La caduta

Il vecchio laicista osservò la sua vita, e trovò che aveva fatte tante cose buone.
O che a lui parevano buone, si corresse.
Aveva affermato che non era lecito che si rispettasse la legge
Aveva proibito la politica a chi la pensava in altro modo, chiamandola democrazia
Aveva diviso ciò che Dio ha unito, e curiosamente questo non aveva tolto la solitudine
Aveva unito ciò che neanche Dio può unire, e neppure questo aveva tolto la solitudine
Aveva asserito che si può essere cosa si vuole senza sapere cosa si è
Aveva fatto in modo che si potessero comprare bambini, grandi o piccoli a seconda dei casi
Aveva impedito che si chiamasse madre chi aveva partorito
Aveva fatto in modo che le donne partorissero il meno possibile, salvo transazioni finanziarie
Aveva sostenuto il diritto di uccidere ed essere uccisi, purché il soppresso fosse abbastanza debole
Aveva coscienziosamente legalizzato ciò che serve ad alterare la coscienza e a toglierla a chi non l’ha
Aveva istruito bambini su come si fanno i bambini rendendoli non più bambini
Aveva tollerato tutti ma sopportato nessuno
Aveva abolito Dio. Così ora ogni uomo era solo.
E tutto ciò, tutto ciò non aveva il minimo senso, e non dava la minima felicità.
Scavalcò la balaustra e, coerentemente, si gettò nel nulla.

james_nachtwey1

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 11 marzo 2015 su fiaboidi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 20 commenti.

  1. Giampaolo Lucchi

    Ciao. Ti leggo volentieri. Grazie.

    Penso che Salvo transizioni finanziarie Sia Salvo transazioni finanziarie. Giampaolo lucchi

    Sent from my iPad

  2. ber ha sempre ragione

    la religione è stata ed è tante cose per persone diverse: Verità per Francesco, menzogna per Epicuro, falsa coscienza per Hegel, sovrastruttura per Karl , nevrosi per Siegmund, instrumentum regni per Machiavelli mentre per molti, fra i quali molti cattolici, è anche instrumentum salutis; ma che sia instrumentum felicitatis, come pare sostenere ber, non so se il Maestro o gli Apostoli o i Martiri, morti in maniera spesso cruenta mentre pagani o scettici o persecutori ne osservavano l’agonia dalle loro comode lettighe, l’avrebbero mai pensato: una ne fa e cento ne pensa il nostro ber.
    Insomma io corro certo il rischio di suicidarmi 10 0 20 volte più di ber ma lui rischia di finire orribilmente martirizzato molto ma molto più di quanto rischi io; magari potremmo localizzare geograficamente e storicamente il rischio come fanno le Assicurazioni con le tavole attuariali: meno pericoloso esseri atei che cattolici in Giappone nel sedicesimo secolo che essere anche solo scettici in Spagna sotto gli Asburgo: ber ha aperto un nuovo campo alla Statistica.

  3. lavitasempreintorno

    L’ha ribloggato su lavitasempreintornoe ha commentato:
    Di Berlicche
    Senza parole.

  4. Floris d’Arcais? No grazie, preferisco Gesù Cristo e se clic ho sul mio nome ti spiego perché con la collaborazione di Nicodemo (Vangelo di domenica prossima) che ovviamente la Chiesa ha fatto santo.

  5. mario, ma sei leopardiano

    Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἂνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς. – E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce

    è l’epigrafe de la Ginestra; ma per Giacomo la luce era la ragione illuministica e la religione eran le tenebre: Vangelo e Leopardi, acqua e olio.

    mi spiegherai nell’altra vita cosa c’entrasse Flores d’Arcais

  6. ahhhhhhhhhhhhhhhh

    temo ci sia la stessa percentuale di spiritosi e di ottusi, di alti e di bassi in tutte le categorie umane grandi a sufficienza; e atei e cattolici lo sono;
    ma tu non sei un assicuratore, ber, e l’eventuale suicidio di Paolo per infelicità laicistica non lo liquideresti tu: #staiserenober

  7. Nessuno uomo è un’isola, Panciroli, ma facciamo tutti parte di un continente più vasto. La morte di uno, o la sua dissoluzione, ci colpisce tutti, come se un promontorio crollasse in mare. Non chiederti chi riguardi il trafiletto nei necrologi, riguarda te.

  8. Assolutamente d’accordo con il post, sopratutto con il finale, non perché ne sia contento, anzi ma perché come detto è coerente con la filosofia seminata e vissuta.

    Tra l’altro mi coglie sul personale perché anche io ero arrivato a vedere il suicidio come l’unica coerente “soluzione”, grazie a Dio e alla Madonna sono ancora qui e voglio testimoniare che quando ci si accorge di essere in un vicolo cieco bisogna e si deve girarsi e cominciare a camminare verso l’altra direzione.

    E’ il miracolo della conversione.

  9. ma capirai che faccio gli scongiuri e mi gratto in funzione apotropaica; comunque il rischio morte per un cristiano vero come te potrebbe essere non molto più basso del rischio suicidio per me, soprattutto se ti trasferissi in medio oriente o nell’Africa saheliana: rimani in Padania, ber, è più sicura.

  10. Mario Monicelli, wright?

    Non c’è bisogno di molta fantasia: in oculis facta, diceva il buon vecchio Agostino!

  11. Vedi, caro Berlic, certe volte scrivi delle cose così profondamente pregnanti e potenti da lasciarmi (positivamente) di stucco. Mi verrebbe da pensare che alle volte tu sia, perdona il termine, profondamente ispirato.
    Poi altre volte leggo che sostieni e segui certa gente (di cui tanto abbiamo discusso) e mi sorgono quasi dei dubbi che tu sia la stessa persona…
    Complimenti comunque per la sintetica potenza del post: lascia fulminati!

  12. Costantinus, prova a cambiare domanda: come potrebbero conciliarsi le tue due affermazioni?

    No, Davide, non Monicelli; o meglio non necessariamente e non solo lui.

  13. Alèudin,

    sì, è un miracolo, l’incontro di due volontà.
    Grazie a Dio e anche a Lei.

  14. Be’, io una risposta la avrei, ma non pretendo di sostenere che sia giusta, è solo un’ipotesi di lavoro. Che tu, caro Berlic, sia come molti miei amici, anch’essi cattolici (come te e come me), anch’essi seguaci del Giuss (come te e come me); essi sono persone umanamente ottime, moltissime di loro sono stimabilissime per tantissime cose, molte di loro sono acute e libere nel giudizio….
    Tuttavia quando si arriva a toccare l’AUCTORITAS…. ZACK, scatta il riflesso condizionato, per cui “delPapanonsidiscuteperchénonsiinsegnaalPapaafareilPapa”, o “ahCarronCarronCarronperchélhasceltoilGiuss”. Un forte autoconvincimento. Questi, pur rimanendo umanamente splendidi, confondono l’appartenenza con la tifoseria e trattano il Movimento e la Chiesa come squadre di calcio, per cui occorre sostenere che il goal c’era anche se il fuorigioco era di dieci metri. Ma essere cattolici non coincide con l’essere tifosi del Papa, così come seguire il metodo del Giuss (i.e. “essere del Movimento”) non è fare un tifo da stadio per Carron. E ammetto che a suo tempo anche io sono stato malato di tifo…
    Dalla malattia del tifo, tuttavia, ultimamente molti sono riusciti a uscire (vedi Socci, per esempio) e/o parecchie domande se le pongono (molti della vecchia guardia del Giuss, tra cui certi preti e certi vescovi).
    Prego che un giorno da questa logica di tifoseria escano tutti, anche Berlic….

  15. Costantinus, ti rendi conto che consideri quelli che non sono d’accordo con te sempre dei minus habens, che non riflettono su quello che fanno?
    Anche tu arrivi dalla scuola del Gius: rivediti i concetti di pre-giudizio, e di ragione come attenzione alla realtà tutta. Nella “tua” realtà ci sono cose che non riesci a spiegare.

  16. Non ho parlato di “Minus habentes”, ma di un certo modo di vivere la Chiesa, che alle volte è stato anche mio, che hanno molte persone che conosco, che stimo, cui voglio bene, e che ritengo cristianamente intelligenti su molte questioni. Ciò non toglie che esse abbiano dei limiti, tra cui quello che ho evidenziato, non per questo le ritengo “minus habentes”, semplicemente le ritengo limitate su certi aspetti (così come io lo sono su altri aspetti). E’ un’ipotesi di lavoro, non so se è un’interpretazione corretta (l’ho detto), ma non mi sembra trattarli da “minus habentes”.
    E che tanti tronchino le questioni e le domande non entrando in merito ma buttando là un apodittico “però al Papa non bisogna insegnare a fare il Papa” o “però Carron lo seguo a prescindere perché l’ha scelto il Giuss”, questo è un fatto che è capitato a tutti, ci scommetto anche a te. Convieni, Berlic, che far calare frasi simili non spiega niente e non “dà le ragioni” delle cose? E convieni che in parecchi fan così?

  17. Certi fanno così, Costantinus, come certi altri danno addosso al Papa o a Carron qualsiasi cosa dicano. Come pre-giudizio. E quindi considerare quelli che li seguono dei limitati a prescindere, negando loro ragionamento e ragioni.
    Tu la chiami ipotesi di lavoro; io lo chiamo pregiudizio, perché lavoro sarebbe considerarli seriamente invece di non dare loro e alle loro ragioni dignità a prescindere.

  18. Be’, io di ragioni te ne ho portate tante (molte te le ho anche inviate via mail), e Socci pure.
    In ogni caso… ero partito con l’apprezzare grandemente il post e, messa da parte la polemica, ribadisco che è un post molto bello e acuto, complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: