Nell’orto degli ulivi

Sono un uomo mortale, Signore. Ho bisogno di bellezza.
Non mi interessa il male. Ce n’è troppo. So dove trovarlo: dentro me.
Dammi bellezza, Signore, perché ne possa parlare. E, soprattutto, tienimi desto fino a quando non l’avrò veduta.

botticelli_sleeping_apostles_2_small

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 31 marzo 2015 su tra lassù e quaggiù. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. Il sonno e i sogni, quando è l’ora dell’ “impero delle tenebre”, sono uno dei più dolci doni di Dio, uno dei segni più preziosi della Sua inenarrabile tenerezza per noi, che siamo la (dis)armata brancaleone alle prese con un Nemico arci-feroce, agguerritissimo, instancabile, “che non dorme mai”, come diceva in un suo messaggio la Gospa, o Celeste Catechista, così definita più volte da un ispirato padre Livio.

    “Dormite ormai e riposate …” ci esorta il Custode altrettanto instancabile nel vegliare sulla nostra eterna incolumità.

    Quando le tenebre dilagano, l’unico modo per afferrare la bellezza si nasconde in un estremo abbandono, un affidamento totale, tanto simile a quello del sonno e forse anche più corroborante.
    Buon riposo nello Spirito, soffio incessante della Pasqua, come di ogni pasqua domenicale.

    P.S.: qui sono già due sere consecutive che, al tramonto del sole, si alza un vento impetuoso, capace di far salpare tutta la flotta della città e delle montagne verso il cielo.

  2. Sarà forse l’immagine collocata alla fine del post o forse la stanchezza ma anch’io trovo il poter dormire come un gran bel dono e la sete della bellezza un dono altrettanto, anzi ancor più grande. Grazie marilumari, grazie Berlicche, buona Pasqua!

  3. “Vegliate per non cadere in tentazione”

    L’invito di Gesù, (la bellezza… a un tiro di sasso)
    ci invitava a pregare, perché la carne è debole…

    L’unica arma efficace contro il male è la preghiera.
    Chi prega si salva, chi non prega si danna.

    Gesù ci ha chiesto di pregare, ma la nostra pesantezza
    ha chiuso gli occhi davanti al nemico che avanzava.

    “Dormite, ormai… chi mi tradisce è qui”

    Perdonami, Gesù, anch’io ho tradito la tua preghiera col dormire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: