Ottocentotre: Gesuiti

E’ il 1848, 8 giugno. E’ appena scoppiata la prima guerra d’Indipendenza, le truppe piemontesi si muovono in Lombardia. Ma di cosa si sta occupando il governo del Regno di Sardegna?
Sta cacciando via i gesuiti.*

Il 2 marzo Carlo Alberto aveva già decretato l’espulsione di tutti i gesuiti stranieri, e l’incameramento dei loro beni. L’avvocato Cesare Leopoldo Bixio presenta un progetto di legge** riguardanti quelli "nazionali". I 160 gesuiti ancora presenti sono costantemente sorvegliati dalla polizia, i loro collegi già espropriati e convertiti ad uso militare. Ma non basta ancora, evidentemente. Di cosa li si accusa?

"Semi di discordia"  e "Rappresentanti di un funesto passato", ne dice Bixio***; "Cacciando lontano la lue gesuitica intendemmo liberare il paese dalle sue malefiche influenze, di liberare la gioventù nostra dai pericoli di un’educazione corrompitrice", chiosa Valerio. Per Bottone "Ognuno sa che la esistenza della compagnia è incompatibile colla libertà, colla civiltà, colla prosperità dei popoli." Indicativo quanto dice il massone Chenal: "L’istituto gesuitico non è tanto un ordine religioso, quanto un ordine politico con la missione di favorire la schiavitù dei popoli(…), di inculcare nell’animo ancora tenero dei fanciulli mille pregiudizi contrari alla libertà. E’ una sorta di massoneria che però, al contrario di quella che porta questo nome, non ha per fine ultimo che un dominio senza fine." Cavallera sostiene che non si può "in coscienza" essere cattolici e Gesuiti al tempo stesso, e in definitiva si sostiene che la Compagnia di Gesù è uno strumento di Satana.

Ma perchè tanto accanimento contro i Gesuiti?
Ignazio di Loyola fonda la sua Compagnia nel 1534. I Gesuiti sono tenuti ad una obbedienza totale al Papa, che li porterà da una parte ad essere missionari nelle terre più remote, Americhe, Cina e Giappone; e dall’altra a scontrarsi frontalmente con la Riforma Protestante. Spesso di elevata cultura, scienziati, universitari, di disciplina ferrea e rettitudine morale esemplare, conquisteranno posti rappresentativi nelle corti europee ottenendo con i loro collegi il monopolio dell’istruzione della gioventù che conta.
Saranno quindi i primi bersagli da abbattere per tutte quelle forze che sono ostili a Roma e che vedono in essi il maggiore ostacolo ai loro piani. "Quando avremo distrutto i gesuiti avremo buon gioco contro l’Infame": l’"Infame" che, secondo la celebre espressione di Voltaire, la rivoluzione illuministica deve "schiacciare" non è solo la Chiesa cattolica, ma è la stessa religione e infine lo stesso Dio. E Voltaire aveva studiato dai Gesuiti.

Il mito relativo alle perfidie dei gesuiti, diffuso da un complotto illuministico e massonico le cui fila sono ormai ben note, penetrerà perfino nella Chiesa e porterà nel 1773 alla soppressione temporanea della Compagnia di Gesù da parte del Pontefice Clemente XIV, moralmente e fisicamente minacciato dall’ambasciatore spagnolo, l’illuminista Monino.
Il Parlamento sabaudo decreterà alla fine l’espulsione dei gesuiti, che non saranno difesi praticamente da nessuno.

Non è che il primo passo, Voltaire aveva visto giusto. Negli anni seguenti uno dopo l’altro tutti gli ordini religiosi saranno espropriati e cacciati dai governanti piemontesi****, che giungeranno fino ad impadronirsi della stessa Roma. Spesso portando a motivo che "Per i gesuiti si era già fatto, e nessuno aveva protestato" e "Tutto ciò che è venuto a contatto coi Gesuiti deve essere considerato come contaminato".

I Savoia, in tal maniera, si procureranno le credenziali e i fondi per il loro assalto finale al resto dell’Italia. Ma di questo parleremo poi.

*Angela Pellicciari, "Risorgimento da riscrivere", ed. Ares
**Atti del Parlamento Subalpino, Documenti, I, p.66
***Atti del Parlamento Subalpino, Discussioni, I, p.125-422
**** Prima furono cacciati gli ordini "gesuitanti", poi nel 1854, tutti gli altri

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 13 maggio 2008 su 150. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. Una tesi che vorrei dare se la storia di cui mi occupo non si fermasse al VI secolo: “Studio comparato delle accuse ai gesuiti nei secoli XVII-XIX e quelle all’Opus Dei nel sec. XX: il parallelismo perfetto”.
    Si vedrebbe che coloro i quali all’epoca attaccavano i Reverendi Padri della CdG oggi attaccano, con le stesse parole, l’Opus Dei (e invece danno delle belle pacche sulle spalle al 90% dei Padri della CdG di oggi). Cosa significa? Ahimè, ho paura a dirlo.
    (sigh, sospiro…)

  2. Cabasilas, ti vorrei come relatore per una tesi del genere…

  3. Opus Dei e CL. Ho da parte un post che dice giusto questo. La lingua batte dove il dente duole…
    Comunque c’è ancora quel 10%.

  4. utente anonimo

    visto quello che sono diventati oggi i gesuiti, gli alfieri del peggior catto-comunismo, carlo alberto forse stava facendo la cosa giusta

  5. Ai tempi di Carlo Alberto erano la punta di diamante del cattolicesimo dinamico, come lo sono stati a loro tempo benedettini, francescani ecc.
    E’ nella normalità delle cose che un carisma esaurisca nel tempo la sua carica, o meglio gli uomini la smarriscano. Succederà anche a Opus Dei e Cl, e nuovi carismi più dinamici o più “originari” prenderanno il loro posto. Il prato è sempre fiorito anche se i singoli fiori nascono e muoiono.

  6. Forse una piccola precisazione: nel 1534 Ignazio e i primi compagni fanno il famoso voto di Montmartre: di andare a vivere a Gerusalemme e là dedicarsi alla predicazione; nel caso non fosse stato possibile (era il tempo delle guerre con i Turchi) sarebbero andati a presentarsi al Papa per mettersi a sua completa disposizione. La Compagnia nasce di fatto ufficialmente nel 1540.

  7. utente anonimo

    #5 succederà anche ad Opus Dei e CL???? mi sa che non sei proprio aggiornato….. ;-)))))

    Astaroth

  8. utente anonimo

    Non mi stupisce il ragionamento di Berlic: i carismi della Chiesa sono come le foglie di un albero sempreverde, cadono quando sono vecchie e deboli essendo sostituite da altre più giovani e vitali. Magari non cadono, ma passano in secondo piano…

    Non è questione di decenni spesso, ma di secoli.

    Icaro

  9. Sai, Astaroth, invece credo di avere notizie di primissima mano da entrambe i movimenti…
    Magari sei tu che leggi giornali vecchi.

  10. utente anonimo

    #9 amico mio, purtroppo per me, sono molto più aggiornato di quanto tu possa pensare….;-)

    Astaroth

  11. xAstaroth: Vabbè, un giorno mi dirai quali sono le tue fonti così potrò pensare correttamente. Se non ricordo male un paio di tuoi commenti, però, permettimi di dubitare seriamente di esse.

  12. Berlic, non so se è in programma, ma suggerisco un post ad hoc sul ruolo del romanzo gotico inglese in funzione di propaganda anticattolica.
    Io il gotico l’avevo solo studiato al liceo (scuola pubblica), e nessuno m’aveva detto mai quello che mi è stato chiaro dopo 100 pagine di lettura: “Il monaco” di Lewis, “Melmoth l’uomo errante”, “Il castello di Otranto” e così via, sono romanzi scritti con la principale funzione di parlar male della Chiesa cattolica (infatti erano ambientati sempre in Spagna e Italia).
    Tutto un immaginario collettivo si è costruito su questi romanzi, credendo che siano stati la realtà.
    Ti servisse supporto in proposito, let me know.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: