Foto di famiglia allargata

Fa una certa impressione vederli così, inginocchiati fianco a fianco. I due padri. I due Papi. Oggi che i potenti di tanti paesi cercano di imporci l’idea che avere due papà sia un fatto normale, può essere utile guardare a quelle due figure per cercare di capire cosa voglia dire davvero paternità.

Il primo punto è che ambedue sono Papi, ma sono come padre e figlio. Fino a poco tempo fa il rapporto era figlio e padre, ora si è invertito: è il più anziano a riconoscersi nell’obbedienza.
E’ qualcosa che va contro tutte le logiche dei furbi del mondo e i loro cantori. Ci viene insegnato da mille libri, trasmissioni, giornali, che l’importante è affermarsi. Con le proprie sole capacità, dato che non c’è da fidarsi di nessuno. Giù le mani dal potere vero, però: e quindi ci vengono concessi come premio di consolazione i “diritti”.
I diritti sono come la bambolina made in Cina che ti danno alle giostre quando non riesci a vincere l’orsachiotto gigante. Trastullati con quello, e non rompere sulle cose importanti. Il diritto che si vuole è quello di avere tutto ciò che non si ha, per quanto folle possa sembrare, per quanto assurdo possa essere.

Ma essere padre non è solo una questione biologica. E’ anche una assunzione di responsabilità, una dichiarazione di disponibilità al sacrificio. Vuol dire essere pronti a dare la vita per il bene dei tuoi figli. Vuol dire volere loro talmente bene da farsi da parte quando loro viaggiano più veloci di te.
Quindi non puoi essere veramente padre se non riconosci che c’è qualcosa nella paternità che va oltre quanto tu sei, alla tua misura. Qualcosa a cui tu ti devi piegare e obbedire.  Perché il tuo compito è custodire e fare crescere. 
Non la pretendi, la paternità, ti viene data. Affidata. Ti inginocchi, per riceverla. Sta a te poi interpretarla al meglio delle tue possibilità.

Perché un figlio non è affatto qualcosa di passivo. Essere padri di figli ribelli, litigiosi, disubbidienti non è una passeggiata. Non può essere risolto in punta di diritto. E’, come ci richiamava uno di quei due Papi, una chiamata alla croce. Una apertura alla misericordia.

Ed in questo c’è bisogno della madre. La madre è colei che media il conflitto tra padre e figlio. Nel nostro caso abbiamo in un certo senso anche due madri. Una è la Chiesa; l’altra Colei davanti alla quale i due papi stanno inginocchiati.
In quella immagine storica noi vediamo così due padri, due madri: una foto di una famiglia allargata. Chi di quella riunione fa solo chiacchere politiche e di potere immiserisce, perché non capisce cosa la unisce, cosa possa tenerla insieme, adesso come nel futuro.
E perché i titoli dei giornali non prevarranno su essa.

papa-francesco-benedettoxvi07

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 25 marzo 2013, in meditabondazioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

  1. lightswarrior

    L’ha ribloggato su Il Guerriero della Luce.

  2. LDCaterina63 Dorotea

    Berlicche…. stavolta non riesco a seguire il filo del tuo discorso ^__^
    Diciamo per la verità che i due Papi stanno inginocchiati davanti al Tabernacolo ;-) è la Cappella del Papa con il Crocefisso per altro coperto dal drappo viola come si usa in Quaresima e, non si sa perchè, diventato un opcional in molte parrocchie….

    Sì, comprendo la logica del tuo discorso, ma speravo in un qualcosa che aiutasse a comprendere ciò che ho letto altrove con qualche battuta idiota sulle due paternità niente meno che associate ad una approvazione implicita alle coppie dello stesso sesso….. e perciò speravo da te di cogliere qualcosa di più forte ^__^

    Dire che essere padri non è solo una questione biologica, noi ce lo sappiamo bene, ma attento, è ciò che sostengono le coppie omosessuali ;-) per questo mi attendevo una nota più chiara e precisa.
    Poi, perdonami se faccio la pignola, ma la Vergine Santa e la Chiesa non sono in realtà “due madri” :-(
    Senza dubbio la Chiesa riveste anche più ruoli, inoltre è Sposa ma anche Corpo di Cristo e, in quanto tale senza la vera Madre, intendo quella in carne ed ossa che ha dato vita al Verbo Incarnato, non esisterebbe nel senso della rivelazione che abbiamo ricevuto.
    Certo, sono dunque due realtà che ricoprono ruoli precisi, ma l’una non esisterebbe senza l’altra. Inutile ora che ti stia a fare io la lezione sulla Chiesa ^__^ non ne hai bisogno!!!
    Questo andava precisato però a quanti leggono, perchè di confusione ce n’è molta.
    Se avrai qualcosa da aggiungere te ne sarò grata, scusandomi in anticipo perchè in fondo, quella che non ha compreso l’articolo, sono io e non tu che l’hai scritto ^__^
    Grazie.

  3. BXVI è il nonno.

    :)

  4. Io pensavo di essere stato chiaro e preciso, Caterina, ma evidentemente non lo sono stato.
    Sinteticamente, nel post affermo che
    1-Non basta volere essere padri per esserlo
    2-è una assunzione di responsabilità, non un diritto
    3-deve esserci il bilanciamento della madre, che è colei che “invera” il padre.
    E’ per questo che i due papi – ma giustamente Aleudin fa notare “padre e nonno” – sono esattamente all’opposto della vulgata gay.

  5. io capirei se uno sostenesse “chi genera è padre”
    io capirei se uno sostenesse “chi alleva è padre”
    io capirei se uno sostenesse “chi genera e alleva è padre”

    ma “chi è padre ve lo dico io”…?

    (confesso che da quando quegli altri hanno depenalizzato il fuorigioco, il mirrorclimbing è diventato il mio sport preferito – da spettatore)

  6. LDCaterina63 Dorotea

    Grazie Berlicche, ora si che ho capito ^__^
    il difetto dell’incomprensione era mio!
    Concordo e ringrazio ^__^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: