Gli spigolatori di bellezza

La luce del lampione nascosto tra le foglie accende di uno splendore verde ultraterreno la sera che stinge di pioggia grigia. I riflessi sulle foglie morte sdraiate sull’asfalto sono un’inno di bellezza in un universo cieco.
Quella bellezza è lì per me. Se io sono cieco come il palo qui di fianco, come il sasso, come il gatto che mi guarda sospettoso e fugge, cieco al fulgore del momento, frettoloso o instupidito o distratto, il cosmo attorno a me perde di senso. Se io non mi stupisco per quello che vedo, se non mi domando quale significato abbia, perché sia lì, per me, allora tanto varrebbe qui ci fossero solo deserto e sassi, o animali muti.
Noi siamo il senso di ciò che ci circonda, perché senza di noi non ci sarebbe nessuno a coglierlo. Quello che dobbiamo fare è solo raccogliere ogni istante, come il contadino raccoglie le spighe, come una bambina raccoglie i fiori. Che magnifico raccolto, che splendido mazzolino potremo portare.
Che grande compito ci è stato dato.

tumblr_nfikrfP7wl1qhttpto2_500

Advertisements

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 26 novembre 2014 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. Abbiamo così tanta bellezza che ci circonda che a volte penso che la vita umana sia troppo corta per goderne a fondo. Pensiamo solo alla bellezza degli abissi marini. Ci sono, ma chi li ha mai visti? Credo dunque che nella beatitudine che ci attende dopo la morte, potremmo fare esperienza anche delle bellezze che non abbiamo goduto in vita. Che ne pensi, Berlicche?

  2. Una, questo che linko è il quinto post mai apparso su questo blog, quasi 10 anni fa.

  3. Grazie, Berlicche. Sono andata a leggerlo..e mi ha fatto una gran bene. Questo perchè ci viene spesso detto, se non ricordo male, anche da Papa Francesco: Il Paradiso non è un luogo ma una condizione dello spirito. Ecco, a me ‘sta cosa non mi va poi tanto…sembra intangibile, virtuale….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: