Umilmente beato

E’ quasi come fosse una faccenda tra pochi intimi. Di Fratel Bordino non sanno in molti, anche in questa città di Torino che è stata la sua per lunghi anni. Chissà cosa avranno pensato i passanti nel parco, i giovani immigrati che giocavano a calcio nei campetti, le coppiette venute a godersi il sole primaverile sulle sponde del fiume. Poche migliaia di suore e alpini, e sul soppalco strani personaggi vestiti con abiti dorati. Che mai staranno facendo, si saranno domandati.

Non è una cosa da social network. Non riguarda celebrità da giornali, dove si poteva trovare a stento un trafiletto il giorno dopo. Non è cosa da scomodare il sindaco, le prime pagine o i grandi intellettuali.
Eppure il Piemonte ha un nuovo beato. Da altre parti fanno feste nazionali per cose del genere, mentre da noi è quasi come se non importasse. Se non fosse eccezionale. Se non fosse un esempio da indicare, quell’oscuro campagnolo che non è mai stato qualcuno.

Perché per far notizia occorre essere qualcuno. Avere glamour. Occorre essere discreti verso ciò che non va di moda. Ad esempio, essere stato soldato ed avere fatta la campagna di Russia può essere visto come disdicevole. Essere stato ospite sgradito dei campi di concentramento sovietici è anche più inadatto per chi vuole figurare in società. Se fosse stato un moderno e non un contadinotto cuneese il nostro, alle prese con le disumanità siberiane e kazake, avrebbe potuto maledire Dio e forse sarebbe risultato più interessante. Invece assistette i suoi commilitoni morenti e, tornato, decise di dedicarsi completamente a quel Dio che per qualcuno avrebbe dovuto solo bestemmiare.
Capite, una persona del genere non è un divo. Se assisti i rifiuti del mondo per decenni, là in quel “Cottolengo” che è persino disdicevole nominare, e non fai mai neanche una comparsata televisiva, una serata da opinionista, a chi puoi interessare?
Non sei un luminare, non sei un politico e nemmeno un attore. Ti limiti a spostare malati, assisterli, accudirli come fossero tanti cristi. E non hai neanche la decenza di morire in modo spettacolare, ma stroncato da una banale leucemia, tutto sommato ancora giovane, dicendo “Deo gratias”. Chi ti credi di essere? A chi vuoi interessare?

Eppure questo umile in mezzo agli umili è tra santi e beati, ed il suo nome non sparirà. Sarà ricordato molto tempo dopo che ogni giornale stampato oggi sarà ammuffito, ogni smartphone oggi funzionante sarà diventato un inutile rottame. E il suo esempio e il dono di se stesso, in una città ignara ed indifferente, è qualcosa che brillerà eternamente, là dove le luci artificiali non arrivano mai.

IMG_0822rid

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 4 maggio 2015 su tra lassù e quaggiù. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 4 commenti.

  1. L’ha ribloggato su Luca Zacchi, energia in relazionee ha commentato:
    Un grande uomo. Sconosciuto ai più. Perchè grande di fronte a Dio! E Dio non è popolare tra I benpeanti, tra quelli che pensano che sarebbe meglio che gli ospiti del Cottolengo non fossero mai nati… e sono tanti, purtroppo.

  2. Grazie per avermi fatto conoscere la Bellezza di questo Beato! A Dio niente è invisibile. Leggendo la sua vita pareva di rilggere Il cavallo rosso…

  3. L’ha ribloggato su …Semplicemente insieme…e ha commentato:
    Più siamo a conoscerlo e meglio è. Chissà che a qualcuno non venga in mente di imitarlo nell’amore ai più “piccoli”. Grazie Berlicche.
    Lucetta

  4. Purtroppo non ho mai avuto il piacere di conoscere questo umile beato, che mi ricorda un altro beato, sempre umile ed..immenso: Fra’ Claudio Granzotto di Santa Lucia di Piave, Treviso. Era un giovane sculture, un’artista bravissimo e onorato, che ha scelto una vita povera, vissuta tra i poveri…per restare più vicino alla Bellezza e all’Amore vero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: