti.

  1. anch’io, da tempo, provo una sensazione del genere
    sgradevole per non dire spaventosa, ma sempre più netta

  2. …occorrono semi buoni, anche pochi, ma in grado poi di raccogliere e mettere assieme i cocci di una umanità distrutta… usiamolo così, quel poco senno rimasto…

  3. Vero che alcuni errori sono evidenti solo quando sembra, o effettivamente è, troppo tardi per ritornare sui propri passi e, soprattutto, per prevenire e sbarrare il passo alle sofferenze più grandi. Ma non è per questo che esitono e r-esistono blog come il Suo?

    Altre epoche, non meno insisidiose e, per chi crede, insidiate, della nostra, hanno avuto altre voci critiche non meno lucide sebbene, purtroppo per tutti (noi qui compresi, oggi), inascoltate. Ne ho scoperta una di sbalorditiva bellezza e incisività, solo pochi minuti fa; mi permetto di segnalarne il link, qui di seguito:
    http://kelebeklerblog.com/2014/09/30/il-balletto-delle-nazioni/.

    Buona lettura a tutti.

  4. Il lato farsesco di questo cicaleccio sta già emergendo in tutto il suo splendore. Ce l’hanno menata per anni con i diritti negati, intanto la Legge Riparatrice fatidica non è ancora stata approvata e già stanno abolendo la reversibilità delle pensioni, ovvero l’unico diritto che due conviventi gay ancora non avevano. Si direbbe facciano apposta ad autodenunciare la propria pochezza…

  5. Non è che la aboliscono, portano il parametro sulla famiglia rendendo più difficile accedervi. Ma i gay non sono famiglia…
    Comunque è ancora tutto per aria, come gli acrobati o gli esibizionisti.

  6. Si comincia sempre così: razionalizziamo, evitiamo gli sprechi, le ingiustizie, state tranquilli che non cambia niente… Poi si sa dove si va a parare. Non ne avessimo mai viste!

  7. La fine del mondo si avvicina?

  8. Certo, come ha fatto negli ultimi 4 miliardi e mezzo di anni.

  9. credo siano gli ultimi spasimi di satana e chi gli appartiene poiche’ non possono vedere quello che il Signore sta preparando per l’umanita’ anche la creazione attende la rivelazione dei figli di Dio

  10. L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Il senno di poi. Perchè, come dice il Vangelo di oggi, il Signore ci offre un terzo giorno per convertirci. Ma non è detto che ce sia un quarto!

    “In Italia, oggi, stiamo vivendo uno di quei momenti che le generazioni future guarderanno come punti di svolta. C’è un potere, in larga parte autonominato, che sta facendo carta straccia di leggi e Costituzione che pure ha giurato di difendere. Contro gli stessi cittadini, con arroganza, con evidente menzogna. Si impone come una dittatura morbida, che non tollera dissenzienti, che per il momento si accontenta di silenziare o ignorare.
    Se vincerà, però, quale sarà il suo limite? Se si tacerà ora, chi oserà parlare dopo?
    Con il senno di poi, oggi sarebbe il momento giusto. Con il senno di poi andrebbe fermato ora, facendogli capire che non può fare quello che vuole.”

  11. “c’è un potere in larga parte autonominato… “,mi ha fatto ricordare un articolo di cui mi ha colpito una frase :”la moltiplicazione della rappresentanza annacqua omeopaticamente il mandato elettorale fino ad annullarlo”

  12. “La fine del mondo si avvicina?” (cit.)

    Preferisco pensare che si avvicina la parusia, quell’evento che darà definitiva risposta alla domanda di san Giuda Taddeo, riportata nel capitolo 14 del vangelo di Giovanni: “Signore, com’e avvenuto che stai per manifestarti a noi e non al mondo?”.

    Ma se il Cristo, dall’ora del Calvario in poi, é inchiodato indissolubilmente al mondo dalla croce, coperta del Suo stesso preziosissimo Sangue, non c’è che una duplice via per la Sua rivelazione; ciò è vero soprattutto nell’Ora in cui quel legno secco e sterile sarà “annaffiato” perché chiamato a ridiventare legno verde, e a rifiorire e fruttificare senza alternanza di stagioni, sempre e per sempre.

  13. Brunella Rosano

    L’ho copiato e postato sulla pagina fb con il tuo nome. OK?

  14. xBrunella: come scritto al fondo della pagina, ok.

    xEelelai80: il guaio è che perfino il mandato non c’è nessuno che lo manda.

    xLuigi, Marilù: Che siano o no gli ultimi spasmi temo (o spero) lo sapremo solo quando ci troveremo davanti al Trono. L’importante, per noi come per tutti gli uomini che ci hanno preceduti ed eventualmente seguiranno, è avere fatto il meglio nel e del nostro tempo. E di guardare quel trono dalla parte giusta.

  15. dice che le unioni civili sono una perdita di tempo quando il parlamento dovrebbe occuparsi di altro. chi e’ che perde davvero tempo? http://www.ilpost.it/2016/02/17/emendamenti-ddl-cirinna/emendamenti-unioni-civili-3/

  16. Berlicche, vista la situazione attuale,impossibile darti torto. Ho trovato l’ articolo di cui parlavo.

    http://www.ilpedante.org/post/democrazia-dal-basso-bassa-democrazia/

    Non propriamente attinente, lo segnalo perché lo trovo comunque molto interessante.

  17. x Drone: Oh, sappiamo benissimo che chi ha presentato la legge non voleva far perdere tempo. Ha persino saltato il passaggio obbligato in Commissione e voleva eliminare ogni discussione, pur di fare in fretta.

    Grazie, elalai80.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: