Oggi sposi V – Fecondi educatori

Le prime due domande sono centrate sui due sposi. Ma la terza imprime una accellerazione verso il futuro, d’un tratto rende palese che una famiglia non sono solo due persone.

Siete disposti ad accogliere con amore i figli che Dio vorrà donarvi e a educarli secondo la legge di Cristo e della sua Chiesa?

Il matrimonio cristiano è rendersi conto che c’è un’altra presenza che ha messo insieme un uomo e una donna. Come abbiamo detto, un rapporto totale e per sempre. Ogni rapporto è vero, vivo, se tende ad una fecondità, che è qualcosa prima che fare figli. La fecondità è accorgermi che prima di tutto è nato qualcosa, cioè sono cambiato. La prima fecondità è la capacità di perdonare l’altro. L’istanza ultima sono i figli, il dono di qualcosa d’altro, di diverso da noi.

Faccio notare quel "vorrà donarvi". I figli non sono un diritto, ma un dono. Non appartengono a noi se non perchè ci sono dati, e noi li abbiamo voluti accogliere. E chi li dona è Dio. Questo libera il campo da una serie di affanni e pretese che possono realmente rovinare non solo il matrimonio ma la vita.
Anche la sterilità fisica è compresa e accolta. E non è un qualcosa da ricercare prima, quando il figlio non si vuole, e combattere poi, quando il figlio lo si vuole a tutti i costi. L’accogliere i figli può anche volere dire figli che non sono tuoi secondo la carne; può anche volere dire accogliere malattie, insufficienze, malformazioni. E’ una visione diversa, un mondo differente da chi vede un figlio solo come un diritto dovuto, da chi è disposto ad accettarlo solo se perfetto. E che se non è perfetto lo butta via, è disposto a buttarlo via, come un regalo sgradito.

Essere disposto ad accogliere vuol dire anche che non metto ostacoli tra me e questo figlio che può arrivare. Detto in soldoni: il sesso va fatto sempre nell’ottica che un figlio può arrivare. Non sottovalutate questo. Il sesso fine a se stesso, il sesso sterile per scelta, finisce per essere appunto uno sterile atto fine a se stesso, senza più legame con la persona con cui lo si sta facendo o, peggio, non facendo. E’ il disfacimento di un rapporto.
I figli non possono essere frutto di un calcolo. Pianificare troppo è come essere sempre in lotta, come difendersi da qualcosa, e quindi essere sempre pre-occupati, sempre tristi che le cose vadano come si è pensato, e si finisce per non godere più della vita.  

Come sa bene chi è genitore, un figlio è invece sempre una presenza imprevista e imprevedibile, che si configura come un bisogno totale. Bisogno di amore, appunto, di affetto, di sicurezza. La madre è la sicurezza affettiva, il padre è la sicurezza ontologica, la solidità delle cose, colui che ti fa crescere e maturare. Occorrono ambedue i ruoli per potere forgiare una personalità equilibrata. E se voglio il bene, se desidero il bene di questo figlio, allora non lo abbandono a se stesso ma lo educo alla totalità, lo educo al bene, insomma lo educo a Dio secondo la Chiesa, che è il modo in cui Dio si rende presente agli uomini.

Se dunque si vuole essere fecondi, e generare rapporti di fecondità e amore, anche a questa domanda si risponda sì.

Puntate precedenti:
I Tre domande ed una promessaII Venuti insiemeIII Liberi e consapevoliIV Onorati amanti

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 18 luglio 2007 su Oggi sposi, tra lassù e quaggiù. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. Grazie!
    Semplicemente Grazie!
    Anche oggi, tramite te, Berlic, il Signore ha risposto a una mia domanda, a un mio dubbio, ha dissipato un’altra ombra che avevo nel cuore. Pregherò per te e per me, perché – nonostante la mia debolezza ed ignavia – il Signore voglia fare il miracolo di rendermi sempre più simile a un cristiano

  2. utente anonimo

    Due parole, di corsa, ho scoperto come fare con i figli e Dio, appena sposati, l’ho detto eravamo giovani e volevamo aspettare, ci abbiamo pensato un anno; poi, quando ci siamo detti che era il momento giusto, Lui, ha deciso di farci aspettare ancora un po’ (i figli non sono un diritto, ma lo spavento è stato tanto). Il secondo figlio, è arrivato dopo 2 anni, un’ansia per tutta la gravidanza . . . alcune mie amiche avevano abortito, partorito prima ecc. poi ho conosciuto una signora, madre di 7 figli, e mi ha detto, -tu affidati a Lui, ricattalo quando serve, io ho fatto così e sono riuscita a tirarli su bene, io dicevo, Tu me li hai mandati e adesso mi devi aiutare, darmi la forza, la capacità e la salute.- Alla terza gravidanza, dopo 2 anni, ho detto,: – Guarda, io accetto questo bambino, ma tu, aiutami nella gravidanza, e mandamelo sano e libero . . . gravidanza più rilassata, figlia affettuosa, educata anche intelligente . . . Per l’educazione religiosa, anche lì mi affido a Lui, io ho fatto del mio meglio, e ancora adesso ogni tanto una punzecchiatura la butto là, siccome sono giovani, magari miglioreranno, anche se mi dicono che in confronto . . . i miei vanno ancora bene! Se io mi accontentassi!
    il figlio di mezzo, capo scout; le due “befane”, fanno un po’ quello che vogliono. . . età, 26,24,22 . . . non posso trattarli da bambini, ma si accettano consigli, per ora faccio come S. Monica, hai visto mai?
    Saluti cari da Rosangela

  3. utente anonimo

    Mah…non voglio fare il troll ma a volte voi mi costringete.

    @Berlic: Mia nonna racconta che nella sua epoca la mancanza di figli poteva dipendere da un “malocchio”. Ma lo vuoi capire che il figlio è il perfetto funzionamento dell’apparato uro-genitale si o no?
    Basta una disfunzione ormonale, una infezione, una orchite ecc ecc e addio figli.

    @Rosa Vallo a dire a chi ha la sfortuna di avere un figlio con handicap di ringraziare il tuo Dio!!!
    In realtà anche in questo campo la scienza ha oramai dimostrato da cosa dipendono queste “anormalità”.

    X ora cerchiamo di limitare i danni che il vostro Dio ha combinato. Per i miracoli non siamo ancora attrezzati. Ma lo studio e la ricerca sono l’unica via…

  4. Vorrei sottolineare una cosa, che hai espresso già molto bene, ma mi colpisce a causa delle mie esperienze precedenti…quando il sesso è chiuso alla vita fa male alla coppia, questo lo posso affermare con certezza, anche se entrambi come adulti non cercano figli, c’è un linguaggio che non passa per la ragione che dice che quello non è Amore, e senza sapere il perchè il rapporto si affievolisce e muore, ho tante esperienze in proposito, tante persone che non vedono questa connessione di causa effetto…un pò di discernimento cristiano aiuta.

  5. utente anonimo

    giusto qualche riga prima di andare a nanna, per l’anonimo, non sono scema e neppure svampita, so cosa succede al mondo, ho fatto 3 figli, credimi in Ospedale ne vedi di tutti i colori, io ho portato ad operare mio figlio in un Ospedale dove c’erano bambini neonati (dai 2 mesi all’anno) con gravi, dico gravi malformazioni all’apparato urogenitale e all’aparato gastroenterico, per spiegarti, volgarmente, visto che non ho studiato più di tanto, tumore ai reni, e asssenza di ano, o di uretere. io e le altre mamme, con bambini con piccoli problemi,(e comunque quando ti riportano un figlio di 10 mesi dopo un’anestesia per un’ operazione di ernia bilaterale a 10 mesi e tu ne hai 28, uno shoc ce l’hai) ci sentivamo in colpa davanti a queste mamme, forti, combattive, dolci e che in qualche modo, accettavano questa prova terribile . . . ho conosciuto madri di ragazzi Down, accettare il problema, e con gioia di vivere trasmessa a tutta la famiglia, affrontare una nuova gravidanza, sicure che Dio ti è vicino. Io ultimamente, in età ormai a rischio, ho intavolato questo discorso: – Io non vado a cercare un figlio, ma se Tu pensi di mandarmelo, che sia sano, se no, dammi la forza di portarlo avanti nella vita per il meglio per tutta la famiglia.- Non sono così ingenua, ringrazio Dio di non avermi messo davanti alla prova di dover sapere dall’amniocnetesi se il figlio è OK o no, conosco una che visto l’età e il figlio che sarebbe nato malato, si è sentita consigliare, dal suo Dott., l’aborto . . .dopo che l’aveva visto e sentito nell’eco. dopo 13 anni, sta ancora male. Forse se l’avesse avuto, sarebbe stato meglio, forse peggio. Nessuno di noi ha la sfera di cristallo. Comunque io non pretendo che tutti la pensino come me, porto solo la mia esperienza, che si è maturata negli anni, con l’aiuto dell’esperienza di altri, la mia cultura che è sicuramente cristiana, ma non beota. Se il mio commento di prima ti è sembrato troppo leggero, se vuoi, domani, quando sono un po’ più sveglia, ti posso sciorinare tutti i problemi che 28 anni di matrimonio, 3 figli, 2 cani e un marito, senza contare una madre morta con un tumore al pancreas, dopo 8 mesi di sofferenze dentro e fuori dagli ospedali; una suocera per 4 anni con l’Alzheimer riconosciuta e morta dopo 3 mesi di casino, per sospetto tumore, dove non si sa, (solo per parlarti degli ultimi 5 anni). Per stasera ti dirò che se sono così, un po’ “allegra” è perchè ho scoperto che in tutto c’è gioia e che se fatto con amore e ringraziando Dio, tutto ti pesa di meno, ma ripeto, questo è per me . . . ti risulta che tenere il muso ha risolto qualche situazione? se ti incazzi, il lavoro, la vita è migliore?
    Mi scuso con il padrone di casa, non volevo scrivere troppo e forse confusionario, sicuramente tu, Berlicche avresti saputo dire meglio, vado perchè mio marito è già a letto, domani è un altro giorno e vedrò le cose con meno astio.
    Baci a tutti, saluti da un’accaldata riviera delle palme, Rosangela
    P.s. i cornioli mi piacevano molto, ma avevo 13 anni, adesso ho passato gli anta, e non la prima decade, la seconda . . . non so più come sono, sono un ricordo di un periodo in cui tutto era più semplice

  6. utente anonimo

    Per stasera ti dirò che se sono così, un po’ “allegra” è perchè ho scoperto che in tutto c’è gioia e che se fatto con amore e ringraziando Dio, tutto ti pesa di meno, ma ripeto, questo è per me . . . ti risulta che tenere il muso ha risolto qualche situazione? se ti incazzi, il lavoro, la vita è migliore?

    Oh Gesù mio!!! Ti risulta che da qualche parte ho detto che tenere il muso o incazzarsi aiuti a vivere meglio?
    Tu stessa hai detto che hai visto bambini down, senza ano, senza uretere, hai avuto una mamma morta di tumore ecc ecc ecc.

    La domanda semplice che dobbiamo porci è:

    -Perchè ci sono queste cose?
    Risposta: Non lo sappiamo.

    -Cosa possiamo fare concretamente?

    Risposta: Studiare, sperimentare investire miliardi di miliardi in ricerca e sviluppo.

    Tutto quà. Punto.

  7. Rosangela, è Asmodeo. Non capisce, o non vuole capire, il che è un po’ peggio per lui ma uguale ai fini pratici. Compatiscilo, prega per lui e lascia stare. Ma io certamente non sarei stato in grado di dire meglio, perchè come si fa a dire meglio che parlare dell’esperienza, della vita?

  8. utente anonimo

    Ultima risposta all’utente anonimo, poi passo la mano a chi è più preparato di me, sono convinta che se non ci sono risposte bisogna studiare per trovarle, e nel frattempo, mi affido a Dio, un po’ che ci aiuti a sopportare le prove, un po’ illumini gli uomini e le donne di scienza, su qual’è la soluzione migliore. sicuramente Lui, che tutto vede e sa, la soluzione ce la trova.
    Sicuramente non è la selezione prima della nascita, com’è successo quest’inverno a Firenze, mi pare, dove la mamma, convinta dagli esami di avere un bimbo molto malformato, ha deciso di “buttarlo” (non si fa così anche con i pezzi difettosi nelle fabbriche?), salvo poi scoprire che se avesse aspettato e con un po’ di fiducia, sarebbe nata una bella bambina sana. Ma guarda, sempre una mia opinione personale, non sto facendo proselitismo, è un modo diverso di affrontare le cose. Adesso ti saluto, e mi auguro di non esserti sembrata troppo acida, Rosangela
    P.s. ma tu ce l’hai un nome? e’ così impersonale “utente anonimo” come vocativo . . . simpaticamente ciao

  9. utente anonimo

    scusa berlicche, stavo scrivendo e non mi appariva il tuo, farò come dici tu. ciao Rosngela

  10. Mi batte sempre forte il sangue nel cuore quando sento parlare dei figli.
    Sarà che la gravidanza che mi ha portato alla luce è stata difficile, mi commuove la grande fragilità dell’uomo.
    Un figlio malato non è cosa facile, forse bisognerebbe stare attenti a giudicare il cuore d’una madre sicuramente spaventata… Possiamo però essere accoglienti e – da servi inutili – darle il nostro aiuto, la nostra cura. Ma quanti lo fanno usualmente?

    Mi metti in crisi berlic parlando di paternità responsabile.
    La coppia può darsi un tempo per assaporare la sponsalità? Credo di sì: è questa la liturgia dei corpi.
    Tuttavia oscurare la fecondità nel calcolo è un pericolo.
    Come conciliare responsabilità (non tanto economica, quanto educativa)e fiducia nella vita?
    Sono domande che vengono dalla non esperienza…

  11. Il tempo per assaporare la sponsalità è: tutta la vita!
    Se si mette qualcosa in mezzo, qualsiasi cosa, è già un calcolare, già un di meno. Comprensibile, ma è un di meno. E’ già un non-affidarsi.
    Se si parla di responsabilità, che ci deve comunque essere, può arrivare solo dall’usare responsabilmente quello che si ha. E’ magari non farlo nei momenti di maggiore fertilità, che se si è attenti si capiscono; questo implica sacrificio, attenzione alla totalità dell’altro, rispetto reciproco.
    Ma è impagabile quanto si guadagna nel rapporto.
    Sicuramente ne parlerò ancora.

  12. utente anonimo

    “Ultima risposta all’utente anonimo, poi passo la mano a chi è più preparato di me, sono convinta che se non ci sono risposte bisogna studiare per trovarle, e nel frattempo, mi affido a Dio, un po’ che ci aiuti a sopportare le prove, un po’ illumini gli uomini e le donne di scienza, su qual’è la soluzione migliore. sicuramente Lui, che tutto vede e sa, la soluzione ce la trova.”

    Si….come no…mentre tu aspetti il tuo Dio intanto le soluzioni le trova la scienza:

    http://www.dottorsport.info/modules/article/view.article.php?546

    Ma lo vuoi capire che il tuo tanto osannato Dio non esiste?

  13. Anonimo, se ci fosse il Dio che dici tu, uno come te verrebbe fulminato da Lui stesso. Meno male che esiste il mio Dio e non il tuo. Inoltre non ti accorgi che la scienza non fa altro che rimandare le domande ad altre deomande, dato che si occupa di enti fenomenici e non metafisici?

  14. La domanda semplice che dobbiamo porci è:

    -Perchè ci sono queste cose?
    Risposta: Non lo sappiamo.

    [bella risposta. Spiega tutto. Fondare una cosa sul nulla è molto scientifico, sai?]

    -Cosa possiamo fare concretamente?

    Risposta: Studiare, sperimentare investire miliardi di miliardi in ricerca e sviluppo.

    [hai una fede cieca in questo, senza addurre alcuna motivazione. Noi ti abbiamo dato le ragioni della nostra fede, tu non ci hai dato le tue. Un illuminista disse che l’incredulità cieca in qualcosa è data dal credere ciecamente in qualcos’altro]

  15. utente anonimo

    Grazie Berlic per l’intera serie “Oggi Sposi”.

    Volevo dirti che, proprio adesso, mi ha telefonato la mia fidanzata per chiedermi di stampare i tuoi 5 post per leggerli/approfondirli insieme durante il fine settimana.

    Un abbraccio e a presto.
    R.

  16. Felice che sia utile ad altri, così come lo è a me stesso.
    Perchè io stesso ho bisogno di capirli e ri-comprenderli.

  17. utente anonimo

    Ripasso solo adesso di qui, vorrei precisare una cosa, a Silba, non voglio giudicare la mamma di Firenze, anzi, all’epoca mi sono immedesimata nei suoi sentimenti, prima e dopo la terribile decisione. Avendo avuto tre gravidanze, puoi immaginare quanti pensieri mi sono passati per la mente, e ho pregato per lei, che non si lasciasse prendere dallo sconforto o dal senso di colpa. Ciao, affettuosamente Rosangela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: