Un'altra musica

Una volta a casa mia capodanno non era capodanno se non si vedeva il concerto da Vienna, colmo di merletti e danubiane mazurke. Da qualche annetto noi italici – forse vagamente insofferenti di Radetzky – ne abbiamo sfornata una imitazione passabile. Ai valzer viennesi si contrappongono le arie operistiche, forse meno festaiole ma indubbiamente più nostrane. E così il primo dell’anno abbiamo assistito agli auguri fatti con un’altra musica, probabilmente non meno famosa di quella d’oltr’alpe ma certo più raramente suonata: quel libiamo ne’ lieti calici che troviamo all’inizio della Traviata verdiana.

Libiamo ne’ lieti calici
Che la bellezza infiora,
E la fuggevol ora
S’inebri a volutta’.
Libiam ne’ dolci fremiti
Che suscita l’amore,
Poiche’ quell’occhio al core
Onnipotente va.
Libiamo, amor fra i calici
Piu’ caldi baci avra’.

Libiamo, amor fra i calici
Piu’ caldi baci avra’.

Tra voi sapro’ dividere
Il tempo mio giocondo;
Tutto e’ follia nel mondo
Cio’ che non e’ piacer.
Godiam, fugace e rapido
E’ il gaudio dell’amore;
E’ un fior che nasce e muore,
Ne’ piu’ si puo’ goder.
Godiam c’invita un fervido
Accento lusinghier…

Mentre ascoltavo la pregevole esecuzione non potevo fare a meno di rabbrividire. Come il "Va’ pensiero" che l’ha preceduto il pezzo verdiano in realtà è tristissimo. L’aria del Nabucco è il desiderio sofferente per una patria sconfitta; quello della Traviata è un riecheggiare del "Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia" di Lorenzo De’Medici. Qualcuno la chiamerebbe un nichilismo gaio: vivere l’attimo fuggente, sapendo che tra breve la tisi, la vecchiaia, la povertà porteranno tutto via. Nel dramma ottocentesco è il punto più basso, dal quale i protagonisti cercheranno di riscattarsi. Non certo una proposta di vita. Cosa che invece diviene per i moderni interpreti, che invitano il pubblico a fare proprio quel mortifero modello di comportamento.
L’augurio offerto al pubblico è quello a non pensare, a divertirsi. A svuotare d’un fiato i calici. Che resteranno vuoti.

Vivere pienamente la vita non vuol dire buttarsi via in un valzer. La gioia non esclude, anzi, presuppone un livello più profondo, non effimero. Altra musica voglio nel mio nuovo anno, che non finisca dopo un giro di danza.

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 4 gennaio 2010 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. Oltre che la celebre poesia di Lorenzo il Magnifico, tutto ciò mi ricorda l’inquietante gaiezza della "Cena di Trimalcione" raccontata da Petronio nel Satyricon: sento una certa somiglianza dei nostri tempi con quella  gente che viveva all’epilogo della civiltà classica, gente satolla, annoiata, che si trascinava stanca e sempre più lontana dallo spirito delle orgini. Una civiltà morente che cerca nell’ebrezza, nelle abbufate (non solo mangerecce), in ogni sorta di eccesso la risposta al vuoto che porta in sè.

    L’oste

  2. questione di gusti, Berlicche. 
    vivere pieni di vincoli, affidandosi alla  "vana speranza onde consola se coi fanciulli il mondo " a me sembra bizzarro, però in definitiva sono affari vostri.

    (fermo restando che il modello sociale di squallido consumismo attuale mi fa vomitare).

  3. Quelli che a te paiono vincoli a me paiono la più grande libertà che un uomo possa avere, Cinas… 

  4. utente anonimo

    Vivere pieni di vincoli?
    ROTFL
    Cinas, non sai di cosa parli (come al solito…anno nuovo Cinas vecchio)

    -vec

  5. questione definitoria, alla fine. su cosa sia la libertà, su cosa non sia.
    per me, contenti voi … 

    (che poi, ho detto un’imprecisione: i vincoli ci sono per gran parte dei credenti, ma soprattutto per  altre religioni. Vista la grande diluizione delle parole do Gesù – dico di quelle pesanti, dure, che ne so, "non opporti al malvagio" – essere cattolici in Italia è veramente facile, per una persona onesta. Al massimo, qualche limitazione sessuale, di fatto).  

  6. In effetti essere cattolici è veramente facile ovunque: basta amare, e questo è il solo "vincolo".

    Quando Israele era fanciullo,
    io l’ho amato
    e dall’Egitto ho chiamato mio figlio.
    A Èfraim io insegnavo a camminare
    tenendolo per mano,
    ma essi non compresero
    che avevo cura di loro.
    Io li traevo con legami di bontà,
    con vincoli d’amore,

    ero per loro
    come chi solleva un bimbo alla sua guancia,
    mi chinavo su di lui
    per dargli da mangiare.

    Il mio cuore si commuove dentro di me,
    il mio intimo freme di compassione.
    Non darò sfogo all’ardore della mia ira,
    non tornerò a distruggere Èfraim,
    perché sono Dio e non uomo;
    sono il Santo in mezzo a te
    e non verrò da te nella mia ira.

    (Il profeta Osea, 2500 anni fa).

    Talmente facile che chiunque ci può riuscire, vero? Come risulta dalla osservazione quotidiana…
    Com’è che la realtà è così distante da quello che dici?
    Non c’è nessuno che ci riesce, a fare questo sforzo moralistico. Neanch’io. O tu, se è per questo. Da soli non ci si salva. Si vivacchia, nella migliore delle ipotesi. 

  7. utente anonimo

    Cinas, il tuo problema e’ che schematizzi troppo. Sei ostinatamente e inutilmente capzioso e pignolo, tanto da sconfinare nel ridicolo. Ti attacchi alle frasi, ai punti e alle virgole. Non serve a nulla.

    Essere cristiani e’ un fatto di cuore, di orientamento del cuore.

    Ti saluto

    -sus

  8. berlic, io dico semplicemente che c’è poca, pochissima differenza fra molti non credenti e molti cristiani (che si definiscono tali).
    Se tu mi dici che i veri cristiani sono pochissimi – e cioè persone che amano, per essere semplicistico – ti dico che a fronte di questi ci sono corrispondenti persone non credenti che hanno comportamenti simili.
    (ed è per questo che la realtà è quella che è: pochi amano, indipendentemente dal cristianesimo o da altro).

    ad esempio, io ho visto i comportamenti di almeno due persone vicinissime a CL : con una di queste ci lavoro quotidianamente. Simpatico, gran compagnone (parla un po’ tanto di donne , ma fa ammazzare dalle risate) ma diciamo che non che "ami" il prossimo più di tanto (nel concreto, che è quello che vedo e giudico).
    ci sono poi due tizie, una ciellina una a sinistra di mao, che per contro sono due persone generose, disponibili, profondamente buone.

    insomma, hai capito quel che voglio dire.

  9. sus (cambia nick, ti prego. che persone meno fini di me ci sguazzerebbero, con uno che si firma maiale) sono perfettamente d’accordo: essere cristiani è quello che dici tu.  infatti dai comportamenti esterni non chi capisce chi lo sia e chi non lo sia.

  10. Cinas, c’è pochissima differenza se ti fermi alla superficie.
    Uno può fare qualcosa di bello e grande giusto per pura generosità. Dove sta la differenza? Che non dura.
    Non dura: l’ho visto, lo vediamo un milione di volte. L’impeto generoso, che pure c’è, si esaurisce di fronte ai problemi della vita. Di fronte al fallimento. Di fronte all’ingiustizia che non può essere vinta, al dolore, alla morte. In ultima analisi, sei solo con il tuo impeto. E fallisci.

    Non è vero? Guarda questi grandi filantropi, quanto sono tristi. Questi giudici che finiscono con l’essere più assetati di sangue che di giustizia. Questi artisti partiti in cerca del bello e ridotti a vendere "installazioni" a prezzo altissimo.
    Tutti coloro che sono partiti per amare, contando solo sull’amore che avevano dentro.

    I veri cristiani non sono molti, ma non sono neanche pochissimi. Magari non si notano perchè, a differenza degli altri, non si muovono per una gratificazione personale e quindi non sbandierano tanto quello che fanno.
    Io non conosco le persone che tu conosci, ma certamente ne conosco di simili. Sono come me: che cercano di fare quello che possono, sbagliando tantissimo, cadendo, ma cercando continuamente di capire per essere un po’ meglio, perchè il mondo sia un po’ meglio, consci che non bastano le proprie forze perchè così accada.
    E, sai una cosa? Il mondo l’hanno cambiato, e lo cambiano, e non sono incazzati con tutti. Diversi? Sì, diversi. E se non si nota è colpa nostra, che ancora siamo sulla strada. Ma la strada c’è.     

  11. utente anonimo

    Nel suo post Berlic riesce a infilare un numero incredibile di balle:

    Cinas, c’è pochissima differenza se ti fermi alla superficie.
    Uno può fare qualcosa di bello e grande giusto per pura generosità. Dove sta la differenza? Che non dura.
    Non dura: l’ho visto, lo vediamo un milione di volte. L’impeto generoso, che pure c’è, si esaurisce di fronte ai problemi della vita. Di fronte al fallimento. Di fronte all’ingiustizia che non può essere vinta, al dolore, alla morte. In ultima analisi, sei solo con il tuo impeto. E fallisci.

    Stessa discorso per i cattolici. L’impeto di seguire Dio dopo un pò svanisce, specie quando adocchiano soldi o donne.

    Non è vero? Guarda questi grandi filantropi, quanto sono tristi. Questi giudici che finiscono con l’essere più assetati di sangue che di giustizia. Questi artisti partiti in cerca del bello e ridotti a vendere "installazioni" a prezzo altissimo.
    Tutti coloro che sono partiti per amare, contando solo sull’amore che avevano dentro.

    Guarda meglio. Gurada il comportamento di molti preti, o di quelli apparteneneti alle varie organizzazioni (CL, Opus Dei, Compagnie delle Opere) tutte organizzazioni che si ispirano al vero Dio….si il Dio denaro!!!

    I veri cristiani non sono molti, ma non sono neanche pochissimi. Magari non si notano perchè, a differenza degli altri, non si muovono per una gratificazione personale e quindi non sbandierano tanto quello che fanno.
    Io non conosco le persone che tu conosci, ma certamente ne conosco di simili. Sono come me: che cercano di fare quello che possono, sbagliando tantissimo, cadendo, ma cercando continuamente di capire per essere un po’ meglio, perchè il mondo sia un po’ meglio, consci che non bastano le proprie forze perchè così accada.
    E, sai una cosa? Il mondo l’hanno cambiato, e lo cambiano, e non sono incazzati con tutti. Diversi? Sì, diversi. E se non si nota è colpa nostra, che ancora siamo sulla strada. Ma la strada c’è.

    Qui Berlic si supera. Prima si auto incensa, poi mentendo dice che il mondo è cambiato.
    Ma dove cazzo vivi Berlic? Ma cosa è cambiato?

  12. utente anonimo

    Nani sulle spalle dei gianti. Questo siamo.
    L’ideale di fraternità universale che noi occidentali diamo per scontato e (cerchiamo di perseguire insultandoci e scornandoci) al di fuori del tanto criticato occidente non è così luminoso.
    Tanto per fare un esempio.

    D. Gg

  13. utente anonimo

    Correggo e completo:
    Nani sulle spalle dei giganti. Questo siamo.
    L’ideale di fraternità universale, l’uguaglianza dei cittadini (e il fatto che tutti siano cittadini), la liberttà individuale … Noi occidentali le sottoscriviamo e diamo per scontate ( e cerchiamo di perseguire insultandoci e scornandoci).
    Ma al di fuori del tanto criticato occidente tutto ciò non è così luminoso.

    … E ci offendiamo a vicenda su chi è più bravo a far andare bene il mondo, ma intanto un idea di mondo migliore piuttosto condivisa la abbiamo, e la abbiamo ricevuta da una storia, non l’abbiamo inventata oggi.

    Dove non si è riconosciuto Cristo non è così diffuso questo ideale (anche se non è assente) perchè è una esigenza del cuore.

  14. utente anonimo

    # 13

    Firmato

    d. Gg
    chiedo scusa

  15. Anonimo #11,  certo che neanche nei cattolici dura, perchè siamo uomini. Ma, proprio grazie a quella Chiesa che disprezzi, siamo perdonati e ricominciamo daccapo.
    Quelle realtà che tu citi le conosco molto bene. A colpo d’occhio, tu le conosci solo dalle pagine di Repubblica o del Manifesto. Prova ad essere serio con quello che dici, e andare a conoscerle un po’ più da vicino. Magari potresti essere stupito nell’apprendere che le balle te le hanno raccontate altri.

    Dove vivo, gentile anonimo? In un paese dove ci sono scuole, università, ospedali, una democrazia rappresentativa, solidarietà, cooperative, mutue. Il tuo paese, quello dove il cristianesimo non c’è – come faceva notare D.Gg -, cos’ha?

  16. utente anonimo

    Correggo e completo:
    Nani sulle spalle dei giganti. Questo siamo.
    L’ideale di fraternità universale, l’uguaglianza dei cittadini (e il fatto che tutti siano cittadini), la liberttà individuale … Noi occidentali le sottoscriviamo e diamo per scontate ( e cerchiamo di perseguire insultandoci e scornandoci).
    Ma al di fuori del tanto criticato occidente tutto ciò non è così luminoso.

    … E ci offendiamo a vicenda su chi è più bravo a far andare bene il mondo, ma intanto un idea di mondo migliore piuttosto condivisa la abbiamo, e la abbiamo ricevuta da una storia, non l’abbiamo inventata oggi.

    Dove non si è riconosciuto Cristo non è così diffuso questo ideale (anche se non è assente) perchè è una esigenza del cuore.

    Ma guarda che questi risultati non sono certo dovuti ai cattolici. Basta guardarsi indietro appeno un 100-150 anni fa per capire.

    Questi risultati sono stati raggiunti grazie a coloro che hanno combattuto per la libertà, a coloro che hanno rifiutato la religione come strumento oppressivo, a coloro che mettono la libertà del cittadino sopra di tutto, sopra la pretesa della stessa  religione di regolamentare la vita di tutti.
    Infatti tutti questi risultati ci sono soprattutto in quei paesi dove la laicità aumenta.
    L’Italia mentre (guarda caso) è l’unico Paese dove mentre da un lato il 90% dei cittadini si dichiara cattolico, dall’altro è anche il Paese della Mafia, della Camorra, della n’drangheta, della raccomandazione, dei politici collusi, corrotti e corruttori, dove la legge non è uguale per tutti.
    Quindi non accaparrarti risultati che non sono tuoi ma ottenuti con una maggiore indipendenza dalla religione.

    @Berlic: Quelle realtà che tu citi le conosco molto bene. A colpo d’occhio, tu le conosci solo dalle pagine di Repubblica o del Manifesto. Prova ad essere serio con quello che dici, e andare a conoscerle un po’ più da vicino. Magari potresti essere stupito nell’apprendere che le balle te le hanno raccontate altri.

    Dove vivo, gentile anonimo? In un paese dove ci sono scuole, università, ospedali, una democrazia rappresentativa, solidarietà, cooperative, mutue. Il tuo paese, quello dove il cristianesimo non c’è – come faceva notare D.Gg -, cos’ha?

    Berlic continui a sparare balle sapendo di spararle. Le fonti non sono affatto Repubblica o il Manifesto. A proposito leggili qualche volta, altrimenti finisci per credere anche tu a quello che dice il Giornale (quotidiano sicuramente moooolto obiettivo).

    Leggi Vaticano S.P.A o guarda questo: http://www.youtube.com/watch?v=HE_Qgwl-730&fmt=8

    Le fonti sono nel primo caso alcuni documenti segreti fortunatamente usciti allo scoperto, e nel secondo caso ex appartenenti all’Opus Dei.

    Sei in grado di smentire quanto detto con prove?

    Non condanno queste cose, perchè come dico sempre sono uomini e possono sbagliare, però condanno la Chiesa perchè di fronte a certe accuse non indaga ma chiude entrambi gli occhi.

    Quindi come vedi caro Berlic le tue fonti non sono migliori delle mie.

  17. Berlic, lascia perdere, è il solito asmodeo. E’ l’unico che può credere in quello che è scritto in vaticano s.p.a. e ne ivideo di youtube. Fa come me, cancellagli tutti i commenti, così trova un altro posto dove sfogare la sua frustrazione.

  18. utente anonimo

    E tu sei l’unico stolto che ancora crede in quello che dice la Chiesa.

    Ti ho detto se puoi portare smentite credibili, ma a quanto vedo hai preso la linea dei tuoi superiori, insabbiare e negare sempre verità scomode.

    Che pirla che siete!!! E pensare che voglino dialogare e far credere di essere credibili

  19. utente anonimo

    @ago86: Ago mi rendo sempre più conto che voi cattolici senza moderazione non valete un fico secco.

    Specialmente tu ne sai qualcosa. In un blog sei stato letteralmente massacrato da un ateo. Alla fine non sapendo cosa fare hai cominciato ad insultare e l’altro ha abbandonato.

    Modrra modera pure, sicuramente avrai sempre ragione.

    Che pirla!!! Che pirla che sei!!!

  20. utente anonimo

    Ago questi: http://chiarelettere.ilcannocchiale.it/post/2258266.html  sono i documenti segreti di Mons. Reanto Dardozzi.

    Io porto fatti non chiacchiere (come te).

    “Si ha la sensazione netta che ci si trovi di fronte, tutti, a un potenziale esplosivo inaudito, che deve essere doverosamente portato a conoscenza delle più alte autorità.”
    Lettera riservata di Angelo Caloia, presidente del Consiglio di sovrintendenza dello Ior, al segretario di Stato, cardinale Angelo Sodano. (tratto da http://www.chiarelettere.it/dettaglio/64896/vaticano_spa)

    Fatti e non chiacchiere

  21. Che bello, ora mi improvviso anche io giornalista, scrivo un paio di libri con emerite bestialità, faccio un video deuncia su youtube e tutti penderanno dalle mie labbra.
    Oppure faccio il comico che dice "non ce la faccio più" così divento idolo…

    Ohioi come siamo caduti in basso.

    N.B. Tornando seri, le prove ci sono. Basta cercare un po’ su google e non mettersi i paraocchi dicendo che chi crede mente. Ad ogni modo non sto qui a fare dimostrazioni perché tanto, con gente che nemmeno si firma non ne vale la pena.

  22. utente anonimo

    Fai, fai pure… improvvisati giornalista, verresti smentito 1 secondo dopo.

    Aspetto con ardore le smentite. Cerca, cerca pure su goggle le smentite a Vaticano S.P.A.

    Mi sa che le vere bestialità le scrivi tu nel tuo blog senza dare la possibilità di replica.

    Aspetto le smentite a Vaticano S.p.a. Quando le trovi pubblicale sul tuo blog lo terrò d’occhio.

    Poi vedremo chi dice bestialità.

  23. utente anonimo

    Per Utente Anonimo (o zorro o cavaliere mascherato o superman o spiderman ….):

    In nome di cosa te la prendi tanto contro la Chiesa, i Cristiani e il Vaticano?
    Queli princìpi guidano le tue battaglie?

    d. Gg

  24. Anonimo,
    inizia con il leggerti "La vera questua" di Folena e a sentire testimonianze di persone cielline, dell’Opus Dei e di mille altri movimenti che si trovano bene e con onestà e seplicità fanno il loro cammino. Io non faccio parte di nessuno di questi ma mi ti faccio una domanda: perchè una testimonianza che getta merd.. su quelle raltà è vera mentre quella di berlicche o di altri che dicono il contrario non è attendibile? Sarei d’accordo con te se dicessi che nella Chiesa e nei movimenti c’è gente che non si comporta bene, sarei d’accordo con te solo però se accanto a questi avessi il coraggio di mettere Madre Teresa, Wojtyla, Franceco d’Assisi, Agostino d’Ippona, Tersa d’Avila, Santa Teresina, Tommaso d’Aquino, Antonio Rosmini, Alcide De Gasperi, Aldo Moro e milioni di persone che in silenzio ed umiltà hanno servito in duemila anni e in tutte le parti del mondo il prossimo perchè in esso vedevano il volto di Dio. Queste non sono testimonianze attendibili? Davvero duemila anni di storia e di storie sono riducibili in un pamphlet polemico?

    L’oste

  25. "Dove sta la differenza? Che non dura.
    Non dura: l’ho visto, lo vediamo un milione di volte"

    No. Tu lo vedi e tu lo dici. Io proprio no.
    Io non sono così estremista, come te (ed è ovvio che tu lo sia: tu ritieni di sapere dov’è la Verità) da dire – come molti dicono – che i cattolici sono una banda di ipocriti, etc etc.

    Dico solo che nella mia esperienza – e vivo tanto nella vita, purtroppo o menomale – conosco cattolici e non cattolici. cattolici ultra impegnati (fra i quali una bel gruppetto di parenti neocatecumenali) e altruisti e generosi e cattolici stronzi ed egoisti. Nella medesima percentuale, più o meno, conosco non credenti suddivisi fra le due categorie.

    Vedi, ipotizza di essere il segretario del consiglio di una società di un grande gruppo bancario. Ipotizza di sentire un pezzo grossissimo della Compagnia delle Opere che tranquillamente propone per due punti di ROE in più di licenziare qualche decina di persone.
    Se questo fosse avvenuto (e non lo è: non rischio querele. Tutta mia immaginazione) ti accorgeresti di come non vi siano percettibili differenze fra chi si dice cristiano impegnato e chi non lo è (e non che quest’ultimo di per sè sia migliore. Ma almeno non si spaccia pe  tale).

  26. Cinas, uno che sa la verità non è un’estremista. Se non riesci a vedere la differenza tra queste cose sei proprio messo male. Hai mai incontrato un estremista vero? Sono quelli che non ragionano, sono quelli che si ritengono superiori e spesso ricorrono alla violenza. Berlicche non è nulla di tutto ciò, e lo devi ammettere. Qui non ci sono estremisti.

  27. Sì, lo so che è Asmodeo…quel poarello che dà dei plagiati agli altri.
    Allora, ho visto il video sull’Opus dei. Embè? Non è che faccia tremare i polsi. Sostanzialmente, la tizia dice che dovrebbe essere reso illegale per degli adolescenti potere decidere cosa fare della loro vita, e che una organizzazione non dovrebbe potere dire ai suoi appartenenti cosa fare. Per il primo punto, invito a provare a dire ad un adolescente cosa fare, per esempio non andare in un centro sociale; per il secondo, si chiede di limitare quello che può fare qualsiasi club bocciofilo…
    Se l’esempio di organizzazione libera è poi quella di Grillo…

    Come ho già detto, ho quella conoscenza personale che evidentemente a te manca. Mi piacerebbe poi che pensassi un attimino a tutto quello che la Chiesa manda avanti e ti domandassi: com’è che questo ospedale, questo oratorio, questa scuola funzionano così bene, tanto che tutti vogliono andarci, quando le cifre di cui parlano i tuoi libercoli sono molto, ma molto inferiori a quelli che lo Stato (cioè noi) eroga per cose analoghe che funzionano molto peggio? Comincia a farti queste domande, Asmodeo, dimostra di avere ancora dei neuroni funzionanti.

    Poi non escludo affatto che nella Chiesa ci siano persone false o corrotte; anzi, sono certo che ci sono. Ma il fine della Chiesa è ricordare a me, e anche a te, che c’è qualcosa di più sù e più in là che si è fatto vicino. Non i soldi, o il potere: chi guarda solo a quello e considera solo quello mi fa una pena immensa. Che sia dentro la Chiesa o, come te, fuori.

    Cinas, secondo la tua definizione anche tu sei estremista, perchè anche tu stai affermando una tua verità di cui sei convinto. La differenza è che la mia Verità ha la pretesa di farmi vivere una vita migliore, e ci riesce; la tua?
    Io non conosco chi conosci, parenti o no. Come sarebbero queste persone se non avessero la fede? sarebbero migliori o peggiori? Se adepti di una religione per cui fare lo sgambetto agli altri è consigliabile, e l’egoismo è estremamente raccomandato, sarebbero più accettabili? Ognuno con la propria libertà fa cosa riesce meglio. Se il fatto che (non) racconti è vero, quella persona avrà da rendere conto della sua opera a qualcuno un poco più in sù di un consiglio di amministrazione. Sarebbe meglio qualcuno che non pensa di dover rendere conto a nessuno?

    Il primo reggitore dela mia Chiesa è stato qualcuno che ha pianto amaramente dopo avere tradito. Ha pianto.

  28. utente anonimo

    Poi non escludo affatto che nella Chiesa ci siano persone false o corrotte; anzi, sono certo che ci sono. Ma il fine della Chiesa è ricordare a me, e anche a te, che c’è qualcosa di più sù e più in là che si è fatto vicino. Non i soldi, o il potere: chi guarda solo a quello e considera solo quello mi fa una pena immensa. Che sia dentro la Chiesa o, come te, fuori.

    Cavolo ma leggo bene? Berlic che ammette che nella Chiesa ci siano persone false e corrotte!!!

    Berlic non è che tra qualche anno tu assumerai il ruolo di Asmodeo ed io quello di Berlic?

    Io che difendo la Chiesa!!! L’idea mi fa sorridere, ma nella vita ho imparato a dire "mai dire mai".

    Sono d’accordo con te. Lo so che anche nella Chiesa ci sono persone corrotte e false. Quello di cui non mi capacito è perchè non si fa pulizia(eppure lo sanno).

  29. Se ti stupisci, Asmodeo, vuol dire che non mi hai mai letto bene.
    L’ho citato più volte Newman che dice che se la Chiesa fosse fatta solo di uomini perfetti allora non avrebbe posto per gente come noi.
    Il moralista vuole fare pulizia. Dio cerca il peccatore perchè si penta e si converta – per amore. E la Chiesa cerca di fare il volere di Dio, non quello degli uomini.

    E poi ci sono coloro che calunniano e portano falsa testimonianza. Ne conosco parecchi.

  30.  
    Sinteticamente, e poi ti lascio l’ultima parola che sennò non finiamo più.
     
    Sulla verità non ci capiremo mai, sospetto. La mia verità è debole e basta poco per cambiarla e adeguarla. Basta convincermi sul piano della logica. La tua Verità (come quella di qualsiasi credente) è ben più sentita (Dogmi, Infallibilità, Dio, Gesù, Allah, Maometto, non si mangia maiale, arriva il Messia solo per noi, reincarnazioni, etc etc) ed è abbastanza inamovibile.
     

    E sì, ritengo di vivere una vita migliore (almeno più consapevole) con la mia verità deboluccia che con la tua Verità.
     
    Non so se queste persone sarebbero peggiori o migliori, globalmente. Presumo che sarebbero genitori peggiori e cittadini migliori, ecco (se proprio devo azzardarmi).
     
    “Sarebbe meglio qualcuno che non pensa di dover rendere conto a nessuno?” Mi sembra perfettamente indifferente. Si comportano tutti nella stessa maniera.
     
    Ago, non ritengo che Berlicche non ragioni o che usi la violenza, ci mancherebbe. Che si ritenga superiore, forse sì.

  31. Una verità, Cinas, o è verità sempre o non lo è mai. Se si dimostra falsa non lo è mai stata.
    Quello che cambia non è la verità, è la nostra comprensione di essa. Se tu dài per certo che non esista allora non ti dài neanche la pena di cercarla.
    "Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare", diceva Seneca. Proprio perchè la Verità esiste io non la posseggo e quindi devo cercarla, scoprirla, saggiarne i limiti. Ti pare che io sia fisso, inamovibile, sclerotizzato, incapace di pensiero creativo? Lo pensi davvero?

    Io la tua vita "migliore" l’ho provata. Non so se tu hai mai fatto altrettanto della mia. E so per certo che sarei peggiore, ben peggiore: lo so perchè, essendo umano, cado spesso nella tua non verità. E vedo che schifo divento, e vedo in che modo schifoso vivo. Indifferente? No di certo. Alla stessa maniera in cui non è indifferente se ami o no qualcuno nella maniera di comportarti, di vestirti, di porti. Il negarlo è un non volere vedere.

    Quindi, vedi bene: io non mi ritengo superiore a te, o a chiunque altro. Perchè quello che ho mi è dato.

  32. mammamia che enfasi, B.

    allora, "Una verità, Cinas, o è verità sempre o non lo è mai. Se si dimostra falsa non lo è mai stata." è un’affermazione che ritengo talmente falsa  – e che tu ritieni talmetne vera – che non è possibile discuterne. 

    " Ti pare che io sia fisso, inamovibile, sclerotizzato, incapace di pensiero creativo? Lo pensi davvero?"
    Fisso e inamovibile, ormai sì. lo penso (diventa difficlissimo dare spazio al dubbio, quando si "crede". Tutto lì).  Sclerotizzato implica un’idea di stupidità immota  che non penso ti appartenga, e che tu sia privo di pensiero creativo proprio non l’ho mai pensato (e non capisco bene cosa c’entri).

    E, permettimi, che ne sai tu della mia vita?  Non più di quanto sappia della tua, credo.
    Volevo solo dire che IO penso la MIA vita sia migliore non credendo piuttosto che credendo. Ben può darsi che tu abbia necessità di credere nell’aldilà perchè sennò ti ubriachi o ti  droghi o ti dai al sesso mercenario. O può darsi di no, che ne so io?

  33. Cinas, puoi farmi un esempio di una verità che era vra e che adesso non lo è più? Attenzione, non sto parlando di opinioni… 
    Guarda che i dubbi ce li ho continuamente. Il fatto è che non mi crogiolo in essi: un dubbio è qualcosa a cui deve essere data una risposta, perchè sul dubbio non si costruisce niente. Se non posso avere una verità, almeno una assunzione ragionevole. Ma il dubbio? E’ uno stato transitorio, non un punto di arrivo.

    Se uno è fisso non crea. Se uno è inamovibile non va da nessuna parte. Io vado, sono per strada, e se sto fermo è solo quando sbaglio. Ma se non pensi che ci sia una strada, dove vai?
    Tu pensi che la tua vita sia migliore non credendo. Ma lo sai? Non hai dubbio, su questo?
    Io so che guarderei i miei figli in modo doverso, i colleghi in modo diverso, voi che commentate in maniera diversa. Lo so perchè ho esperienza di questo. La mia necessità non è una necessità perchè "altrimenti", non è uno sforzo moralistico: io vivo meglio. Io credo perchè vivo meglio, non viceversa.

  34. Se ti stupisci, Asmodeo, vuol dire che non mi hai mai letto bene.
    L’ho citato più volte Newman che dice che se la Chiesa fosse fatta solo di uomini perfetti allora non avrebbe posto per gente come noi.
    Il moralista vuole fare pulizia. Dio cerca il peccatore perchè si penta e si converta – per amore. E la Chiesa cerca di fare il volere di Dio, non quello degli uomini.

    E poi ci sono coloro che calunniano e portano falsa testimonianza. Ne conosco parecchi.

    Un conto è perdonare il peccatore, un conto è consentire la prosecuzione di qualcosa di poco chiaro non credi?

    Se in un ospedale ci sono alcuni medici che commettono reati, la direzione di quell’ospedale non dovrebbe prendere provvedimenti contro quei medici?

    E’ stato scritto un Libro "vaticano spa" impossibile da smentire perchè si basa su documenti che sono venuti alla luce casualemnte.

    Si è venuto a conoscenza di cose poco chiare, si vuol andare a vedere se è vero e nel caso prendere gli opportuni provvediementi?

    Non capisco che cavolo di ragionamenti fai. Se io violo qualche norma vengo punito perchè la cosa non dovrebbe valere per tutti?

  35. Giusto Cinas. Lo ripeto da tanto tempo. Credere è una loro necessità, altrimenti impazzirebbero.

    Devono darsi una spiegazione su tutto. Sul senso della vita, sul senso della morte, sul senso della sofferenza, ecco perchè credono.

    Ma non è che hanno le prove di quello che dicono….. credono e basta perchè così gli hanno detto.

    Quando poi gli fai notare che credere o no è totalmente indifferente (se non per un aspetto puramente autosuggestivo) allora vanno su tutte le furie e dicono che loro sono felici e tu no (come fa Berlic).

    Mi devono spiegare in cosa si vive meglio!!! Non c’è nessuna differenza tra un credente e un non credente, tranne l’autosuggestione.

    Io vivo, il credente vive
    Io muoio, il credente muore
    Io soffro, il credente soffre
    Io mi ammalo, il credente si ammala
    io gioisco, il credente gioisce
    ecc ecc ecc ecc

    Allora se l’esistenza o inesistenza di Dio è totalmente indifferente perchè devo credere? Che vantaggi ne ho personalmente?

  36. Asmodeo, tu credi ad un libello scandalistico. Documenti segreti venuti fuori casualmente? ROFTL!!!!
    Povero sempliciotto ingenuo e paffutello, direbbe un mio vecchio professore. Guarda, se vuoi ti fornisco di tutta un biblioteca di libelli scritti anche meglio dal ‘600 in poi, delle stesse esatte tesi. Mai sentito parlare dei "protocolli dei savi di Sion"? Altro documento segreto venuto fuori casualmente, e quindi non smentibile…
    …come la riemersione di Atlantide, il 2012 e il complotto pluto-giudaico-massonico per tenere nascosti gli UFO. 

    Cosa ho da dirti? Vivi, muori, soffri, esattamente come una lumaca. Quindi che vantaggi hai nell’essere un umano?

    Ma questo te l’ho già detto e scritto molte volte, "uomo di un solo commento"…

     

  37. utente anonimo

    Ma tu hai letto il libro? Oppure parli sempre per partito preso?

    Perchè ogni cosa che viene detto contro la Chiesa deve essere per forza una calunnia?

    Non è che B. vi sta contaggiando? Prima di rispondere, vedi di cosa si tratta e poi mi rispondi.

    Anche perchè smentite non ne ho viste, anzi se ne sei a conoscenza fammelo sapere.

    Ma questa volta non puoi smentire un bel nulla. Scommettiamo?

  38. Scusate se mi intrometto ma non c’è niente da smentire. Da come parli sembra la bibbia dell’anticristo invece contro la Chiesa ci va ben poco. 
    Diamine! Se un tizio abusa della banca d’Italia non diventiamo automaticamente tutti gli italiani complici, malfattori e gestori di imperi malvagi basati su credenze popolari. Ad ogni modo, fin troppo facile far comparire "documenti segreti" di persone che, essendo morte, non possono dire "guardate che non c’entro nulla!"

    Insomma Asmodeo, parla di ciò che conosci, almeno.

  39. Potrei farti la stessa domanda rovesciata, Asmodeo. Come mai credi a tutti i libri contro il Vaticano pe partito preso? Riesci ad esempio a distinguere, nel libro di Nuzzi, dove finisce la prova – supposto che sia vera – e dove comincia invece la supposizione, la ricostruzione interessata? Quanto è "deduzione", e quanto è fondato sui fatti? Prova a vedere: non è per niente facile capirlo, perchè dà per scontati tutta una serie di passaggi che documentati non sono.
    E’ come quando leggi sui giornali che i politici hanno detto e fatto questo e quest’altro; e non ti domandi "ma come hanno fatto a sentire quella telefonata, quella conversazione privata?" Non ti avvisano che non è che sia andata veramente così, che è una "libera ricostruzione". Ma intanto, fesso, ci hai creduto.

    Ma facciamo un passo in là. Ammettiamo anche che sia tutto vero: che nel tempio si sia infilato il fumo del diavolo, che una serie di corrotti abbia governato le finanze vaticane per decenni. Questo rende inutile e vano tutto il cristianesimo? Dice che dietro a Dio ci sono solo i soldi, come tu affermi? E, se il cristianesimo è vano, e non esiste alcuna morale, in nome di quale morale tu condanni?
    Sai, vedendo cardinali con tonaca sdrucita e riparata qualche dubbio su questa interpretazione mi viene. Sapendo dove e con che vive quello che dovebbe essere uno dei prelati più potenti d’Italia qualche pensiero sul perchè poi dovrebbe giostrare tutti questi soldi per poi scaldarsi il caffelatte in una cucina mi giunge. Quando vedo quello che hanno messo su alcuni santi sacerdoti con l’aiuto della Provvidenza  mi dico che forse qualcuno non sa vedere, o vede solo ciò che fa comodo.
     
    O, se non lo vede, dice comunque che era così.

  40. Berlic non ti rispondo perchè non ho molto tempo. Voglio solo rispondere ad Hayalel molto velocemente.

    Cosa c’è? La tua ricerca su goggle non ha prosotto risultai? Prova con qualche altro motore di ricerca sarai più fortunato!!!!!

    Sul tuo blog fai il gradasso, moderando a destra e manca, ma senza quella protezione sei meno di niente, come ho sempre pensato.

    In realtà il libro è ben fatto, e tutto è fuorchè unattacco alla Chiesa come anche i tuooii amici dicono (http://www.cattoliciromani.com/forum/showthread.php/vaticano_spa_gianluigi_nuzzi_altri_libri_simili-29704.html?p=709731)

    Quindi come vedi non puoi smentire proprio niente!!!!!

    Conosci la differenza tra una banca vigilata e una Offshore?????

    A buoni intenditori poche parole!!!!!

    Ora ti saluto, e ringrazia il tuo Dio che non ho un attimo di tempo!!!!!

  41. A giudicare dal numero di punti esclamativi ed interrogativi, sul fare il gradasso, sembra proprio l’opposto. La cosa divertente è che ti sei appena smentito da solo visto che pochi commenti più su citavi il tuo amato libro come argomento contro la Chiesa.
    Sulla moderazione poi, mi sembra di averti lasciato dire un po’ tutto. Ti riferisci alle regole? Per la gente educata sono superflue perché automatiche. È chi ha il sogno dell’anarchia e se ne infischia di rispettare il prossimo che sta male nei confronti delle regole. Tu sei uno di questi.

    Ad ogni modo, "don’t feed the troll" recita la regola di questo blog. Hai voglia di continuare ad insultare e ridicolizzarti autocontraddicendoti, ma certo, è l’ultima volta che getto benzina sul fuoco rispondendoti. 

    Buon trollaggio

  42. Io non mi sono affatto contraddetto, sei tu che sei in malafede (e questo conferma sempre di più la mia idea: Senza lo scudo della moderazione sei meno di niente).

    Il mio ragionamento è questo: In ogni "luogo sociale" esistono persone perbene e malfattori (e questo è inevitabile) perchè non si puniscono coloro che commettono malaffari invece di chiudere gli occhi e girarsi dall’altra parte?

    Ripeto: Conosci la differenza tra una banca vigilata e una Offshore?????

    Sei troppo furbo per non capire!!! A buoni intenditori poche parole.

    Aspetto la tua famosa smentita sul citato libro. Prova con questo: http://www.bing.com/  forse sarai più fortunato

    Muoviti a cercare, ho solo la mattinata libera, poi difficilmente potrò rispondere a breve

  43. Asmodeo, secondo te perchè, nel luogo sociale con precise regole che è il mio blog, non ti taglio i commenti?
    (PS: noto che sei sempre uguale a te stesso, e oltre a fare sempre lo stesso commento continui a usare gli stessi medesimi giochetti da 4 anni a questa parte…)

  44. http://jbfle[..] VINCOLI Qualche giorno fa l’amico Berlicche rispondeva così ad un commento ad un suo post: In un commento, ieri, qualcuno si domandava come i cristiani potessero vivere pieni di vincoli. Vincolo è qualcosa che lega, che limita. Ma [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: