Rivoluzione imperiale

Il paradosso che vediamo quotidianamente è che la rivoluzione è guidata dal potere stesso, e se qualcuno si rifiuta di aderirvi viene perseguitato come il peggior nemico dell’ordine costituito.
I rivoluzionari più accesi sono i servi più fedeli dell’Imperatore.

2873237195_44b83ae95c_m

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 2 settembre 2015 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 19 commenti.

  1. questo post è davvero ganzo….dice con semplicità una verità che se non si fosse anestetizzati la si vedrebbe subito. Da sempre anche nell’antico egitto i rivoluzionari erano contro il potere costituito, oggi è il contrario il potere costituito detta qual’è la rivoluzione da farsi e il popolo via dietro…Non sarà che almeno (i potere costituito e chi è al suo interno) è più libero di fare i propri porchi comodi sulle spalle proprio del popolo, si insomma : divertitevi, ubriacatevi, drogatevi, fate sesse a vosto piacimento ( “trom..” con cani e porci) l’importante è che facciate tutto questo in modo regolato, senza fare tanto casino e quello che fate vi dico io quanto farne, ma soprattutto senza interessarvi troppo di quello che noi stiamo facendo perchè noi (il potere costituito) siamo l’elit che si deve guidare il mondo e che non dobbiamo essere disturbati nella nostra vita opulenta e astratta.

  2. Certo che ci voleva bravura a fare un post di 4 righe riuscendo a sbagliare tutto.
    Dove sarebbe l’Imperatore????
    La rivoluzione è guidata dal potere stesso????Semmai è il contrario,il potere è influenzato dal basso è legifera in un certo modo.
    Non si vede poi cosa c’entri la foto visto che i matrimoni gay son stati introdotti dal la Corte suprema.

  3. @Frank77

    “…il potere è influenzato dal basso è legifera in un certo modo…”

    in quale universo parallelo?

  4. Va bene, Frank, prendo nota che nel tuo mondo il potere basa le decisioni sulle istanze popolari, popolo che non cerca in alcuna maniera di influenzare; che Obama non ha influenza sulla Corte Suprema né sulla nomina dei giudici; che possiedi un automatismo che quando si parla di rivoluzioni tu automaticamente converti in “matrimoni gay”.
    Ti ringrazio davvero: sei la perfetta esemplificazione di quanto dico nel post.
    Qualcuno che non si domanda perché l’Imperatore, ovvero tutti i capi delle più grandi corporation e coloro che fanno il bello e cattico tempo dell’economia, i leader politici, i famosi intellettuali immanicati su certe questioni la pensano esattamente come lui, che si pensa anticonformista.
    Mentre quelli che lui etichetta come conformisti sono costantemente sotto attacco, silenziati, derisi, quando non fisicamente minacciati.
    Uno così è il servo migliore che l’Imperatore può desiderare.

  5. Mi dispiace frank ma proprio il tuo discorso conferma il fatto del potere che manovra e se non ce la fa allora usa la forza finta democratica (negli States dove avevano chiesto il parerere del popolo il popolo aveva detto no alle nozze gay e allora sono passati alle vie giudiziarie, appunto, e tutti zitti perché altrimenti si finisce in galera o alla gogna come accaduto al maneger di firefox).

  6. “che Obama non ha influenza sulla Corte Suprema né sulla nomina dei giudici”

    Mi sa che qualcuno fa confusione fra la corte Suprema e la Corte Costituzionale Italiana.
    I giudici della Corte Suprema una volta nominati vi restano a vita.Il Presidente Usa ne può nominare uno solo alla morte di qualcun’altro.La maggioranza la momento è di 5-4 per i conservatori è il matrimonio gay è passato perchè uno dei conservatori,nominato da Reagan ha votato con i progressisti.

    “che possiedi un automatismo che quando si parla di rivoluzioni tu automaticamente converti in “matrimoni gay”.”

    Il giochetto di lanciare il sasso è nascondere la mano evitalo con chi ha più di 5 anni.
    Naturalmente la foto di Obama sta per parlare del problema della fame del mondo :-D

  7. “Tu non credere mai all’Imperatore,
    anche se il suo nome è società,
    anche se si chiama amore,
    anche se il suo nome è popolo, anche se si chiama onore…”
    Faceva così o sbaglio?

  8. Frank, stai negando che Obama abbia nominato giudici alla corte Suprema (ne ha nominati 2, altri due il marito del suo ministro) o che su di essi non abbia influenza? O credi ancora a questa storia di conservatori e progressisti come categorie archetipali? Davvero sei sicuro che tutti quei potenti a capo della politica di superpotenze o aziende da miliardi di dollari abbiano a cuore gli interessi di te, ragazzo del popolo? O forse neghi che dicano la stessa cosa che dici tu? Meglio, che ti abbiano fatto credere ciò che loro volevano? Davvero sei convinto di essere anticonformista?
    Ai bambini di cinque anni non racconterei mai quello che tu pensi sia vero, perché non ci crederebbero. Direi che è Pavloviano: metto la foto di Obama e tu pensi “gay”, avessi messo la foto di Giulio Cesare o Nerone avresti pensato lo stesso. Non ti è venuto in mente, che so, il riscaldamento globale o la Siria, di cui ho parlato in lungo e in largo; vuol dire che sei bene addestrato.
    Ti auguro di riuscire ad uscire dal tuo mondo di sogno e vedere la realtà, per quella che è, prima che sia tardi. Davvero.

    Faceva proprio così, Dile, allora come adesso.

  9. Non vedo cosa c’entri la parola “anticonformista”. Sono anni che la sinistra mondiale fa battaglia sulla questione, e ora in America c’è un presidente di sinistra (beh, per quanto si possa esserlo negli USA) che agisce secondo il desiderio di molti suoi elettori. Che rivendicano di essere ad oggi maggioranza, non “anticonformisti”.

  10. Stesa cosa di Frank, Camillo. Sei convinto che sia una battaglia di sinistra, voluta dagli elettori. La qual cosa, analizzandola, è palesemente falsa (non si capirebbe se no perché gli enormi investimenti di alcuni per cambiare l’opinione pubblica). Immagino che tutta questa gente che dice “we can change” e si etichetta “progressista” abbia difficoltà quando le si fa notare che invece è completamente “conformista” – come nel presente post. Sono cinquant’anni che lo è, e ancora crede di essere ribelle.

  11. Personalmente sono assolutamente a mio agio con il fatto che le mie opinioni rispecchiano quelle della media borghesia e in alcuni casi delle istituzioni. Qualcuno è rivoluzionario e anticonformista per forza, tipo Giovanni Lindo Ferretti, qualcun altro invece è anticonformista quando non è d’accordo con la maggioranza, e conformista quando lo è. Io almeno la vedo così.

    Barack Obama ha promesso ‘change’, e in parte ha rispettato la promessa, e questo senza tirare fuori la sentenza della Corte Suprema sui matrimoni tra omosessuali (che Obama ha cavalcato più che non voluto; prima del secondo mandato, se non sbaglio, le sue dichiarazioni in merito erano piuttosto tiepide). La riapertura delle relazioni diplomatiche con Cuba e l’Iran e la riforma del sistema sanitario sono tre risultati storici. Anche nella lotta al terrorismo il ‘change’ è arrivato: anzichè costose e impopolari campagne militari, omicidi mirati per mezzo di drone. Difficile considerarla una scelta etica o di sinistra, ma era quello che, credo, chiedevano i suoi elettori. In politica estera è stato a volte velleitario, altre volte intimidito o indeciso, e in genere chi si occupa di queste cose non l’ha giudicato bene. In politica economica forse ha avuto fortuna, o forse la solidità del ‘sistema paese’ americano conta più del suo stimulus package*, ma sta di fatto che si ritrova con l’unico paese che cresce veramente dopo la crisi.

    E’ un rivoluzionario? E perchè dovrebbe esserlo? Il suo slogan era ‘Change’ o ‘Hope’ mica ‘Soviet ed elettricità’. Ed è andato al potere con regolari elezioni, non con l’assalto agli arsenali.

    Il paradosso di cui parli non esiste. Il ‘potere costituito’ esercita, appunto, il proprio potere. Lo può esercitare con politiche di sinistra, di destra, progressiste o conservatrici, religiose o laiche, stataliste o liberiste. Attualmente negli USA sono i repubblicani, i conservatori religiosi, i Tea Parties, ad essere ‘anti-estabilishment’.

    * che, en passant, è l’unica riforma che potrebbe anche essere lo pseudonimo di un attore porno

  12. Caro Quente, non dubitavo affatto che tu fossi uno sponsor dell’Imperatore. Ne condividi e diffondi le idee.
    Obama è un rivoluzionario proprio come Mao, Stalin, Kim Jong-un i cui paesi erano in rivoluzione permanente, e se non eri un rivoluzionario venivi (vieni) fucilato, licenziato, messo nei GuLag o nei manicomi: perché chi si oppone alla rivoluzione è pazzo, fascista o comunista (anche quella fascista era una rivoluzione, non dimenticarlo), omofobo.
    Lo so che non è un rivoluzionario, ma gran parte dei suoi seguaci credono di esserlo. E se qualcuno, come me, lo fa notare, si incazzano.
    Tra parentesi, hai visto che anche in America (come desiderato, siamo arrivati dove avevo previsto?

  13. Sono abbastanza sicuro, quando si parlava delle tue previsioni, di aver previsto a mia volta che i conflitti che sarebbero nati tra le idee dei funzionari e i nuovi doveri avrebbero potuto trovare un compromesso. Mi sembra che in questo caso non ci si sia riusciti, nè la persona in questione sembra molto interessata a una soluzione pacifica. Parliamo di una contea di 15.000 persone in un paese di più di 200 milioni, l’unica in cui finora in cui si sia arrivati a tanto (l’incarcerazione per ‘contempt’, cioè per il rifiuto di rispettare la sentenza di una corte, da noi puo’ sembrare esagerata ma non è qualcosa di mai visto negli USA; e comunque era più di quanto chiesto dagli avvocati delle coppie in causa. I giudici americani odiano davvero il ‘contempt’, leggi per esempio un po’ degli avvenimenti da cui è tratta la nuova miniserie HBO ‘Show me a hero’). Ci sono altre contee in cui non vengono ancora concesse licenze per matrimoni omosessuali (complessivamente comprendenti lo 0,12% dei residenti statunitensi, in una statistica del 21 agosto) ma (finora) nessuno è stato arrestato, licenziato o neanche multato per quanto riesca a trovare su google.

    Secondo la tua teoria e le tue previsioni, il matrimonio omosessuale (obiettivo evidentemente assurdo, irrilevante e di nessun interesse per nessuno dei suoi propugnatori) era un piano anticlericale per perseguitare i cristiani.

    Alla luce dei fatti questo enorme piano è servito per mettere in galera una donna nel Kentucky.

    In sostanza, un buco nell’acqua. I potenti della terra pensavano di avere una spina nel fianco: milioni di cittadini che non si prestavano ad essere sudditi, in quanto cristiani. La dominazione mondiale doveva per forza passare sopra le loro teste; d’altra parte milioni di loro sono morti pur di non dover ripudiare la loro fede (o, addirittura, per spargerla ad altri) sotto le dittature anticlericali, fasciste, comuniste, islamiche… e invece bisogna arrivare in Kentucky per trovare uno straccio di cristiano che vuole farsi un giorno di galera per difendere la famiglia naturale.

    Forse che per una buona parte dei cristiani americani, tutto sommato, il matrimonio tra due uomini e due donne non è tutto questo big deal? Magari qualcosa su cui non sono d’accordo, come tante altre prodotte dall’attuale o dai precedenti governi, ma con cui scendono a patti quando diventano legge?

    “Caro Quente, non dubitavo affatto che tu fossi uno sponsor dell’Imperatore. Ne condividi e diffondi le idee.”

    Io non capisco se tu mi accusi di difendere il potere in qualsiasi forma esso appaia (ma io le idee che ho ora ce le avevo anche quando alla casa bianca c’era George W. Bush), oppure, al contrario, di non cambiare le mie idee per il fatto che esse hanno raggiunto il mainstream in politica (in pratica, di non essere un hipster).

    Sui paragoni con Mao e Pol Pot, penso che come sempre in questi casi sia una questione di buon senso e rispetto per le vittime delle vere atrocità astenersi. Come i comunisti del tempo che fu, che utilizzavano il termine fascista ad ogni piè sospinto, a me pare che per te la definizione di ‘rivoluzione permanente’ sia ‘attività di governo con cui non sono d’accordo’.

  14. Quente, “la persona in questione (non) sembra molto interessata a una soluzione pacifica“?
    Vedi cosa intendo con “sponsor dell’imperatore”? La colpa è tutta della cattiva cristiana, che non sacrifica agli idoli, e quindi si merita ogni cosa possa accaderle.
    La donna del Kentucky è il canarino da miniera. E’ quello che i senatori di minoranza della Corte Suprema avevano avvisato sarebbe arrivato: la violazione della libertà religiosa. E’ stato fatto qualcosa per impedirlo, da parte dello stato federale? No?
    L’enorme piano, caro Quente, fa sì che decine di migliaia di persone scelgano di rinnegare le proprie convinzioni religiose in cambio della tranquillità. Chi si oppone sarà esemplarmente punito. Dal punto di vista del potere, quello che tu neghi esistere, meno sono meglio è. Non pensi che il regime fascista non sarebbe stato più contento se tutti i professori universitari avessero firmato senza fiatare?
    Magari il matrimonio gauy non sarà il big deal. Ma allora niente è il big deal: e l’imperatore potrà fare quello che vuole, perché nessuno si opporrà.
    Riguardo alle vittime delle atrocità, ti ricordo che la maggior parte di quelle dittaure ha cominciato piano. Chiedendo giuramenti di fedeltà…
    Sono loro stessi a definirsi rivoluzionari, non certo io. “Rivoluzione permanente” è un termine usato da ciascuno di loro, Obama a parte. Ma prova ad elencare tutti gli slogan di Obama, e vedi cosa ne ricavi…
    In ogni caso ti sfugge il punto: chi si pensa rivoluzionario non è l’Imperatore, ma coloro che, senza capirlo, cercano di ottenere esattamente quello che lui vuole. Tanto per esemplificarti, i centri sociali cosa chiedono…?

  15. A me spiace sinceramente per Kim Davis e sono convinto che si sarebbe potuto fare di più per evitare di arrivare a questo punto. D’altra parte io vengo da un paese in cui un dipendente pubblico può chiedere un ‘cambio mansioni’ per i motivi più futili, e dove nessuno rischia l’ergastolo per un furto di polli solo perchè è alla terza condanna. Sensibilità diversa, immagino.

    Ed è altrettanto vero che quella che tu hai configurato in ennesimi come un’enorma persecuzione anticristiana alla fine ha riguardato solo le frange delle frange.

    Tu dici: “L’enorme piano, caro Quente, fa sì che decine di migliaia di persone scelgano di rinnegare le proprie convinzioni religiose in cambio della tranquillità.”

    Gli Stati Uniti sono il paese fondato da persone in fuga dalle persecuzioni religiose. Il paese in cui se ti metti un cappello strano ottieni un’esenzione totale dalle tasse. E’ anche un paese dove tra la comunità, religiosa o meno, e lo stato, vige una costante diffidenza. Se sei un memnonita, un amish, un ebreo hassidico ultra-ortodosso, probabilmente non ti candidi per una posizione in un’amministrazione pubblica, perchè sai che dovrai scendere a compromessi con le tue posizioni religiose. Tipo stringere delle mani a delle donne, usare l’email, approvare un budget sanitario che comprende la contraccezione ecc. ecc.

    “Dal punto di vista del potere, quello che tu neghi esistere, meno sono meglio è.”

    Io non nego l’esistenza del potere, e neanche lo difendo o lo assolvo. Dico che attribuirgli caratteristiche sataniche o paragonarlo a Pol Pot quando non è d’accordo con te non è molto maturo.

    “Tanto per esemplificarti, i centri sociali cosa chiedono…?”

    Chiedono che tornino i primi anni ‘2000, per avere di nuovo un qualche tipo di rilevanza politica e culturale.

  16. Caro Quente, scommetto che neanche tu ti rendi conto bene di quello che scrivi.
    -Che si poteva evitare di arrivare alla detenzione, ma si è scelto di non farlo. Credi sia un caso che, tra quelli che si sono opposti all’atto, proprio questa del Kentucky abbia tutta l’attenzione mediatica?
    -che la persecuzione riguarda una minoranza. Ovvero, che per favorire una minoranza se ne perseguita un’altra. E come la scegli?
    -che chi ha una religione, ovvero chi obbedisce a qualcosa di più alto deei potenti, dovrebbe stare lontano dalle cose pubbliche e dalla vita politica.
    E se non è così ce lo facciamo stare.
    Vedi? L’Imperatore è orgoglioso di te.
    Qualche tempo fa ti predissi un’escalation, che si sta puntualmente verificando. Non sono io a non essere maturo, sono i tempi stessi. Tu avresti potuto prevedere l’evoluzione dei regimi che ti elencai, dai loro inizi? Avresti dovuto, perché basta portare alle loro conseguenze quello che affermano. Già adesso affermare che il matrimonio gay è un falso ti costa il posto di lavoro e multe salate. Benvenuto nel paese della tua libertà.

  17. a) “Che si poteva evitare di arrivare alla detenzione, ma si è scelto di non farlo.” Queste forme impersonali sono sempre pericolose. Non è che ‘si è scelto’: è un giudice che l’ha scelto (contro il parere delle organizzazioni omosessuali che si erano costituite parti in causa). Quindi la detenzione di Kim Davis (rispetto a qualcun altro) non è la conseguenza di una scelta deliberata ma semmai un imbarazzo che i fautori del matrimonio omosessuale si sarebbero volentieri risparmiati
    b) “che la persecuzione riguarda una minoranza. Ovvero, che per favorire una minoranza se ne perseguita un’altra. E come la scegli?” Il termine persecuzione è assolutamente fuori luogo. La legge è un compromesso tra libertà ed esigenze inevitabilmente contrastanti.
    c) “che chi ha una religione, ovvero chi obbedisce a qualcosa di più alto deei potenti, dovrebbe stare lontano dalle cose pubbliche e dalla vita politica.” Se la tua religione è incompatibile con l’amministrazione della cosa pubblica, evidentemente sì. Per la stragrande maggioranza delle persone religiose non è così. E non è solo un problema di religione, ma più generalmente di applicare delle leggi con cui non si è d’accordo. Se io penso che la marijuana dovrebbe essere legale, ma faccio il magistrato o il poliziotto, devo comunque perseguire chi la spaccia; se il conflitto è insanabile, cambio lavoro.
    d) “Qualche tempo fa ti predissi un’escalation, che si sta puntualmente verificando.” A me sembra che fatti come quelli che hai descritto quando prevedevi l’escalation continuino a presentarsi, in maniera sporadica, senza nessuna escalation. Quella che è cambiata è l’opinione comune; per frutto di una potente lobby, se vuoi, ma non cambia. Non c’era nessuna persecuzione, e non c’è nessuna persecuzione ora. Trent’anni fa non era socialmente accettabile l’omosessualità, oggi non lo è dire che l’omosessualità è una malattia. Nel 1998 Fini diceva che una persona dichiaratamente omosessuale non avrebbe potuto fare il maestro, suscitando polemiche ma neanche tante; oggi sarebbe crocifisso. E’ più importante la libertà di espressione di Fini, o il benessere e la sicurezza degli omosessuali? A me piacerebbe che fossero rispettate entrambe ma è difficile impedire conseguenze sociali (non legali) quando qualcuno esprime una posizione impopolare
    e) “Tu avresti potuto prevedere l’evoluzione dei regimi che ti elencai, dai loro inizi?” Dici durante la marcia su Roma, o quando Mussolini ha detto ‘Potevo fare di quest’aula un bivacco di manipoli?’? Chi avrebbe mai pensato che voleva fare il dittatore?

  18. Quente, la tua analisi purtroppo sceglie di ignorare i fatti.
    a- Nella sua sentenza della corte suprema, Kennedy aveva affermato che il diritto all’obiezione sarebbe stato protetto dal primo emendamento; i giudici di minoranza avevano espresso i loro dubbi. Tutti avevano concordato sulla necessità di trovare in fretta una soluzione legislativa, che consapevolmente il Governo non ha intrapreso. Di tutti coloro che si sono rifiutati, è stata scelta una signora del Kentucky – e sappiamo come è considerato il Kentucky – invero brutta, con un passato non brillante, e a lei sono state inviate le persone adatte per suscitare il casus belli. Non mi meraviglierei se fosse stata scelta anche in base al giudice che l’avrebbe giudicata. Mi dispiace, Quente, ma solo un ingenuo potrebbe pensare a tutto questo come casuale. Non è casuale che in certe pasticcerie o da certi fotografi vadano coppie gay a chiedere torte o foto; non è casuale che certi medici, certi responsabili siano buttati fuori dai loro lavori. Quindi
    b- Fuori luogo persecuzione? Quale vocabolo alternativo proponi per indicare che o ti adegui o è peggio per te? Questo compromesso di cui parli, dove sta?
    c- La mia religione ha amministrato la cosa pubblica per una quindicina di secoli. Si potrebbe quasi dire che l’ha inventata, così come è ora. Il punto è cosa si deve fare con una legge ingiusta. La tua soluzione è il totalitarismo: i sunnominati fascisti e stalinisti sono d’accordo con te al 100%. Per dirla con Milosz, che se ne intendeva,
    “Si è riusciti a far credere all’uomo che se vive è solo per grazia dei potenti. Pensi dunque a bere il caffè e a dare la caccia alle farfalle: chi ama la res publica avrà la mano mozzata.”
    d- Nessuna escalation? Ti prego, fammi un bel grafico delle persone licenziate perché avevano espresso certe opinioni, di quelle incarcerate, di quelle che hanno pagato multe…e poi dimmi se è stazionario o sale. Per non parlare della raffica di provvedimenti giudiziari che si stanno preparando tutte quelle istituzioni religiose, scuole, università che hanno nel loro statuto l’incompatibilità dell’omosessualità. Che, ancora una volta ribadisco, non è che un mezzo. Se davvero l’obbiettivo fosse “love is love”, tutte queste cose avverrebbero?
    e- Rileggiti le dichiarazioni della Clinton. Tu cosa pensi che voglia fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: