Entopo, cugino di Esopo – Fiaba VII L'Agnello, il Lupo, il Leone e gli altri

Un Agnello se ne andava tranquillamente per la sua terra natale tenendo bellissimi discorsi quando incontrò un lupo. Il lupo digrignò i denti e disse all’Agnello: "Chiedimi subito scusa o ti sbrano!"
L’Agnello si fermò. "E perchè dovrei chiederti scusa?" disse, rivolto al Lupo.
"Perchè hai detto che sono violento!" ringhiò il Lupo mostrando significativamente le zanne.
"Non l’ho detto", replicò l’Agnello, "ho solo citato di passaggio un dialogo avvenuto seicento anni fa tra un imperatore e un saggio, proprio mentre la sua città era minacciata dai…"
"Mi hai provocato!"
"Ma è un dialogo storico, documentato…e poi il tema del discorso era un altro, quello della ragionevolezza della fede e da come nel mondo moderno questa sia stata attaccata dal volontarismo umanista, dalla pseudo scienza illuminista e da…"
"Bugiardo! Come puoi dialogare se mi insulti così? E se non sei stato tu, è stato tuo padre!"
In quel momento una enorme leone spuntò a poca distanza dai due. "Lupo malefico!" ruggì "Anche l’Agnello è dalla mia parte! Lo ha detto chiaramente! Alleati insieme finalmente potremo distruggerti!"
L’Agnello lo guardò perplesso: "Veramente io non…"
"Falso! Falso!" Abbaiò un grosso cane saltando fuori da un cespuglio "L’Agnello ha detto che è contro la violenza, quindi contro i leoni! E’ dalla parte di noi lup…cani, voglio dire!"
"Non prestategli ascolto" sibilò un serpente tra l’erba "sono tutte superstizioni…"
Il successivo arrivo di un elefante, un rinoceronte, due gorilla e alcuni corvi non fece che peggiorare la situazione. Gli animali presero ad azzuffarsi tra loro schiacciando tutto all’intorno.
L’Agnello si allontanò scuotendo la testa, chiedendosi "Ma a qualcuno di loro importa cosa ho detto veramente?"

Informazioni su Berlicche

Ufficialmente, un diavolo che dà consigli ai giovani demonietti. Avrai letto anche tu "Le Lettere di Berlicche" di C.S. Lewis, vero? Attenzione, però: i diavoli CREDONO in Dio. E questo in particolare svolazza, un po' su un po' giù, ma complessivamente diretto verso l'alto, verso quel cielo di cui ha nostalgia.

Pubblicato il 15 settembre 2006 su Entopo, fiaboidi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

  1. Eh… purtroppo quasi nessuno ha letto veramente tutto il discorso fatto all’Università di Regensburg; o non l’ha capito.
    Ma non credo che i vari animali citati si siano preoccupati di leggere o capire: quel che conta è difendere certe concezioni violente e irrazionali.
    E, come si è dimenticato, “Il sonno della ragione genera mostri”

  2. Un Lupo vestito d’agnello se ne andava tranquillamente per la sua terra natale raccontando storielle. La gente piena di stupore beveva avidamente da questa fonte senza porsi domande.
    Un bel giorno però, alcuni fra un rinsavimento generale, presero coscienza della situazione e cercarono in tutti i modi di convincere gli altri a non abbeverarsi più da quella fonte, la cui bontà non poteva essere dimostrata e pertanto molto pericolosa.

    In alcuni paesi limitrofi, vi era un altro Lupo, ma non vestito d’agnello. Anche questo andava raccontando storielle, e anche qui la gente beveva avidamente. Il loro cervello oramai era totalmente fuso.
    Questo Lupo però, non essendo vestito d’agnello era più violento. Aizzava i suoi sudditi contro i sudditi dell’altro Lupo vestito d’agnello.
    “Dobbiamo distruggerli” gridava. La vera stroriella è solo la nostra. L’altra è palesemente falsa.
    Anche qui alcuni prendendo coscienza cercarono di far rinsavire il popolo ma furono prontamente massacrati!!!

    Questa situazione andò avanti per un po’. Un bel giorno quando oramai gli animi erano esasperati da reciproche accuse e violenze i due lupi si affrontarono con tutti i loro sudditi.
    Dopo una breve ma intensa battaglia in cui non furono risparmiati crimini di ogni genere e usate armi tra le più micidiali la battaglia cessò.
    Sul campo si vedeva solo morte e orrore. I due lupi avevano distrutto se stessi i loro sudditi e le loro terre natali.

    Una grossa aquila, dall’alto aveva osservato tutto. Lo spettacolo sotto i suoi occhi era agghiacciante. Vi era morte e distruzione da per tutto.
    L’aquila si allontanò e scuotendo la testa disse: “Ma qualcuno li ha avvertiti che erano solo storielle???!!!!!”.

  3. anch’io sono piuttosto incazzato con Socci, ma così mi pare un po’ troppo…
    e questo Papa mi suggerisce un sacco di similitudini, ma non di certo quella dell’agnello: mi pare molto ben armato e ha anche una buona mira…
    Per il resto penso abbia ragione AnnaV, tutti parlano ma nessuno sa cosa ha detto il Papa.
    Quindi, agnello o pantera, ha ragione a domandarsi “a qualcuno di loro importa cosa ho detto veramente?”

  4. E’ senz’altro vero che ciò che ha detto il Papa non interessa a nessuno se non per qualche frase da estrapolare pro o contro il proprio preconcetto. Vorrei suggerire, però, anche un’altra possibilità: nella maggioranza dei casi non è stato proprio letto, e la reazione è stata puramente emotiva in base all’orecchiato dai mezzi di comunicazione tipo “Metro” o i lanci brevissimi in internet e via dicendo. Il discorso infatti è finissimo e presuppone tempo e attenzione da dedicarvi, intelligenza per capire, ragionevolezza per giudicare, responsabilità per trarne azioni e deliberazioni conseguenti. Ci sarebbe da aggiungere l’innamoramento che viene da un cuore inondato d’amore dallo Spirito (sì, il solito Rm 5,5) perché senza quel’amore, checché si ciarli, queste cose NON si capiscono. Cose, però, che non sono proprio abbondanti nello zoo magnificamente descritto dal demoniaco Berlicche…

  5. Anch’io sono rimasto molto colpito dalla incredibile quantità di fraintendimenti delle omelie papali da parte di quasi tutto il mondo intellettuale cosiddetto laico e non solo. Con il discorso di Monaco si dichiaravano perfettamente d’accordo sia Marcello Pera che Roberto Hamza Piccardo (quello dell’UCOII), pensate un po’. E Lerner che la butta sempre sul Papa pessimista tragico e portasfiga, e Sansonetti su Liberazione che dice “il Papa è un teocratico che odia il capitalismo” (e giustamente si chiede: con chi sto io che li odio tutti e due?), e il neocon che dice che il Papa dà l’alibi ai musulmani, e la Hack e Odifreddi per la serie anche gli scientisti nel loro piccolo s’incazzano se gli dici che la scienza non potrà mai trovare il senso della vita, e questo, e quest’altro…
    Il fatto è che questo Papa è spiazzante. Dice cose antiche, che dell’antichità hanno la saggezza e l’esperienza, con parole moderne. Questi qua leggono i suoi discorsi nuovi con i loro occhiali vecchi, molati su ideologie morte o moriture, e perciò ne deformano inevitabilmente il senso.

  6. La maggioranza di quelli che stanno manifestando non leggono Metro e Internet se la sognano…tutto quello che sanno del Papa e del suo discorso è quello che hanno sentito dal loro mullah.
    E figurati se sa qualcosa di un imperatore bizantino di tanti anni fa.
    Ma c’è qualcuno che non ci è, ci fa, dietro a tutto questo.
    Chissà se mr.Nulla lo ha letto, il discorso?

  7. Comunque stamani mattina sono stato sulla tomba di S. Pio V a dire una preghiera per il nostro Beppino….

  8. Scusatemi, ma non siete sconvolti da questa solitudine in cui stanno lasciando il nostro Papa?

    Ieri ai vari tg si vedevano le reazioni spaventose degli estremisti islamici, e ben pochi chiarimenti su quanto ha veramente detto BenedettoXVI.

    Io sono abbastanza spaventata e capisco che ci vuole davvero tanta preghiera perchè sembra non ci sia via d’uscita davanti a questo improvviso precipitare degli eventi.

  9. X Berlic: Scusa Berlic, ma cosa pretendi? Che tutti leggano il discorso del papa???

    Ma non lo vedi che il mondo è una molla tesa allo spasimo? Non lo vedi e soprattutto non lo senti che c’è un odio spaventoso?
    Basta una semplice parola male interpretata, un semplice gesto per far esplodere una rabbia cieca.
    Io strarei molto attento a questo clima. La situazione si stà esasperando pericolosamente.
    Basta un niente per far saltare la miccia. Quà si rischia una guerra nucleare.

  10. l presidente iraniano replica alle parole del Papa: «La nostra fede è la migliore per l’umanità, l’unica via per la salvezza»

    Io oramai non commento più. Lascio a voi le considerazioni. Tanto da lunedì me ne vò.

  11. Accidenti, berlic, ma perché ti diedi retta e lessi “The lord of the world” di Benson?
    Boh, sarà la pioggia che mi deprime o i cinesi che non se ne vogliono andare da qui e mi tengono in ufficio anche al sabato mattina, ma ieri sera leggendo degli attacchi al Papa mi veniva troppo in mente Padre Percy.
    Ma sì, “non prevalebunt!” e adesso me ne vado a casa a vedere la mia piccola!
    Ciao!

  12. Scusa Nulla, ma fintanto che il mondo è “una molla tesa allo spasimo” è proibito parlare del perché si è arrivati a questa situazione? Cosa cambia parlarne ora o tra dieci anni? Credi che in futuro la situazione sarà diversa? Queste personcine per bene aspettano un qualsiasi pretesto per aggredire e se oggi sono le parole del papa domani saranno le terzine di Dante o la sagra della porchetta. Con la loro reazione non fanno altro che confermare i dubbi espressi nel discorso del pontefice. Invece di pendere la palla al balzo è spiegare perché Benedetto XVI sbaglia a parlare in quel modo, gli si scagliano contro bruciando pupazzi “papali” e cercando di incendiare chiese palestinesi. Hanno perso una grande occasione ma sinceramente non ne sono sorpreso.

    Domenicotis

  13. Così, solo per comprendere il livello della Menzogna (e chi è il padre della Menzogna?). Un bell’intervento su Asia News del buon Samir Khalil Samir, gesuita egiziano:
    http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=7224

  14. Il vero scontro non è tra occidente ed oriente intesi come cristiani e islamici, ma di entrambe le religioni più totalitarie del pianeta contro la civiltà della libertà di pensiero nata con l’ illuminismo.

    MrNulla

  15. Eh, si la civiltà dell’illuminismo…

    “… Il paradosso è che I’Illuminismo anziché allargare le possibilità di vita e liberare maggiori opportunità, le impoverisce, perché esclude dai suoi orizzonti risorse e aperture che attengono ad altre dimensioni costruttive della persona umana: per esempio le facoltà religiose, simboliche, mitiche, rituali. Credere che tutto questo appartenesse ad uno stadio infantile, primitivo e tribale della società e non piuttosto all’anima umana, ha significato un impoverimento, una perdita, che ha ingigantito angosce, depressioni e solitudini. E’ stata cosi opposta la razionalità alla ragionevolezza, come scrive Serge Latouche; ma anche l’umanità astratta agli uomini concreti, il cosmopolitismo alle differenze tra i popoli, separando la ragione dalla realtà e l’umanità dalle sue radici; sostituendo nuovi pregiudizi ai vecchi. …”

    Eccellente post, come sempre, caro Berlicche! ;-)

  16. Aridaglie con l’illuminismo. Ma se i figli di quest’ideologia hanno provocato in due decenni più morti che tutte le guerre di religione messe insieme. E ora di darci un taglio, non potete uscirvene sempre con la favola dell’illuminismo che rappresenta l’epoca più bella (ma così’ bella che ha lasciato sui campi di battaglia diversi milioni di cadaveri).

    Domenicotis

  17. Scusate, ma in questo tripudio di cervelli che hanno fatto tutta l’analisi logica al discorso di Ratzinger, io non vedo una considerazione che mi sarebbe piaciuto leggere… Nessuno di voi ha pensato che, come dice Mr.Nulla, dall’altra parte potrebbero sentirsi dire le stesse identiche cose?
    Nessuno ha pensato che probabilmente, se adesso capitassimo su una piattaforma di blog egiziani (dico un posto a caso), ci sarebbe un sacco di gente che direbbe “Scusatemi, ma non siete sconvolti da questa solitudine in cui stanno lasciando la nostra religione?”?
    Nessuno ha pensato che, come voi vi sentite minacciati da loro, loro possono sentirsi minacciati da noi?

    E per favore (metto preventivamente le mani avanti), non venitemi a dire che le parole di un Papa non sono paragonabili, come livello di minaccia, a quattro scalmanati che protestano in piazza Abdullah… non cadiamo nel ridicolo…

  18. Purtroppo non sarebbe quello che leggeremmo. E’ vero che siamo percepiti come una minaccia, certo. Ma non per lo stesso motivo per il quale lo sono loro per noi. La perfetta specularità alla quale ti riferisci proprio non è vera, semplicemente. Come diversa, permettimi nonostante le tue mani avanti, è la reazione… Se l’organizzazione perfettamente orchestrata in luoghi dove non avevano ancora letto una-riga-una del discorso del Papa (manifestazioni spontanee? In luoghi dove non muove foglia che il regime non voglia? Por favor!) ti paiono “quattro scalmanati”… beh, il baratro del ridicolo si fa minaccioso…

  19. Maquesta…qui ci fa o ci è?
    Il papa li ha minacciati?
    Dove, come, quando è soprattutto perché?
    Invece di scrivere queste ridicolaggini, continuare a sorbirsi sentieri o beautiful no eh? Ah già, forse la domenica non li trasmettono…..

    Domenicotis

  20. Vedi che vuol dire saper scrivere?

    Io ho espresso lo stesso concetto in modo molto più rozzo e diretto.

    [OT]
    Today Gaudium Magnum.
    Troll >>/dev/null
    [/OT]

  21. Maquesta: cominciare un discorso citantdo un Troll non da molta forza al tuo discorso.

    Forse la mia versione più rozza e diretta del nocciolo della fiaba di berlicche è più chiara per te (vedi mio blogghino) ?

    Prima ho dimenticato:
    “Complimenti di nuovo diavolaccio d’un Berlic!”

  22. Lampisterio, cosa vieni a cercare visitatori al tuo sito sul blog di Berlic?
    E poi li vuoi anche regolarmente registrati, altrimenti potrebbero contraddirti?

  23. ARRUOLATO ANCHE IL PAPA NELLA GUERRA PER IL CONTROLLO DEL PETROLIO!!!

  24. Prima della partenza prevista alle 12 lascio il mio ultimo commento:

    Paradossale la bontà d’animo verso Ratzinger da parte della più agguerrita associazione di musulmani operante in Italia come emanazione dei fondamentalisti Fratelli Musulmani. Ma l’ Ucoii ha capito benissimo il crollo di credibilità del papa dopo le reazioni suscitate dal discorso di Ratisbona, e sa bene che il cristianesimo è una religione in via di estinzione. Quindi meglio mostrare generosità, anche per evitare il rischio di espulsione dalla Consulta Islamica. Del resto la cosa più importante per l ‘ Ucoii e per tutti i fondamentalisti è tenere avvinta la pecorella cristiana al loro carro per combattere l’unico vero avversario per la conquista islamica del mondo, gli atei e i liberi pensatori. La prova energe clamorosamente dalle parole stesse del portavoce dell’ Ucoii : “bisogna continuare a lavorare sugli elementi comuni fra le nostre religioni, come la lotta contro l’ateismo….
    Insomma, le recenti dichiarazioni del vescovo di Roma Joseph Ratzinger il cui primato, com’è noto, ha avuto origine da una delle tante lotte per la spartizione del potere intercorse tra gli stessi cristiani, suggeriscono alcune considerazioni. Se la scelta di credere in un Dio fosse veramente “ragionevole” sarebbe opportuno esaminare tutte le alternative disponibili. Limitandoci alle proposte più diffuse in occidente abbiamo il Dio degli Ebrei, integralmente derivato dalle tradizioni assiro-babilonesi con le quali questo popolo è entrato in contatto. Segue poi suo Figlio, le cui gesta riproducono quelle di mitici personaggi antecedenti (si contano almeno sedici “figli di Dio” nati in inverno, crocifissi per riscattare l’Umanità e risorti in primavera), ma non si comprende per quale motivo il Padre fornisca “regole di vita” così contraddittorie alle differenti religioni che vi fanno riferimento. Viene poi l’ultima interpretazione, proposta da un cammelliere, sulla quale è opportuno evitare qualunque considerazione scettica dal momento che i suoi seguaci sono alquanto suscettibili. Dovendo fare una scelta “ragionevole”, ritengo pertanto di gran lunga più opportuno indirizzarsi verso qualche religione politeistica, se non altro per ridurre il rischio di raccomandarsi ad un dio inesistente e, soprattutto, di fraintenderne le indicazioni. Preoccupazione condivisa dai Greci che, in un loro tempio, avevano dedicato un altare anche al “dio ignoto” al fine di non tralasciarne proprio nessuno.

  25. Al Qaeda contro il Papa
    “La Jihad non si fermerà”

    IL CAIRO – L’autocritica di Ratzinger non soddisfa al Qaeda. In un comunicato pubblicato su un sito internet, la cellula irachena dell’organizzazione terroristica promette di proseguire la jihad (la guerra santa) fino alla “sconfitta” dell’Occidente. “Questa è la nostra risposta alla denigrazione che il Papa Benedetto XVI ha fatto dell’islam e della jihad.

    ”Ai seguaci della croce – si legge nel comunicato attribuito al Consiglio consultivo dei Mujahedeen – diciamo: Preparatevi alla sconfitta. Ai tiranni e agli infedeli diciamo: aspettatevi ciò che vi affliggerà. Noi proseguiamo con la nostra Jihad e non ci fermeremo finché un solo vessillo sventolerà sul mondo”.

    Che vi dicevo??? Le religioni sono pericolose o no?
    I vari ismi come qualcuno mi ha scritto ha fatto milioni di morti. Questo è vero.
    Ma le favole ne faranno molte di più. Sono pronto a scommettere che stà volta verranno usate armi nucleari. Cose che nessun ismo per quanto atroce ha fatto.
    Chi vuole scommettere??? Questa scontro tra cattolici e mussulmani iniziato quasi come un gioco che non impensieriva nessuno stà degenerando paurosamente. Due favole a confronto che distruggeranno il mondo.
    Anche se non bisogna disperare. Un incontro diplomatico tra Allah e il vostro Dio è sempre probabile. Sarà un accordo divino.

  26. Vedi, Lampisterio, Legione non può essere sconfitto così facilmente…la sua voce “mr.Nulla” magari sarà andata via (!) ma le altre sono ancora lì.
    NON NUTRITE IL TROLL

  27. Berlic non me ne volere ma siete ridicoli.
    Per anni noi atei agnostici razionalisti abbiamo lottato per avere uno stato laico.
    Ma voi pieni di livore avete sempre tirato in ballo il vostro Dio per giustificare le vostre cazzate.
    Adesso gli islamici vi rendono pan per focaccia. Dovete provare sulla vostra pelle l’assurdità di essere sotto minaccia, di subire attentati e lutti in nome di una presunta divinità.
    Alla fine quando vi sarete massacrati a vicenda e quando finalmente capirete che nessun Dio esiste se non quello della vostra ignoranza forse potremo cominciare da zero per avere uno Stato libero.
    Libero di credere in qul che si vuole senza fanatismi o altro.

  28. “Quelle qui di seguito elencate sono soltanto alcune delle antiche divinità, tutte precedenti la venuta del Messia cristiano:

    Gautama Buddha: nato dalla vergine Maya intorno al 600 a.C.
    Dioniso: dio greco dato alla luce in una stalla da una vergine; trasformò l’acqua in vino.
    Quirino: antico salvatore romano, nato da una vergine.
    Attis: nato in Frigia dalla vergine Nana intorno al 200 a.C.
    Indra: figlio di una vergine, nato in Tibet nel 700 a.C. circa.
    Adone: dio babilonese nato dalla vergine Ištar.
    Krishna: divinità indù, nata dalla vergine Devakī intorno al 1200 a.C.
    Zoroastro: messo al mondo da una vergine nel 1500-1200 a.C.
    Mitra: nato da una vergine in una stalla il 25 dicembre del 600 a.C. circa. La sua resurrezione veniva celebrata a Pasqua.
    :
    A quanto pare i secoli hanno prodotto un buon numero di giovani illibate partorienti i figli di dio!”

  29. ADDDDDDIIIIIIIIIIIIIIOOOOOOOOOOOO!!!!!

    Sono costretto a lasciarvi. Ci rivedremo alla fine del trimestre. Cercherò di fare qualche scappatella sul sito, ma sarà difficile.

  30. UNA CHICCA SULLA RELIGIOSITÀ DEI VENETI:
    Religione: i veneziani, e i veneti in generale, venerano un generico esemplare della famiglia dei canidi, tale sentimento religioso è molto forte e diffuso al punto tale da ritrovare invocazioni a questa figura ancestrale in quasi ogni frase di più di cinque parole. La chiesa cattolica condanna come pagana e blasfema questa forma di religiosità popolare.

  31. Berlic,
    il #30 è una criptobestemmia

  32. Ma lo capiranno questi qui che sono proprio gli atei-materialisti-agnostici insieme ai clerofobici, che porgono le terga agli islamici? Se non ci fosse il cristianesimo a tenerci uniti sarebbero scomparsi da tempo sotto i colpi dei seguaci di allah?

    Domenicotis

  33. Non lo capiscono, evidentemente, ma in ogni caso lo scopo del cristianesimo non è la salvezza di questo o quello stato. E’ la salvezza di tutti.
    Non nutrite i troll. Che invito tuttavia ad approfondire la sostanziale differenza tra il cattolicesimo e le altre religioni, nonchè ad indagare, seriamente e non per sentito dire su internet, sulla discussione storica intorno ai vari miti malamente citati più su.
    Salutando “Mr.Nulla” (?) faccio solo notare che il ragionamento “una religione è sbagliata, sono tutte sbagliate”, equivale logicamente a dire “Un uomo è biondo, tutti gli uomini sono biondi”.

    PS: visto che Mr.Nulla è andato via, invito chi continua a postare dall’IP del fu di Nada a scegliersi un altro nome in modo da distinguersi da eventuali altri anonimi.

  34. Hai ragione Berlic, per cacciare Legione occorre un branco di porci in cui mandarlo a buttarsi in mare.

    Solo mi spiacerebbe per i porci, che sono innocenti…

  35. I commenti degli anonimi sono il più delle volte delle emerite sciocchezze.

    ;-)

  36. Scusa Berlic, io non ritengo di essere un troll (credo °__°) quindi mi potresti spiegare una cosa, visto che non accetto commenti dagli anonimi… perché la religione ci manterrebbe saldi contro la minaccia islamica? E soprattutto, qual è questa minaccia che non ho capito?

  37. No, Maquesta, non sei un troll (almeno credo: abiti sotto un ponte?;-)
    Quando non si crede a nulla, il più forte finisce per imporre il proprio punto di vista agli altri.
    Gli islamici stanno dicendo: statti zitto, la verità ce l’abbiamo noi, convertiti o muori (o sii succube).
    Chi ha una identità può tenere la testa dritta e dire “no”. Chi non ce l’ha dice “e perchè no?”

  38. Maquesta, se ti riferisci al commento 32 guarda bene che è firmato.

    Domenicotis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: