Teologia Solubile – II – Credo…

Premessa

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo signore, Gesu` Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo E per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, mori` e fu sepolto. Il terzo giorno e` risuscitato, secondo le Scritture, e` salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verra`, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati, Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.

Cominciamo? Allora, partiamo dalla prima parola. Quella importante, quella che da il titolo a tutto. Vediamo di capirla.
OK, senza sbirciare avanti: cosa vuol dire “credo“? Provate a dare una vostra definizione. Adesso.
.
.
.
E questa è la mia. Credo vuol dire: “sono convinto che“.

Una maniera di credere è l’accettazione bovina di quello che ti dicono. “Mio cuggino mi ha detto che…”
Ma chi ti dice che tuo cuggino dice la verità? Ti fidi di lui?
E’ ragionevole credere a tuo cuggino?
Credere, per il cristiano, non può e non deve essere una accettazione bovina di formule. Credere è un percorso che ha tre parti: ti arriva un’idea, un concetto (1), la confronti con la tua esperienza, con il tuo cuore (2) e quindi l’accetti proprio perchè l’hai verificata alla luce di questa esperienza (3).
E’ un cammino ragionevole solo se usi la ragione, cioè consideri la realtà nella sua totalità, senza mettere da parte niente. Corollario: niente è ragionevole se esclude qualcosa. L’escludere qualcosa per far quadrare un ragionamento si chiama preconcetto; dal punto di vista del metodo, ideologia.

Se credi ad una persona, ovvero ti fidi di quella persona, è perchè quella persona ha dimostrato di essere affidabile. Allora diventa ragionevole credere a quanto ci dice.
Questo è stato anche il metodo di Gesù. Gesù non è che è il primo giorno ha detto ai suoi discepoli “Salve, io sono la seconda persona della Trinità, adoratemi”. Ci avesse provato, gli avrebbero dato un sacco di legnate. E’ stato con loro tutti i giorni per tre anni, facendo miracoli e dicendo cose mai sentite, prima che uno di loro trovasse il coraggio e la convinzione necessaria a dire “Tu sei il Figlio di Dio”. Perchè a quel punto era convinto che fosse ragionevole crederlo.
Ha verificato: ogni altra ipotesi, a quel punto, era diventata irragionevole.

Come ci richiama il Papa, dunque, credere è usare la ragione. Quando diciamo “Credo…” è questo che intendiamo?  Nel cristianesimo, fede e ragione non si possono separare.
E di questo sono convinto.

<segue…>

Annunci

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 17 ottobre 2006 su Teologia solubile, tra lassù e quaggiù. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo signore, Gesu` Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo E per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, mori` e fu sepolto. Il terzo giorno e` risuscitato, secondo le Scritture, e` salito al cielo, side alla destra del Padre. E di nuovo verra`, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avra` fine. Credo nello Spirito Santo, che e` Signore a da` la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio e` adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati, Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verra`. Amen.

    1 Precisazione: Chi ha scritto quello di cui sopra. Di chi sono queste parole? Le ha scritte Dio? un uomo? una associazione? una confraternita?
    Chi le ha scritte?

    2 Precisazione: Credo che un server linux sia più efficace e sicuro degli altri.Cioè sono convinto che… Chi lo crede? Io. E da cosa lo deduco?
    Credo questo perchè girovagando su internet così dicono. Si ma è la realtà? Uno mi diceva che ciò non era vero.Anzi affermava che addirittura i server microsoft erano i meno bucati Non mi resta che testare i due server e vedere in 1 anno quali sono i più bucati. Solo dopo potrò dire se questa affermazione è vera…..

    Credo in un solo Dio… Sono convinto che esista un solo Dio Padre onnipotente…..
    Chi lo crede? Io. Ma è realmente così? Credo di si. Però un signore mi diceva che non è affatto vero. Secondo lui non esiste nessun Dio.
    Ok allora non ci resta che verificare direttamente……Ohhhhh!!! cavolo!!!
    La verifica diretta empirica in questo caso non si può fare.
    E allora chi ha ragione io o il signore che nega tutto?
    Boh? Facciamo una cosa ognuno si tiene le sue convinzioni.

  2. Dio è uno e trino.
    Cosa sarebbe successo se Gesù avrebbe ceduto alle tentazioni di Satana?

  3. Credo, fermamente credo, che se Gesù avesse ceduto alle tentazione di Satana sarebbe stato fallibile, quindi non Dio (che è infallibile), quindi credo che non staremmo neanche qui a parlarne. Gesù è la seconda persona del Dio uno e trino. E’ perfetto come il Padre, non può fallire, ecco perchè crediamo in Lui.

  4. utente anonimo

    Interessantissima la posizione di Asmodeo:
    Credo che un server linux sia più efficace e sicuro degli altri, chi crede? Io.
    Servono due cose per credere, il soggetto (io) e l’oggetto (credo che), quindi il credere stesso è un fenomeno relativo, soggetto e oggetto si confermano l’un l’altro, senza l’uno l’altro non c’è.
    La verità quindi è quello che tu pensi vero, quindi fenomeno relativo.
    In Cristo lo sapeva, chiedeva infatti – Tu chi pensi che io sia?-
    Propongo di approfondire il modo in cui apprendiamo, anche da un punto di vista informatico.
    Ed analizzare cosa sia l’io che apprende.

    Ciao a tutti Nada.

  5. utente anonimo

    Interessantissima la posizione di Asmodeo:
    Credo che un server linux sia più efficace e sicuro degli altri, chi crede? Io.
    Servono due cose per credere, il soggetto (io) e l’oggetto (credo che xxxx), quindi il credere stesso è un fenomeno relativo, soggetto e oggetto si confermano l’un l’altro, senza l’uno l’altro non c’è.
    La verità quindi è quello che tu pensi vero, quindi fenomeno relativo.
    In Cristo lo sapeva, chiedeva infatti – Tu chi pensi che io sia?-
    Propongo di approfondire il modo in cui apprendiamo, anche da un punto di vista informatico.
    Ed analizzare cosa sia l’io che apprende.

    Ciao a tutti Nada.
    p.s.:. ho leggermente modificato il messaggio.

  6. Asmodeo: “La verifica diretta empirica in questo caso non si può fare.”

    ahi ahi, e proprio questo il punto in cui ti sbagli.

    La verifica diretta su Dio si può fare dal momento in cui si è incarnato.
    Proprio perché è il modo più ragionevole e umano per farsi conoscere.

    Dio è risorto e “vive” in mezzo a coloro che credono in lui.
    Questa è la Pretesa della Chiesa, essere il prolungamento dell’esperienza di Cristo del mondo.
    di Cristo stesso.

    Ma se tu a priori affermi che questo non è possibile, senza averci nemmeno provato, è chiaro che non potrai conoscerlo mai.

    Sherlock Holmes diceva:
    “Quando hai vagliato escluso tutte le cose che ritenevi possibili, ciò che rimane, per quanto incredibile, deve essere la Verita”.

  7. utente anonimo

    @Lampisterio:
    La frase: Dio è risorto e “vive” in mezzo a coloro che credono in lui.
    Questa è la Pretesa della Chiesa, essere il prolungamento dell’esperienza di Cristo del mondo, di Cristo stesso.

    La modificherei così:

    Dio è risorto e “vive” in coloro che credono in lui.
    Questa è la Pretesa della Chiesa, essere il prolungamento dell’esperienza di Cristo del mondo, di Cristo stesso.

    Questa sarebbe condivisibile con quanto ho esposto sopra.
    Nada.

  8. Asmodeo,
    le parole di cui sopra le hanno scrite due concili della Chiesa, il Concilio di Nicea e il concilio di Costantinopoli, per cui (come avevo scritto nelle premessa) il nome “ufficiale” del Credo è “Simbolo Niceno Costantinopolitano”. Questo avveniva circa millesettecento anni fa. nasce dalla necessità di precisare meglio i confini della fede cristiana (in effetti forse avrei dovuto dirlo nelle premesse, anche se pianificavo di dettagliare in seguito)
    2-Parli con persone di cui ti fidi, che sai professionali. Confronti i dati. E poi fai comunque esperienza personale. Se un tuo amico ti dice, “guarda, ho installato ambedue, questo è più sicuro ma è un incubo la manutenzione” allora che fai? Gli credi.
    Se ognuno si tenesse le sue convinzioni staremmo ancora a grattarci sugli alberi. Non è più ragionevole cercare di capire chi ha ragione, cercando di capirne i riflessi sulla vita e le conseguenze?

    xNada: sbagli. L’oggetto è il server Linux, non la conoscenza in sè. E l’oggetto è oggettivo, non relativo.
    Gesù chiedeva “Chi dite che io sia”, e gli fu risposto “Tu SEI il figlio di Dio”. Più oggettivo di così…

  9. Ehi, Nada, ripigli con il giochino dei “piccoli” aggiustamenti per far dire ciò che vuoi, invece di quello che è?
    Ma la realtà è ostinata, non relativa. I piccoli particolari sono veri come i grandi, anche se sono scomodi alla teoria. Ideologia è proprio questo: tentare di modificare il reale per adattarlo ai proprii schemi. Prova a cambiarti il colore degli occhi…è solo un piccolo particolare.

  10. Ho provato anch’io a fare il “giochino”, dando una definizione di “Credo” senza sbirciare oltre.

    Istintivamente, la risposta che mi è venuta fuori è:
    “Ci sto!”
    Il che non è forse il massimo sul piano dottrinale, ma rende l’idea di un’adesione che – almeno tentativamente – non vuole e non può essere meramente intellettuale.

    È, in fondo, la stessa espressione che utilizzerei se dovessi dare la definizione della parola “Amen”

    Buona giornata!
    Cuoredipizza
    __________

    La vita è saporita…
    ad Jesum per Mariam

  11. utente anonimo

    #Berlicche:
    -xNada: sbagli. L’oggetto è il server Linux, non la conoscenza in sè. E l’oggetto è oggettivo, non relativo.-

    Spiacente, Tutto quello di cui ho conoscenza diretta è l’immagine che ho costruito nella mia mente dell’oggetto, immagine costruita elaborando i dati che provengono dai sensi, i quali non è detto che siano sempre validi!!

    – Gesù chiedeva “Chi dite che io sia”, e gli fu risposto “Tu SEI il figlio di Dio”. Più oggettivo di così…-

    Appunto! per quello a cui fu chiesto Gesù è il figlio di Dio!

    – Ehi, Nada, ripigli con il giochino dei “piccoli” aggiustamenti per far dire ciò che vuoi, invece di quello che è?-

    Volevo solo mostrare una posizione condivisibile, perfino alla scienza!
    o chiedete elasticità solo da parte degli interlocutori?

    – Ma la realtà è ostinata, non relativa. I piccoli particolari sono veri come i grandi, anche se sono scomodi alla teoria. Ideologia è proprio questo: tentare di modificare il reale per adattarlo ai proprii schemi. Prova a cambiarti il colore degli occhi…è solo un piccolo particolare.-

    Mi pare che stavamo cercando di definire il reale..
    Non serve che cambi il colore degli occhi del mio corpo (Non mi identifico con esso), ci sono un sacco di persone che hanno leggeri difetti nella percezione dei colori, senza essere del tutto daltonici, ognuno li vede di un colore diverso, ma tutti lo chiamano ‘verde’ solo perchè così hanno appreso.

    In quello che tu chiami reale non c’è nulla che duri in eterno, ieri parlavamo degli elementi dell’ atomo che decadono da soli, se non sono eterni significa che sono relativi, provvisori, mutevoli, come puoi prenderli come base per definire il reale?
    Senza contare che il significato ‘reale’ sei tu che lo attribuisci, senza la tua mente che lo percepisce nessun oggetto ha di per se questa caratteristica.
    (So che sto dando contro alla filosofia platonica e neoplatonica, ma in realtà ‘tutto scorre’)

    Ciao Nada.

    P.S.: Mi rendo conto che ci stiamo avventurando in terreni che possono fare psicologicamente male, se questo è il caso per favore avvertitemi!

  12. utente anonimo

    Permettetemi di approfondire questa frase:
    – Spiacente, Tutto quello di cui ho conoscenza diretta è l’immagine che ho costruito nella mia mente dell’oggetto, immagine costruita elaborando i dati che provengono dai sensi, i quali non è detto che siano sempre validi!! –

    La Pubblicità è fondata su questo, non serve che l’oggetto pubblicizzato svolga veramente la sua funzione, l’importante è che tu lo creda!
    Tu Credi che il tale server sia il migliore, ma in gran parte ciò è dovuto alla pubblicità non alla tua esperienza, cionondimeno lo credi.

    Ciao Nada.

  13. utente anonimo

    Infatti hai ragione nada. I server Microzoz sono i più schifosi, e costano pure tanto, eppure grazie alla pubblicità sono i più diffusi.

  14. Come già detto, ho praticamente di meglio da fare che discutere di relativismo. Il concetto di lavoro sarà relativo, e nutrirmi o no una illusione, ma prova a non farlo.
    Tutte le tue dissertazioni non valgono a nulla fintanto che vivrai nel mondo reale. Poi, un giorno ti convincerai che i tuoi sensi ti ingannano sul muro di fronte e tenterai di passarci attraverso con la macchina. A quel punto credo cha avrai la prova pratica che il reale esiste, ma temo sarà tardi.
    PS: se quello che dici è vero, allora l’importante per te è la pubblicità, cioè il concetto che mi faccio del server, non il server in sè che per te non esiste. Quindi tu comprerai sempre Microsoft.

  15. utente anonimo

    Forse è una questione di termini, se avessi un corpo ‘reale’ ‘che esiste di per se stesso’ sarebbe immortale, ma siccome è relativo (al cibo) devo mangiare il cibo relativo, siccome è relativo è fragile e morituro non lo sbatterò in automobile contro un muro relativo, per non anticipare la mia relativa morte, che però arriverà comunque!
    Sapendo che l’immagine che mi faccio (volontariamente od involontariamente) del mondo è diversa dal mondo stesso sarò meglio attrezzato di chi non lo sa a difendermi dalla pubblicità! Sarei quindi molto meno influenzabile.
    Ciao fratello Berlik
    Nada.

  16. utente anonimo

    Infatti, funziona proprio così, non per niente Microzozz come diceva qualcuno più sopra è la marca più venduta!

    Ciao Nada.

  17. Eroico Berlic, che hai lo stomaco di sopportare le tirate infinite di asmodex e di nada.
    Non sarà mai possibile di convincerli, non dico nel merito di quanto dici (sarebbe fantadialettica), ma nel metodo, di stare zitti quando si parla di cose che non conoscono.
    E qui insorgeranno: come sarebbe a dire che non conoscono ? Confermo: inquinati da secoli di soggettivismo filosofico sempre più radicale, (Cornelio Fabro disegna una linea Scoto-Suarez-Cartesio-Kant-Hegel-Nietzsche) non conoscono la filosofia dell’Essere (di cui perfino Heidegger denunciava lo smarrimento).
    Non conoscono non perché non sappiano (forse ne sanno più di me), ma perché rifiutano di entrarci.
    E quindi, caro Berlic, tirane qualche conseguenza.
    Ciao, by Leon

  18. La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. gandhi

    “La religione è l’oppio dei popoli” Karl Marx

    Non dovete credere solo perche’ alcune cose sono contenute in antichi manoscritti,
    non dovete credere solo perche’ questa e’ la fede del vostro paese,
    non dovete credere solo perche’ siete stati indotti a farlo dai vostri genitori e dai vostri maestri,
    ma ragionate sulla verita’ delle cose,
    e se dopo averle analizzate ritenete che siano buone, allora credeteci,
    vivete in armonia con esse ed aiutate gli altri a farlo. (Budda)

    La Verità è una terra priva di sentieri… non può essere portata al nostro livello, piuttosto noi dobbiamo salire al suo… non si può portare la cima della montagna in una valle… allo stesso modo non è possibile organizzare un credo, una fede… sono aspetti intimi, non si possono né si devono organizzare… se lo fate muoiono, si cristallizzano, diventano convinzioni sistematiche, sette o religioni da imporre forzatamente agli altri… quando create organizzazioni con questi propositi, divengono puntelli, menomazioni, catene, che vi ostacoleranno sino a mutilarvi, vi impediranno di riconoscere la vostra unicità… il vostro unico ed esclusivo modo di procedere verso la Verità… nel preciso istante in cui iniziate a seguire qualcuno cessate di seguire la Verità… intendo determinare un cambiamento specifico nel mondo, e realizzerò questo mio proposito con imperturbabile concentrazione… intendo liberare l’uomo da tutte le gabbie, da tutte le paure… voglio impedire che si creino nuove dottrine o filosofie, e che si fondino nuove religioni o nuove sette…”
    Jiddu Krishnamurti.

    L’ateismo libera dalla paura della morte. L’ateismo libera dalle superstizioni. L’ateismo libera dalle menzogne delle religioni – GCV

  19. Come ho già detto, Asmodeo, non sopporterò più copiaincolla.
    Poca memoria, vero? Ma, già, l’avevo detto a Nulla.
    Spiegami una cosa: con che faccia uno da dei falsi agli altri quando non ha neanche il coraggio di un nickname?
    A parte questo,
    @Gandhi: ai gerarchi nazisti piacevano un sacco gli animali e la musica
    @Marx: il comunismo allora è l’exstasy?
    @Budda: Ok, eri un ganzo. Il mio post, in pratica.
    @Kri: Sarebbe giustissimo…ma la Verità E’ scesa al nstro livello, facendosi Uomo. Non è un annuncio, meraviglioso, sconvolgente, che rimette tutto in discussione?
    @GCV (chi è, Giorgio Viale?) Viva l’ateismo! Ti adoro, Ateismo, sei il mio dio!

    E con questo penso possa bastare.

  20. Ah, Leo, Cornelio Fabro aveva ragione. Però, vedi, non se ne accorgono, ma ogni volta che raschiano il fondo del barile il rumore fa pensare qualcuno.

  21. Berlic, il problema mi sembra che l’abbia spiegato abbastanza bene. Lo faccio per l’ultima volta dopodichè penso inutile continuare la discussione:

    Il problema non è la religione. Tu puoi credere in quello che vuoi, sei liberissimo. Così il mussulmano è libero, il buddista, chi crede a biancaneve e i sette nani può farlo benissimo.
    Questo non è un problema nè per me nè per nessuno.
    Se credere a qualcosa vi fa stare meglio bene venga.
    Ma..Ma.. NESSUNO ripeto NESSUNO pretenda di estendere le sue credenze a tutti.
    Berlic è questo il punto centrale, è questo il punto cruciale della situazione lo volete capire si o no?
    Non mi sembra sia così ostico da capire. Io non metto in discussione quello a cui credete anche se per me sono stronzate all’ennesima potenza.
    Quella che mi fa diventare una belva è che io devo sottostare a leggi di diretta conseguneza della vostra credenza.
    E voi non lo volete capire. Perchè i tanti giornali cattolici gridano al pericolo per i tanti immigrati mussulmani? Perchè dicono un giorno imporranno a tutti il velo.
    Vedi Berlic per me è la stessa cosa. Io non voglio ne l’islam ne il cristianesimo. Voglio essere libero di non credere a nulla. E prendere le scelte nella mia vita in base a ciò. Così se un giorno starò male io voglio l’eutanasia. E’ questa la battaglia di civiltà che noi atei stiamo cercando di fare. Libertà e democrazia che a differenza vostra non impone niente a nessuno. Ognuno può fare quello che vuole.
    E per cortesia non iniziamo con gli esempi strampalati.
    Adesso ti saluto, vado ai corsi.

  22. Già, giusto, LIBERO di rimanere delle tue idee. E niente esempi strampalati che possano mettere in crisi le tue affermazioni. Noto che quando non sai rispondere li etichetti sempre come “assurdi”…e in fondo hai ragione: il metodo che uso si chiama “reductio ad absurdum”, e consiste nel portare una affermazione alle sue estreme conseguenze per vedere se regge.
    Comunque, siccome il blog è mio, un esempio te lo faccio lo stesso: un tuo amico con il quale dividi l’appartamento sta facendo esperimenti di chimica, e sta provando a mischiare della cera con acido nitrico. Tu sai che così facendo il tuo amico esploderà (sta fabbricando nitroglicerina!) e gli dici di fermarsi. E lui, ma no, che dici, voglio provare, e poi sono o non sono libero di fare quel che più mi piace?
    Che fai, gli impedisci di proseguire o fai spallucce e te ne vai, “NESSUNO ripeto NESSUNO pretenda di estendere le sue credenze a tutti”?
    O glielo impedisci, se non fosse per il tuo amico almeno per l’appartamento?

  23. utente anonimo

    Ti prego di notare Berlik come una creazione NON intrinsecamente esistente, rientra facilmente in Lui, nell’ assoluto.

    Ciao fratello!
    Nada.

  24. Berlic, non voglio che fai esempi strampalati non perchè non li devi fare ma perchè sono totalmente fuori luogo.
    Una cosa è discutere sull’immanente un’altra sul trascendente.
    Tutti noi sappiamo che la nitroglicerina può esplodere. Nessuno può mettere in discussione questo. E se lo mette in discussione basta provare.
    Nel campo della “teologia” niente può essere sperimentato empiricamente.
    Questa è la grande differenza Berlic e voi non lo volete capire.
    Le leggi di questo mondo sono “studiabili” verificabili sperimentabili ecc ecc ecc.
    Le “leggi” della tua religione come del resto le altre non lo sono affatto.
    E’ questo il discrimine caro Berlic.

    L’eutanasia è una male dite voi. No dico io, se c’è il consenso del soggetto è un bene. E’ inutile che mi venite a fare ragioamenti astrusi e portarli fino alle estreme conseguenze perchè non regge. E poi seguendo questa strada si dovrebbe vietare anche la vendita dei coltelli perchè possono essere usati da squilibrati.
    Stessa cosa per il divorzio, i rapporti prematrimoniali ecc ecc.
    Voi dite che è un male io dico di no.
    Siccome siamo su due posizioni non suffragate da argomenti scientifici ognuno si tenga le sue convinzioni senza imporle all’altro.
    Potrei fare una concessione sugli embrioni. Non tocchiamoli, almeno fino a quando la scienza non ci dirà con certezza se sono vita o no.
    Ma per il resto….

  25. Certo, basta provare.
    Divorzio? La prova sono famiglie sfasciate, bambini tristi e problematici, adulti che non sanno costruire niente, una società allo sfascio – e ce li ho sotto gli occhi.
    Eutanasia? in Olanda bambini che qui crescono vengono soppressi senza fiatare. Vecchi che qui vivrebbero prendono la via del cimitero. I malati di mente vengono curati “definitivamente”. E poveri, tristi persone depresse si suicidano (è questa l’eutanasia che intendi?) tra i sorrisi dei dottori. Un altro letto libero, abbassiamo la spesa.
    Rapporti prematrimoniali? E quand’è che qualcuno ha fatto una legge contro i rapporti prematrimoniali?
    Non ti sarai lasciato prendere la mano dalla propaganda anticlericale?

    Povero, triste personaggio, Asmodeo. Ancora una volta non sai fare obiezioni o controbattere, e ti limiti a trolleggiare. “Tutti noi sappiamo…” Sì, proprio!
    Prenditi un po’ di tempo per vivere, di tanto in tanto. Quando sei in fase “tribuno del popolo” sei veramente illeggibile e, francamente, noioso.
    Cerca di essere un po’ costruttivo, o temo dovrò rialzare la bandierina-troll

  26. Berlic ti faccio una domanda e cerca di rispondere:
    Scopri che tua moglie ti mette le corna in ufficio. Cosa fai? Non divorzi?
    Questi caro berlic non sono esempi strampalati come i tuoi sono esempi reali.
    La percentuale di donne che cornificano i mariti in ufficio è altissima. Non parlo per statistiche ma per visto con gli occhi.

  27. La mia osservazione è che prima della proibizione legislativa, forse ci deve essere il convincimento etico-morale-culturale della validità personale e collettiva di un certo comportamento rispetto ad un altro.

    Se noi, chiesa, o laici cattolici, non riusciamo a convincere il mondo ad esempio che il modello di famiglia tradizionale alla lunga è quello giusto, e gli altri producono solo danni, specialmente ai bambini, la proibizione legislativa è semplicemente inutile.

    Per cui siamo chiamati ad uno sforzo enorme. Ad essere sale della terra.
    Visto che nemmeno delle verità elementari, (tipo che un bambino deve avere una madre e un padre, e non due madri) a quanto pare sono accettate da tutti.

    Non so se la strategia proibizionista sia davvero funzionale.

    Nel mio mondo ideale (vedi i mondi de “l’Occhio nel cielo” di PKD…) il divorzio e l’aborto sono permessi. Ma a nessuno passa lontanamente per la testa di divorziare o abortire.

    Spero con il mio paradosso di essere stato chiaro. di certo è un problema molto complicato.

  28. Bruce io sono ateo. Però alcune cose le devo ammettere.
    E’ ovvio che la famiglia tradizionale ti dà maggior garanzia.
    Ma come dicevo prima a me pare solo una utopia.
    Il divorzio non è mai una cosa semplice e bella. Discussioni, rimorsi, rancori sono inevitabili.
    Non è bello vedere una moglie stare con un altro dopo che ha passato una vita con te.
    Ma vedi caro Bruce, in alcuni casi e non sono pochi il divorzio è proprio necessario.
    Racconto una storia reale: Un ragazzo del mio paese si sposa. Pensa che neanche dopo 1 anno dal matrimonio divorzia dalla moglie, perchè la stessa sul luogo di lavoro si è “affezionata” ad un altro.
    La zoccola per cautelarsi va da un avvvocato e cita lui per maltrattamenti (ovviamente tutto falso). Così il povero ragazzo è costretto a passare gli alimenti. Insomma come si dice cornuto e mazziato.
    Ecco perchè a mio avviso oggi vanno supportate le unioni senza responsabilità. Non per sfasciare la famiglia ma per proteggersi dallo sfascio che già c’è.
    Tutti i miei coetanei orami ripetono che oggi visto l’andazzo non conviene sposarsi seriamente con una ragazza. Tutti vogliono divertirsi avere solo storie e basta.
    Ma questa è la conseguenza dello sfascio che GIA’ c’è.

  29. utente anonimo

    D’altra parte, quando il testo dice “io”, ciò significa innanzitutto l’essenza di Dio, che solo Dio è, perché tutte le cose sono in Dio e da Dio; fuori e senza di lui, niente è in verità, tutte le creature sono cosa meschina ed un puro nulla in rapporto a Dio. Perciò, quello che esse sono in verità, lo sono in Dio, e dunque Dio solo è, in verità.

    Sempre il solito Meister Eckhart.

    Nada.

  30. Asmo, ho citato il divorzio solo per fare un esempio e non per discuterne sul merito.
    comunque, se tu vuoi accontentarti, fa pure, la nostra società ti mette a disposizione tutto il necessario.
    e pure a basso costo.

    noi sciocchi cattolici miriamo in alto, abbiamo aspirazioni ben più elevate.
    come quelle di un amore che non finisce. e saperlo, che non finisce, nel momento in cui, in piena coscenza e libertà, diciamo “SI, lo voglio”.
    E vivere il concetto di essere “una carne sola” con la propria sposa/sposo.
    Questo è il nostro obbiettivo.

    Il tuo, io non lo conosco.
    Sono passati mesi, ma ancora non ho capito cosa vuoi.
    Se quello che vuoi è sesso, droga e rocknroll, esci e vattelo a cercare, lo troverai facilmente.

  31. Per Asmodeo:
    No, non divorzio.
    Il matrimonio cattolico ha in sè la misericordia anche per l’errore dell’altro. Siamo ormai uniti. Nella buona, e nella cattiva sorte. E questo implica anche il tradimento.
    Forse che non tradiamo continuamente, in prima battuta noi stessi? Non è il male, però l’ultima parola. E’ il perdono.
    Ma questo un ateo non può dirlo. Ed è anche per questo che non sono ateo, e vivo meglio di te.

  32. utente anonimo

    Oddio Berlic. Vorrei vedere in caso di corne se perdoneresti.
    Io certo no. Anzi ho paura che con il carattere irascibile che ho, di sicuro esco per televisione.

  33. Bisogna vedere chi, come, perchè (e se) ami…
    Io comunque, ad ogni buon conto, NON vorrei vedermi.

  34. utente anonimo

    Berlic, un tradimento è sempre un tradimento. Io non perdonerei nessuna.
    Meglio l’ergastolo che perdonare.

  35. E’ perchè non ami. E’ questo il tuo problema.

  36. utente anonimo

    Berlic ma non farmi ridere. La tua donna ti mette le corna e tu mi vieni a fare questi ragionamenti.
    Che ami e ami,minimo gli faccio fare 6 mesi di ospedale.

    Asmodeo

  37. Se una donna, lo stesso però vale per l’uomo, si sente profondamente amata dal proprio uomo, dall’uomo che Cristo le ha messo accanto non sentirà mai il bisogno di tradirlo.

  38. utente anonimo

    Cosa c’entra il divorzio e problemi familiari con il commento al Credo?
    Crediamo oramai solo al sesso?

    Nada.

  39. Nada, non è tanto questione di sesso quanto di fiducia. Ora, un “giovane” come Asmodeo non lo sa, ma il matrimonio non è solo sesso. E’ un rapporto unitivo. Il tradimento sessuale è solo l’ultimo dei tradimenti. Tu tradisci la moglie facendo tardi in ufficio invece di andare da lei. Lei ti tradisce non mettendo in tavola i tovaglioli. Ti separi dalla moglie per il colore della tappezzeria.
    Ma se credi che quella persona sia la persona che il Destino ti ha messo accanto, e che lo ha fatto per uno scopo buono; se ti guardi dentro e scopri in te le stesse miserie sue, forse ancora più grandi; se riscopri i motivi che ti hanno fatto scegliere lei (purchè non si sia trattato del solo “è brava a letto”…) …allora il rapporto può ricominciare ogni giorno. e non molli, e non la molli qualunque cosa accada. Perchè l’amore passionale viene meno, può venire meno anche la fiducia, ma ci sono legami più profondi.
    Questo è il motivo per cui ci sono tanti divorzi: si vede il primo tipo di legame, spesso il secondo, ma pochi insegnano a vedere il terzo, che potrebbe tenere ancorati nelle tempeste e riavvicinare quando le tempeste si placano. E una visione che non tiene conto di tutti i fattori, come abbiamo visto nel post, non è ragionevole.

  40. Siamo tutti imperfetti e soggetti a sbandare, forse è il caso di inserire un po di convinta compassione nei nostri rapporti, se posso sbandare io, può sbandare anche lei! speriamo di riuscire a perdonarci!!!

  41. Cos’è la verita?
    http://www.emsf.rai.it/grillo/trasmissioni.asp?d=48

    Il punto di vista di Emanuele Severino.

    – Vale la pensa di sentire il mio discorso solo se non è mio, se non è prodotto di un individuo.-

    Ecco perchè non ritengo utile “Individualizzarmi” (come utente splinder per esempio).

  42. Piccolo Zaccheo ha definito a suo tempo Severino, non a torto, come “Circoncellione autolatrico”.
    E’ singolare come sembri sempre sul punto di dire qualcosa di significativo che poi si riduce ad una serie di slogan. Gratta gratta, trovi il nulla.

  43. La verità non è mai stata trovata perché la possediamo già da sempre. Non è che sia, ripeto, quella casa laggiù in cui si debba entrare. A costo di scandalizzarvi, ricordo che a Gesù, quando è sulla croce, il ladrone dice: “Signore oggi ricordati di me”. Gesù gli risponde: “Quest’oggi tu sarai con me in Paradiso”. Ciò a cui questo discorso – che tento di portare alla luce, al di là della storia dell’Occidente – porta è l’affermazione: “Badate, voi, noi, tutti, siamo già da sempre in Paradiso”.
    La radice greca di Paradiso vuol dire “esser presso gli Dei”, “essere presso il divino”. Quindi io sono lontanissimo dal dire: la verità non è mai stata trovata. Non è mai stata trovata perché l’abbiamo sempre. E’ forse il linguaggio – qui verrebbe fuori il tema del linguaggio – che la occulta?
    Per tornare al cielo, questa volta non stellato, la verità è come il cielo. Se un cacciatore pensa agli uccelli e spara agli uccelli, non vede il cielo. Ma il cielo splende sempre al di sopra della sua testa. Lui crede di non vedere altro che i volatili, le migrazioni degli uccelli e magari pensa a un cielo e “Chissà mai quando mai lo vedrò! Chissà mai se lo troverò”.
    No, il cielo è qui da noi. Noi siamo nel cielo.

    Tratto dal testo di Severino indicato sopra, non dice niente? Solo slogan?

    Ciao.

  44. Guarda, esattemente il brano a cui mi riferivo. Che vuol dire “la verità la possediamo da sempre”???
    Quale la conseguenza sulla mia vita? Che qualunque cosa faccia avrò sempre ragione?
    Autolatrìa, appunto, i cui effetti si riconoscono poi quando si cerca da uscire dai cocci della propria vita.

  45. Berlik: Gratta gratta, trovi il nulla.

    Se consideriamo la Mente come un cielo, potremmo dire: «Il cielo è vasto e al di là di ogni confine. All’interno dello spazio libero del cielo c’è moto senza fine. Le nuvole appaiono e scompaiono. Appaiono dal cielo ed evaporano di nuovo in esso. Il cielo non è influenzato dalle nuvole che vi si manifestano, nemmeno quando è completamente coperto e sembra che il suo blu infinito non esista. Che noi lo si veda o meno, il cielo resta dov’è, inalterato da ciò che sembra ostruirlo. Potremmo prendere il cielo ad esempio dello stato di perfezione, e tuttavia non è nella natura del cielo essere senza nuvole».

    Già il nulla!!
    Ciao.

  46. Gratta gratta io ho trovato Dio.
    HO VINTO!!!!

  47. l’Ultima, la più grossa nuvola nel cielo è Dio!
    ciao.

  48. Teologia solubile XXXI – …e apostolica.[..] Premessa Il sacerdote che celebra messa nella mia parrocchia è stato ordinato dal vescovo della mia diocesi. So perfettamente chi è il predecessore del vescovo attuale, e chi era vescovo qui prima di lui. E’ possibile risalire indietro n [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: