Bellezze al bagno

Al posto d’onore su un ripiano dell’ufficio accanto al mio risiede il calendario di "Sports Illustrated", a foglietti staccabili. Una fotografia decora ognuno dei giorni dell’anno.
Ora, le immagini del calendario potrebbero rendere perplessi chi si aspettasse atleti in tenuta da gara. Invece di nerboruti professionisti le persone in posa sono "signorine in costume da bagno" che, se pure con lo sport hanno a che fare, è perchè probabilmente sono fidanzate di ricchi giocatori o comunque hanno (con ogni evidenza) il fisico per praticarlo.

Per l’uomo il prendere visione di modelle in tenuta da spiaggia non implica necessariamente un tradimento mentale. Per esso è un po’ come sfogliare il National Geographic: vedi tanti bei posti che non visiterai mai. Questo, naturalmente, vale se si è cresciuti; ovvero, se si è superato lo stadio dove il desiderio è desiderio di possesso.
Infatti che il vedere una bella ragazza possa essere piacevole per un uomo non dovrebbe scandalizzare. Intanto significa che è vivo, e poi che è in grado di gustare la bellezza. Il male non è desiderare: è volere possedere.

Il bambino, quando vede e desidera qualcosa, deve averla, possederla. Quand’è piccolo l’afferra e la mette in bocca; crescendo farà i capricci con i genitori perchè l’acquistino, fino a quando sarà in grado di farlo lui stesso.
Invece l’adulto, la persona con la mentalità adulta, arriva a capire che esiste qualcosa che è al di là della cosa materiale desiderata. Che una modella in costume da bagno è bella, ma la sua bellezza è effimera; e quanti di noi vorrebbero avere veramente accanto, nella vita di tutti i giorni, una di queste mannequin la cui abilità principale sembra essere sorridere maliziosamente (no, non rispondete…)?

L’adulto si rende conto che la bellezza, ogni bellezza, non è che l’eco di una bellezza più grande
Parmi ogni più bel volto, ovunque io miro,
Quasi una finta imago
Il tuo volto imitar. Tu sola fonte
D’ogni altra leggiadria,
Sola vera beltà parmi che sia.

                (Leopardi, Il pensiero dominante)
Che non riuscirà mai a possedere.

Lo sguardo che gusta la bellezza oltre la sua forma sensibile è quello che ogni ragazzo deve imparare per diventare adulto, e per potere sperare in un rapporto stabile con un’altra persona. Senza di questo ogni amore, anche il più grande, è destinato a finire nella delusione e nel disinganno.

Se l’uomo prudente si rende conto di non riuscire a controllare la sua brama di possesso sì, è meglio che si astenga da calendari illustrati.

Segnalazione da RadioFormigoni:
"Immacolata Concezione"
voce di Alessandro Sorrentino
Qui l’originale

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 17 maggio 2007 su meditabondazioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. utente anonimo

    ah aha aha!
    adesso berlic, ti accuseranno di mercificazione del corpo femminile…
    (perchè nel loro pensiero opposto il cristiano è uno che fa le maialate che LORO si immaginano…)
    caposkaw

  2. Non ho sempre presente il perché c’è tanta acredine verso di noi. Non per odio o paura, ma per INVIDIA. Perché noi possiamo dire, fare, sbagliare, o no, e contemporanemamente non essere determinati da ciò.
    Perché non cerchiamo, né desideriamo, l’assoluto nelle nostre parole o azioni.

  3. Però è difficile far capire loro il nostro modo di affrontare la realtà.
    Davvero!
    Sto bazzicando in mezzo a questi e mi accorgo che sono strutturalmente incapaci di comprendere: si accontentano di slogans e sono soddisfatti se trovano come risposta uno slogan, oppure se sparlano della Chiesa: è incredibile come ci prendano gusto a parlare di quello che la loro mente malata immagina!
    Sinceramente mi riesce difficile reggere dopo aver letto anche solo i titoli delle notizie che li fanno andare in brodo di giuggiole: altro che calendari con donne nude o quasi!

    Naturalmente sto parlando di un sito web nel quale bazzico per vedere se c’è qualche cattolico da non lasciare solo in quella marea così volgare e pesante.

  4. Mi verrebbe da rispondere: e perchè le donne non tengono calendari con uomini seminudi?… Ma non lo posso dire, perchè da qualche anno in qua anche le donne hanno i loro calendari di uomini seminudi…
    Il che dimostra che la mentalità gay avanza, e che è una mentalità (Grillini mi consenta) sostanzialmente omofoba: odia e perciò annulla la differenza sessuale.

  5. utente anonimo

    L’ultima grande fatica del compagno Fernando Liggio.

    “Il dovere morale di ogni essere umano è quello di far trionfare la verità autentica, non la cosiddetta verità dogmatica – consistente in una caterva di assurde menzogne spacciate per verità sacrosante – che, con l’interessata complicità del potere costituito, è usata dai gestori della religione per condizionare subdolamente inermi fanciulli – accattivandosi le loro ingenue menti immature allo scopo di garantirsi la continua sussistenza nel futuro – ed adulti sprovveduti, perseverando impunemente nel reato di abuso della credulità popolare!”

    http://www.clinamen.it/libro.php?isbn=9788884101099

  6. per il 4#: forse è che anche le donne apprezzano il corpo maschile quando è ben fatto, non capisco cosa c’entrano i gay.

  7. utente anonimo

    Nei soli Stati Uniti d’America sono 4.392 (quattromilatrecentonovantadue) i sacerdoti accusati di violenza su minore.
    In un database sono state raccolte tutte le informazioni disponibili sul caso. Eccolo

    http://app.bishop-accountability.org/member/index.jsp

  8. Beato angelico: non rispondere agli anonimi off topic. Si peggiora solo la situazione.

  9. utente anonimo

    per #3
    Cara Annav , è proprio una questione di mentalità…
    chi odia il Cristianesimo decide, coscientemente, di credere a tutte le assurdità, purchè siano contro la Chiesa.
    dopo questo assunto, si capiscono tutti gli atteggiamenti, che sono comportamenti automatici, non mediati dalla ragione.
    come il povero pistola (milananesità!) anonimo, che si comporta come un bambino dispettoso…
    caposkaw

  10. utente anonimo

    ma radio Formigoni non fa rima con radio ladroni?

  11. utente anonimo

    appunto.
    caposkaw

  12. Se a Milano si dice “pistola” eviterei di fare il riferimento a piemontesismi duri ed impietosi…per quanto riguarda il post sono evidentemente d’accordo e certo occorre ammettere che in ogni uomo, però, è sempre viva la lotta Desiderio VS Possesso…ma come già si diceva è proprio lì che si gioca la maturità.

    Un commento a parte: dopo questa serie di commenti credo che la parola “troll” possa essere considerata eufemismo.

    Dedicato a ciascun troll (piemontesamente parlando):
    Và a ciapè i rat…badola!

    Simone

  13. utente anonimo

    ah ah ah ah (risata divertita)
    caposkaw

  14. xNihilalieno: in effetti abbiamo evitato di stretta misura il calendario dei pompieri. Le colleghe sono andate tutte in maternità…

    xDiabolicamente: se ho capito bene il pensiero di Nihilalieno, è l’appiattimento della mentalità femminile sulla mentalità maschile, che nella stragrande maggioranza dei casi bada più alla fisicità che al resto (come ben sappiamo ;-).
    Il negare una specificità femminile è appunto un cavallo di battaglia gay. Su questo ci sarebbe da discutere parecchio, e non è detto che non lo farò.

    Un’ultima nota: giusto non rispondere ai troll, ringrazio comunque BeatoAngelico #7 per l’utile link che può servire a tutti per mettere in giusta prospettiva la vicenda e ribattere alla campagna di menzogne che è stata scatenata per tentare di ribattere al Family Day. Sull’argomento ho in preparazione anch’io qualcosa.

  15. utente anonimo

    Ciao Berlic,
    Ciao berlic,

    l’utile link purtroppo non e’ troppo utile, nel senso che:
    – Repubblica non fa storia: il suo vaticanista, ad una trasmissione radiofonica “La Zanzara” su Radio24, ieri sera ha detto le stesse cose riportate sul sito, che sono sbagliate (tra l’altro non trovo piu’ il link)
    – Il problema e’ il doc della Congregazione di cui era prefetto l’attuale Papa del 2001 (se vi va, fate un salto nei commenti al post che tratta la cosa da piccolozaccheo), in cui viene esplicitamente posto il segreto pontificio sulle cause presso il Tribunale Ecclesiastico a Roma, cui vengono dati per competenza TUTTI i casi riguardanti fenomeni di pedofilia che coinvolgono sacerdoti.
    Io personalmente trovo che sara’ complicato spiegare al volgo le ragioni di questo, si sta sullo stesso crinale che si percorre quando si parla di segreto della confessione…pero’ in ambito un po’ diverso (il sacramento non e’ strettamente tirato in ballo, anche se il doc se ne occupa per altri motivi)

    Un saluto a tutti, soprattutto al padrone di casa che leggo sempre con immenso piacere.
    Buona giornata
    Oreste

  16. Più che il link in questione in effetti ho trovato utile i link che si trovavano sul link…
    ad esempio http://www.canonlaw.info/2006/10/does-bbc-enjoy-being-so-far-behind.html
    e susseguenti. Da questi si evincono varie cose:
    1-Il documento era tanto “segreto” da essere pubblicato sul sito vaticano
    2-Se conoscete il latino potete leggerlo qui: http://www.lifesite.net/ldn/2006/oct/06102401.html
    3-Se lo leggete vi sarà chiaro che si sta parlando del processo canonico per una serie di colpe (come ad esempio avere violato il segreto del confessionale), e non un eventuale processo civile
    4-La segretezza deriva dalla necessità di proteggere tutti, accusati, accusatori e testimoni, che in tal modo possono essere liberi di parlare liberamente.

    Riguardo poi alla BBC, forse è bene ricordare che non si tratta di candide verginelle:
    Essa stessa ha ammesso (http://www.lifesite.net/ldn/2006/oct/06102401.html) che al suo interno hanno la prevalenza i gay anticattolici.

  17. utente anonimo

    Ma il costume, che significato culturale ha il costume per le bellezze al bagno?
    Se ‘Per l’uomo il prendere visione di modelle in tenuta da spiaggia non implica necessariamente un tradimento mentale. Per esso è un po’ come sfogliare il National Geographic: vedi tanti bei posti che non visiterai mai.’
    Dovremmo ricordare che siamo nati nudi, e che da quando noi plantigradi abbiamo lasciato l’africa, i vestiti ci occorrevano solo per proteggerci dal freddo, che ci teniamo a fare quindi quei sempre più ridotti straccetti bagnati che insistiamo a portarci addosso anche in spiaggia?
    A che servono oltre ad arricchire il venditore?

    Mara nada.

  18. utente anonimo

    ?????
    CAPOSKAW

  19. Confermo, Berlic, che avevi capito… cosa di cui non dubitava nessuno!

  20. Guarda che non è poi così facile capire le donne…appunto! ;-)

  21. Devo aggiungere per par condicio che anche il viceversa non dev’essere facile. In effetti nella prima versione del post c’era una frase che accennava al fatto che difficilmente una donna può capire la mentalità con cui un maschio guarda (o meglio, può guardare) uno di quei calendari, e che ho tolto per quieto vivere…appunto perchè avrebbe potuto essere fraintesa. Noi maschietti ci stupiamo sempre della complessità aggrovigliante secondofinista e retroipotizzante della mente femminile. Noialtri siamo moolto più diretti.
    Duh.

  22. berlic, ho l’impressione che tu ti stia arrampicando su per una pericolosa erta….
    ;-)))))
    te la cavi infinitamente meglio con questi accostamenti così improbabili ma così suggestivi fra Le Opardi e Le ‘Onigliette

  23. Berlic cio che tu scrivi “infatti che il vedere una bella ragazza possa essere piacevole per un uomo non dovrebbe scandalizzare. Intanto significa che è vivo, e poi che è in grado di gustare la bellezza. Il male non è desiderare: è volere possedere” è esattamente la stessa identica e precisa posizione di una donna.
    Appunto perché più sensibile, e meno diretta dell’uomo (spesso solo per non ferire) una donna non solo capisce la mentalità con cui un uomo guarda ma ne legge il fine.
    Se hai tolto il calendario non è per il quieto vivere, ma è per la tua santità, questo è gustare la vera bellezza.

  24. Berlic allora spetto il tuo post, intato segnalo l’interessante articolo di Repubblica di un anno fa circa postato da AlessandroG

  25. Berlic, ma sono tutti articoli in inglese!
    Quello in latino potrei capirlo, ma non l’ho trovato (forse devo cercare meglio).
    Intanto aspetto il tuo post che mi piacerebbe segnalare in un certo posto dove ci sono molti “sordi volontari”.

  26. Cara AnnaV, la sintesi dei post in inglese è più o meno quello che ho scritto. Circa le tane di sordastri, comincio ad esserne nauseato…

    XGiorgio: dici che è meglio se lascio perdere, eh? ;-)

    xGraciete: il calendario non è mio, se lo toccassi verrei linciato ;-)

  27. “Noi maschietti ci stupiamo sempre della complessità aggrovigliante secondofinista e retroipotizzante della mente femminile. Noialtri siamo moolto più diretti.”
    e noi femminucce normalmente invidiamo la vostra semplicità… tranne quando constatiamo irritate che vi rende incapaci di capirci!
    Sì, non c’è mistero più grande e bello, nella creazione, del rapporto tra uomo e donna… tranne forse che quello tra uomo e Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: