Teologia solubile XXVII – …e ha parlato per mezzo dei profeti

Premessa
Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo signore, Gesu` Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo E per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, mori` e fu sepolto. Il terzo giorno e` risuscitato, secondo le Scritture, e` salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verra`, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati, Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen

Il grande pittore di icone Andrej Rublev ha raffigurato la Trinità come tre giovani di identico aspetto intorno ad un tavolo. Sono i misteriosi visitatori di Abramo, che gli annunciano la nascita di Isacco; l’incarnarsi di quella brezza che conforta Elia, sconfortato dalla potenza del male, di quel vento che soffia gagliardo il mattino della Pentecoste sugli apostoli.

Il termine "Spirito" traduce il termine ebraico "Ruah", che nel suo senso primario significa soffio, aria, vento. Un vento che ha sempre spirato sull’uomo e dentro l’uomo, fino dalla sua creazione, quando il Signore ha alitato sul mucchietto di terra che era Adamo.
Quelllo Spirito che, come sempre fa Dio, si è servito di uomini per parlare agli uomini. Uomini da Lui scelti non tra i sapienti, gli astuti, i nobili, gli intellettuali. Ma tra i pescatori e i ragazzini e i pecorai e i balbuzienti. La potenza di Dio non è nella potenza dell’Uomo. Dice Isaia

Lo Spirito del Signore Dio è su di me,
perché il Signore mi ha consacrato con l’unzione;
mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri,
a fasciare le piaghe dei cuori spezzati,
a proclamare la libertà degli schiavi,
la scarcerazione dei prigionieri,
a promulgare l’anno di misericordia del Signore.

Nostante la apparente inadeguatezza delle persone scelte sempre lo Spirito è stato presente, in tutta la storia, parlandoci. Anche nei momenti più neri, anzi, specialmente in essi, quando tutto sembra essere perduto o inutile, e la rocca è sotto assedio.
Anche "nell’angoscia più profonda, quando il nemico assale", occorre "(…)non perdere mai di vista la totalità delle cose come stanno, e in particolare l’effettiva estensione del mondo celeste, popolato di angeli e di santi, esuberante della divina energia da cui viene senza soste investita la terra. Allora svanisce ogni paura e viene superata la tristezza di essere un "ghetto", dal momento che viviamo fin d’ora non in un ghetto, ma in una comunione affollatissima, dove con le Tre Persone divine palpitano e gioiscono le miriadi delle creature beate. Allora possiamo anche percepire quale sia il vero "assedio": il vero assedio è quello operato invisibilmente sui cuori e sulla storia dallo Spirito Santo, effuso senza pause dal Risorto che sta alla destra di Dio; dallo Spirito Santo, che si adopera senza stanchezza a praticare nelle coscienze più indurite innumerevoli brecce segrete, perché penetri e si affermi la luce e il calore della grazia. " (Giacomo Biffi)

E lo Spirito si può servire, si serve, anche di noi, della nostra inadeguatezza. Succede, è successo: e il più grande peccato, l’unico peccato veramente grande è rifiutare questo soffio. Per questo per essere veri uomini, perchè accada quello che deve essere occorrerebbe ripetere cento volte al giorno quella giaculatoria che Von Balthasar definì la sintesi del pensiero cristiano:

Veni sancte spiritus, Veni per mariam.

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 27 aprile 2007 su Teologia solubile, tra lassù e quaggiù. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. utente anonimo

    Ciao Berlic!!! Cosa significa che l’unico peccato che perde è l’impenitenza finale?

    Cosa sarebbe questa impenitenza?

    ASMODEO80

  2. utente anonimo

    E’ impressionante il brano di Ezechiele in cui Dio dice al profeta “profetizza alle ossa inaridite” e alla fine dice: “Egli aggiunse: «Profetizza allo spirito, profetizza figlio dell’uomo e annunzia allo spirito: Dice il Signore Dio: Spirito, vieni dai quattro venti e soffia su questi morti, perché rivivano». Io profetizzai come mi aveva comandato e lo spirito entrò in essi e ritornarono in vita”.
    Dio comanda ad un uomo di comandare a se stesso, e poi obbedisce al comando… Si è messo nelle condizioni di non voler fare nulla senza di noi, che non possiamo fare nulla senza di Lui. Che strano Dio che abbiamo…
    nihialieno non loggato

  3. Mio caro berlicche come va? Solo un piccolo appunto… ti raccomando, nel momento in cui scrivi ed inviti ad invocare lo spirito santo…”Veni sancte spiritus, Veni per mariam”….da parte dei tuoi seguaci… di farlo con molta parsimonia e riservatezza… specie se l’invito è rivolto anche al popolo femminile….non vorrei correre di nuovo il rischio che nasca un nuovo gesù!!!!!
    …. e chi ha la forza nuovamente di ricominciare tutto… oramai sono stanco e vecchio e questa gente mi ha stressato…e poi “non hanno nessun valore intrinseco”, pregano e cantano nella speranza di una vita migliore… ma quando mai, guarda me… non ho fatto altro che raccogliere, rubare, cercare, ricchezza su ricchezza…per questa vita….ce ne fosse un’altra veramente… mica l’avrei fatto! quindi non esegerare troppo in questi tuoi inviti!
    Abbi cura di te
    Da tuo zio Malefatta Biffi

  4. utente anonimo

    …vero che quest immagine è la SS.Trinità??
    virgy

  5. xAsmodeo: da dove hai preso “impenitenza?” Io intendevo “il peccato contro lo Spirito”, che come ha detto Cristo è “l’unico che non sarà perdonato”.

    xNihilalieno: conosco bene quel pezzo…indirettamente. Tramite T.S.Eliot. Mi ha sempre impressionato questa immagine del deserto arido (arido perchè nessuno ascolta) in cui arriva il soffio della vita.

    Se tu, Errare, avessi letto i miei post sapresti che di Gesù ce n’è e ce ne sarà uno solo, sempre. Ma a te non interessa la verità, altrimenti non potresti scrivere alla leggera simili falsità. Da persone intelligenti mi aspetto critiche ragionate e ragionevoli; calunnie e bestemmie sono per chi non si vuole neanche mettere in gioco.

    xVirgy: Sì. E’ l’Icona di Rublev di cui parlo nel testo.

  6. Vero. E alla fine, semplice.

    La differenza: avere lo Spirito o non averlo. Chiacchierare (come faccio io), o essere veri uomini. Da una parte, velleità, deboli aspirazioni, buoni propositi, dall’altra, essere cristiani. Non “buoni” cristiani. Cristiani e basta.
    Essere forti, vivi e veri.
    Ma senza lo spirito, beh, è impossibile. Almeno per me.
    Per questo, il post è per me un richiamo a chiedere lo Spirito. Sempre, senza stancarsi. Sapendo che, a chi lo chiede, verrà dato.

  7. utente anonimo

    E bravo Berlicche! Così che proprio il giorno in cui si prega per le VOCAZIONI di speciale consacrazione e per i sacerdoti, l’ultimo commento del credo è proprio sul pezzo “e ha parlato per bocca dei profeti”. E chi sono i sacerdoti (e tutti coloro che vivono da cristiani DOC) se non davvero i profeti che continuano a portare nel mondo la Buona Notizia di Nostro Signore Gesù Cristo?
    Grazie!
    Eppi

  8. Teologia solubile XXXI – …e apostolica.[..] Premessa Il sacerdote che celebra messa nella mia parrocchia è stato ordinato dal vescovo della mia diocesi. So perfettamente chi è il predecessore del vescovo attuale, e chi era vescovo qui prima di lui. E’ possibile risalire indietro n [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: